Home » secondo piano, vari

La preistoria dell’Atletica

1 dicembre 2012 Stampa articolo

 (sotto la traduzione)

The Religion of Records

It takes perspective to really understand the importance of an event and follow its development and consequences.

And thus, only by going back into the centuries of prehistory can we discover the narrow paths, the tortuous trails which brought man, slowly, gropingly, to those physical exercises which only much later would be called athletics, athletisme, track and field, leichtathletik, atletica leggera, urehrulehti, etc.

The Greek Civilization

In 776 B.C., a fellow named Koroebos won the race at the Olympia stadium. That year deserves particular attention: it not only indicates the official start of the history of sports and the Olympic Games, but also sets the first date in European history actually recorded in the annals of Aryan peoples.

Before that date, there is only darkness, legend and mythical tales.

In fact, we do not know exactly when Troy fell into the hands of the Greeks, nor when Ulysses returned home, yet we know the name of the first footrace champion and the exact date of his coronation, both sculpted into marble.

First among the Olympic sports, track and field stands godfather to all sports. Its priority over other competitive activities of man is as unquestionable as modern day results. lt carries the trade mark of Greek civilization, completely dedicated to worship of Zeus and was a factor in the birth of a tradition. Furthermore, there’s little wonder about this temporal first. Athletics descended directly from homo sapiens’ struggle for survival.

The need for self-preservation

The instinct of self-preservation and that of survival were for tens of thousands of years the fundamental characteristics of the human species.

Then, as soon as man felt secure, as soon as he had seen to the welfare of his clan, he went beyond his original instinct and dedicated himself to superfluous gestures, to movement for the sake of pleasure, to play and thus, to sports and consequently, to athletics.

The hunter who killed to get food for his family or fled wild beasts, started, one day, to run against his companions, to jump natural obstacles and, as a challenge, to compare strength by throwing rocks or spears which became javelins. Thus, the activities once indispensable to cavemen progressively led to the idea of emulation and later, to competition.

Remains of the Magdalenian Era teach us that men were already competing against each other in races, in an archaic way, but according to rules which took into consideration resistance, speed, sprint, and power, elements which later formed the basis of the classic events.

The Celtic Tradition

Centuries passed and man slowly established his identity. While Pindar claimed that there is no greater glory for a Greek than the use of his hands and feet, Leinster’s book, preserved at Trinity College in Dublin, shows us that thousands of kilometres from Olympia, and from Greece, the lrish Celts were organizing competitions — the Tailtean Games — which consisted, in particular, off events unknown to the Greeks, such as high jump and axle throwing, roth cleas. Thus human geniu manifested itself in two distinct points of the globe and the feats of Cuchulain, the first thrower history, can be compared to those of far away, passionate Achilles.

Celtic and Greek traditions have been perpetuate to the present day, without coming together, but no without numerous vicissitudes in the Western world.

Of a military nature among the Gaels, the athletic rites were purely religious in Greece, where the Olympic Games were, in the beginning, dedicated to Zeus and the memory of the dead. Furthermore, Greek philosophy is fundamentally different from the modern idea of competition. In the first place, there was concern about making the exercise as difficult as possible, whereas today, efforts are made to facilitate the athletes’ performances. We tend to run faster, throw farther. The Greeks were concerned with the beauty and the energy of the body and ran with lead-lined sandals on sand tracks.

The British Heritage continues

The decline of the Greek and Roman civilizations and the Barbaric invasions silenced this activity for a long time. In the British Isles, however, the magnificent isolation protected their ancestral acquisition. Long before the invasion of the Normans in 1066, each Saxon village had its own green where the inhabitants played, trained and ran. Thus grew, in merry old England the love for competition which continues to this day, despite Puritanism’s modest restraint on extremes. On the mainland and in particular, in France, physical exercise is equally appreciated. In the 13th C., an unknown poet evoked sports “to reduce, to abstain and to comfort his body…”.

Even Rabelais and Montaigne emphasized the benefits of running, but during the following centuries these values were forgotten. They were nevertheless maintained in England, Scotland and Ireland until, in the 19th C., the brilliant teacher Thomas Arnold spread a message which was to in-spire future generations : “instruct and educate, but above all, train the body and the mind.”

“Instruct and educate, but above all, train the body and the mind.”

