Home » Calcio

Uisp, Chioggia doppietta di Cilli all’Ausonia

21 marzo 2016 367 visite Stampa articolo
Michele Cilli21^ GIORNATA CAMPIONATO INTERPROVINCIALE UISP (ROVIGO) 

  GIRONE “E”

Ac Chioggia – Ac Ausonia   2 – 0

Formazione Ac Chioggia: D’Angelo, Boscolo A., Zennaro L. (Boscolo D.), Doria A., Baldin Mi., Bonivento, Boscolo O., Doria C., Fabris, Zennaro A. (Cilli), Bullo (Tiozzo).   All. Perini

Marcatori: 2 Cilli (C).

UISP: Inarrestabile Chioggia.  Incredibile occasione persa per l’Ausonia

Quando si dice “avere la vittoria nel DNA”. L’AC Chioggia porta a casa gli ennesimi tre punti nella gara “casalinga” (giocata a Beverare!) contro l’AC Ausonia. La squadra di Sambo (guidata da Perini nell’occasione) è riuscita a trovare gli stimoli giusti per agguantare la vittoria nonostante abbia già ottenuto la qualificazione ai playoff come prima del girone, nonostante fosse la penultima gara della regoular season e soprattutto nonostante le assenze di Penzo, Cavallarin, De Ambrosi, Baldin Ma., Mura, De Bei, Colombo, Barbieri e Boscolo M..

Dopo neanche 48 ora dal recupero di campionato giocato e vinto contro l’Atletico Bellombra, la formazione chioggiotta scende in campo, seppur rimaneggiata, con la grinta giusta e con l’intento di incanalare l’undicesima vittoria consecutiva. Missione che riesce anche grazie alla strepitosa performance di Cilli, al rientro dall’infortunio subito durante la partita del campionato regionale a Spinea.

La gara inizia con i giallo-neri molto più aggressivi e vogliosi di fare risultato. D’altronde l’Ausonia aveva la possibilità, vincendo contro il Chioggia, di sperare di qualificarsi ai playoff come terza del girone. Si fa infatti pericolosa in più di qualche confusa occasione, ma i vani tentativi di segnare di Bonato e compagni si infrangono sul muro alzato dalla difesa veneziana. Tutto il primo tempo scorre con lo stesso copione: l’Ausonia, disordinata e poco concreta, che prova ad attaccare , d il Chioggia, visibilmente provato fisicamente dai numerosi impegni delle ultime settimane, che difende ed attacca in contropiede con qualche sporadica fiammata del bomber Fabris.

Nel secondo tempo nelle fila dei clodiensi entra Cilli, che sarà il “man of the match”. Il Chioggia infatti trova il gol del vantaggio dopo poco. Perfetto cross di Doria C. dalla destra a tagliare tutta l’area di rigore. Sul secondo palo arriva Boscolo O., che a sua volta mette di testa di nuovo al centro. A concludere la triangolazione aerea ci pensa appunto Cilli, che di testa mette il pallone alle spalle del portiere avversario, rimasto impietrito.

L’Ausonia non demorde e ci prova comunque. Rossi ha sui piedi la palla del pareggio. Prova infatti un destro rasoterra ad eludere l’intervento di D’Angelo in uscita, ma a salvare il gol sulla linea ci pensa Boscolo A., che permette quindi ai suoi di rimanere in vantaggio.

A chiudere definitivamente il conto ci pensa sempre Cilli, che sigla la sua personale doppietta. In un pallone rinviato dalla difesa avversaria è il neo-entrato Tiozzo a far partire un pericoloso tiro-cross in diagonale, sul quale ancora una volta è l’attaccante pugliese il più lesto ad intervenire. 2 a 0.

Questa volta l’Ausonia accusa il colpo, forse demoralizzati. Il cronometro del direttore di gara corre verso l’80° con poche altre emozioni, solo qualche polemica e qualche parola di troppo.

Con questa vittoria il Chioggia si porta a ben 52 punti, mantenendo incontrastato la vetta della classifica. Ora ad attenderlo, prima della pausa pasquale, c’è la semifinale di andata del campionato regionale contro il temibile Calto (primo nel suo girone), mentre nell’ultima giornata sfiderà la Portotollese a Cà Venier. Per l’Ausonia, “oltre al danno la beffa”. Già perché i loro diretti avversari per la conquista del terzo posto, il Donzella, ha rimediato un’imprevedibile sconfitta nel derby con la Portotollese. Vincendo con il Chioggia, infatti, l’Ausonia avrebbe potuto portarsi a soli tre punti dal Donzella, e considerato che l’ultima giornata il Donzella dovrà osservare il turno di riposo, che loro affronteranno il Cantarana fanalino di coda e che negli scontri diretti sono in vantaggio sui deltini, avrebbero potuto sperare seriamente sulla qualificazione ai playoff. Il calcio però è bello anche per la sua imprevedibilità!

Andrea Boscolo Cegion



Articoli correlati


Adriese ko con Rignanese
Parlato: “Domenica avevamo più ‘fame’"
Vittoria in rimonta
Sangiovannese con tanti numeri negativi
Mboup, debutto di lusso contro la Pianese
Scardovari. Zuccarin: “Vogliamo a tutti i costi i play off”