The unification and structure of the sport

There was no turning back and England with its universities and colleges actually codified the sport, creating modern track and field in response to a basic requirement of man. Through sports, and particularly through athletics, students discover the need for free discipline, for physical education, for individual quality and for pride in the colours one wears. Soon a kind of performance epidemic spreads which, with the invention of the chronograph, turns into the religion of records.

In “l’orgue du stade”, the French writer André Obey gives a definition of this concept which convinced the world : “Measurement is the essence of athletics. Without the measuring stick and the stopwatch, this sport would be nothing but an uncertain dance which would soon tire both the audience and the dancers. Exact measurement is what keeps athletes in form. The athlete’s exploit is a magnificent game which, sooner or later, fascinates other men.”

Records which have through the decades become a cult can be explained by the very nature of track and field itself.

The need to extend individual limits

Individuals find themselves involved in a search for their own truth, their own resources. Each athlete has his own world, his own instinct, his own willpower. Today, all this is called motivation. The notion of outdoing oneself by outdoing mankind soon took wing. As writer Antoine Blondin wrote, “to extend space or to reduce it, to gain time or to bridge it are primary requirements of the species.”

Fonte “70 golden Years Iaaf”

 

LA PREISTORIA DI ATLETICA LEGGERA

La religione dei primati

Ci vuole prospettiva per capire veramente l’importanza di un evento e seguire il suo sviluppo e le conseguenze.

E così, solo andando indietro nei secoli della preistoria possiamo scoprire gli stretti sentieri, i sentieri tortuosi che hanno portato l’uomo, lentamente, a tentoni, a quegli esercizi fisici che solo molto più tardi sarebbe stato chiamato atletica, athletisme, atletica, Leichtathletik, Atletica Leggera, urehrulehti, ecc

La civiltà greca

Nel 776 aC, un tizio di nome Koroebos ha vinto la gara allo stadio Olympia. Quell’anno merita particolare attenzione: non solo indica l’inizio ufficiale della storia dello sport e le Olimpiadi, ma imposta anche il primo appuntamento della storia europea effettivamente registrati negli annali dei popoli ariani.

Prima di tale data, c’è solo oscurità, leggende e racconti mitici.

In realtà, non sappiamo esattamente quando Troia cadde nelle mani dei Greci, né quando Ulisse tornò a casa, ma sappiamo il nome della prima gara podistica campione e la data esatta della sua incoronazione, sia scolpita nel marmo.

Il primo tra gli sport olimpici, l’atletica è la madre di tutti gli sport. La sua priorità rispetto ad altre attività concorrenziali dell’uomo è indiscutibile come risultati moderni. Porta il marchio della civiltà greca, completamente dedicato al culto di Zeus ed è stato un fattore nella nascita di una tradizione. Inoltre, c’è poco da meravigliarsi su questo primo periodo. Atletica discende direttamente da homo ‘sapiens che lotta per la sopravvivenza.

La necessità di auto-conservazione, l’istinto di auto-conservazione e di sopravvivenza che sono stati per decine di migliaia di anni, le caratteristiche fondamentali della specie umana.

Poi, non appena l’uomo si è sentito al sicuro, non appena aveva visto il benessere del suo clan, è andato oltre al suo istinto originale e si è dedicato ai gesti superflui, al movimento per motivi di piacere, di giocare e, quindi, allo sport e, di conseguenza, di atletica.

Il cacciatore che ha ucciso per procurarsi il cibo per la sua famiglia o per fuggire alle belve, ha iniziato, un giorno, a correre contro i suoi compagni, a saltare ostacoli naturali e, come una sfida, per confrontare la forza lanciando rocce  o con lance che divennero giavellotti. Così le attività indispensabili per cavernicoli hanno progressivamente portato all’idea di emulazione e più tardi, alla concorrenza.

Resti dell’era Maddaleniano ci insegnano che gli uomini erano già in competizione l’uno contro l’altro in gare, con un modo arcaico, ma in base alle leggi che hanno preso in considerazione la resistenza, la velocità, sprint, e la potenza, elementi che poi hanno costituito la base degli eventi classici .

The Celtic Tradizione

Passarono i secoli e l’uomo lentamente ha stabilito la sua identità. Mentre Pindaro ha sostenuto che non c’è gloria maggiore per un greco che l’uso delle mani e dei piedi, libro di Leinster, conservato al Trinity College di Dublino, ci mostra che le migliaia di chilometri di Olympia, e dalla Grecia, i Celti lrish stavano organizzando concorsi – i giochi Tailtean – che consistevano, in particolare, attività sconosciute ai Greci, come salto in alto e lancio dell’asse, roth cleas. Celtica e tradizioni greche sono stati perpetuare fino ai giorni nostri, senza incrociarsi, ma non senza numerose vicissitudini nel mondo occidentale.

Di natura militare tra i Gaeli, i riti atletici erano puramente religiosi in Grecia, dove i Giochi Olimpici sono stati, all’inizio, dedicati a Zeus e alla memoria dei morti. Inoltre, la filosofia greca è fondamentalmente diversa dall’idea moderna della competizione. In primo luogo, ci si preoccupava di rendere l’esercizio più difficile possibile, mentre oggi, gli sforzi sono fatti per facilitare le performance degli atleti. Abbiamo la tendenza a correre più veloce, lanciare più lontano. I Greci sono stati interessati alla bellezza e all’energia del corpo e correvano con sandali rivestiti di piombo su piste di sabbia.

Il British Heritage continua

Il declino delle civiltà greca e romana e le invasioni barbariche fecero finire questa attività per un lungo periodo. Nelle isole britanniche, tuttavia, l’isolamento ha magnificamente protetto la loro acquisizione ancestrale. Molto prima che l’invasione dei Normanni nel 1066, ogni villaggio aveva il suo sassone verde privato dove gli abitanti giocavano, si addestravano e correvano. Così è cresciuto nella vecchia Inghilterra l’amore per la competizione che continua ancora oggi, nonostante fosse tenuta in modesta considerazione dal puritanesimo. Sulla terraferma e, in particolare, in Francia, l’esercizio fisico è altrettanto apprezzato. Anche Rabelais e Montaigne hanno sottolineato i benefici della corsa, ma nel corso dei secoli successivi questi valori sono stati dimenticati. Essi sono stati comunque mantenuti in Inghilterra, Scozia e Irlanda fino a quando, nel 19esimo secolo il brillante professore Thomas Arnold diffonde un messaggio che è quello di istruire le generazioni future: “istruire ed educare, ma soprattutto, allenare il corpo e la mente . ”

L’unificazione e la struttura dello sport

Non si poteva più tornare indietro e l’Inghilterra con le sue università e college in realtà codificate lo sport, la creazione di pista moderna e campo in risposta ad un requisito fondamentale dell’uomo. Attraverso lo sport, e in particolare attraverso l’atletica, gli studenti scoprono la necessità di una disciplina libera, per l’educazione fisica, per la qualità individuale e per l’orgoglio dei colori che si indossano. Ben presto una sorta di epidemia spread di rendimento che, con l’invenzione del cronografo, si trasforma in religione di record.

In “l’orgue du stade”, lo scrittore francese André Obey dà una definizione di questo concetto che ha convinto il mondo:”La misurazione è l’essenza di atletica. Senza il bastone di misura e il cronometro, questo sport non sarebbe altro che una danza incerto che si sarebbe presto stanca sia il pubblico ei ballerini. Misura esatta è ciò che mantiene gli atleti in forma. Exploit L’atleta è un magnifico gioco che, prima o poi, affascina gli altri uomini. ”

Record che sono nel corso dei decenni diventati un culto pussono essere spiegati con la natura stessa della pista e campo stesso.

La necessità di estendere i limiti individuali

Gli individui si trovano coinvolti in una ricerca della propria verità, le proprie risorse. Ogni atleta ha il suo mondo, il suo istinto, la sua forza di volontà. Oggi, tutto questo è chiamato motivazione. La nozione di superando se stessi superando gli uomini ben presto ha preso ala. Come scrittore Antoine Blondin ha scritto, “per estendere lo spazio o per ridurlo, per guadagnare tempo o per colmare lo sono i requisiti principali della specie.”

Redazione



Articoli correlati


Con Coni Ragazzi lo sport è davvero per tutti
Sport, sorrisi e sorprese: Andrea Lucchetta incanta il Polesine
Giocagin 2017,va in scena la carica dei... mille
Successo annunciato per il saggio di Ritmica Gimnasia
Ferrara Bike Night, 100 chilometri in monopattino sportivo
“Matti per lo sport” al palasport di Rovigo