Home » Serie A2, Volley

Beng Rovigo: Eleonora Furlan

1 aprile 2016 Stampa articolo

Eleonora Furlan (2)La centrale Eleonora Furlan è nata a Motta di Livenza nella terra della Marca, è alta 188 centimetri. Fino ad oggi, quando mancano tre partite alla fine del campionato Furlan occupa il ventesimo posto nella classifica generale delle centrali, in 22 partite giocate ha disputato 74 set realizzando 162 punti.

Come sempre è la prima domanda che faccio è: come mai la scelta di giocare a pallavolo?

«Intanto io ho iniziato quand’ero in terza elementare quindi avevo otto anni, prima della pallavolo avevo fatto solo due anni di nuoto ma non mi era piaciuto più di tanto. Poi ho visto la pallavolo in Tv e mio papà iniziato a insegnarmi qualcosina nel giardino di casa. Questo ha succitato il mio interesse per questa disciplina e quindi ho chiesto ai miei genitori di portarmi in palestra è da lì ho iniziato e non mi sono più fermata».

Hai iniziato vicino a casa?

«Si, vicino a casa a Ponte di Piave».

Il tuo percorso pallavolistico fino ad oggi?beng cars

«Come ho detto ho iniziato vicino a casa, poi all’età di 14 anni mi ha visto ad un torneo un allenatore della squadra di San Donà. Mi hanno chiesto durante l’estate di andare da loro per provare a fare qualche allenamento,  ci sono andata e poi  mi hanno chiesto di rimanere. I miei mi hanno un po’ spinto e io sono rimasta a San Donà dove ho fatto tutte le giovanili, quindi fino ai 18 – 19 anni. Dopo grazie una collaborazione che aveva con San Donà con l’Imoco, ho avuto la possibilità di andare a fare un anno all’Imoco, questo stato l’anno scorso e quindi a inizio di questa stagione sono venuta in Beng».

Quando hai iniziato a ricoprire il ruolo di centrale?

 «Da sempre. Un po’ perché ero alta, un po’ perché comunque è un ruolo che serviva in quel momento alla squadra e quindi praticamente fin da subito».

Beng vs Filottrano - FurlanQualche hobby?

«Mi piace leggere, poi studio, mi piace studiare quindi per me non è una fatica, mi piace anche uscire con le amiche, le mie compagne e magari mangiar fuori. Rilassarmi principalmente».

Che cosa ti piace leggere?

«Romanzi più che altro, adesso ho iniziato anche leggere qualche thriller, mi piacciono anche quelli».

Mentre con lo studio che percorso stai facendo?

 «Studio scienze motorie».

Nel campo di studio che stai facendo in che cosa pensi poi i specializzarti?

 «Ancora non lo so. Ho scelto questo tipo di facoltà universitaria perché ho pensato che potesse poi anche essermi utile nella mia carriera pallavolistica, per saperne di più per quello mi riguarda».Beng vs Monza- Furlan in azione

Hai un sogno nel cassetto?

«Giocare a pallavolo il più possibile. Vorrei poter arrivare anche in A1. Sarebbe per me l’obiettivo ultimo».

Se non avessi giocato a pallavolo che cosa avresti fatto di sport?

 «Ma non saprei proprio. Una cosa che forse mi piacerebbe fare adesso è imparare a giocare a tennis».

Quando eri una bimba avevi un mito della pallavolo?

«Quando ero piccola, piccola: Simona Gioli».

Oltre a tutto questo cosa ti piacerebbe fare ancora?

«Mi piacerebbe andare ad assistere a un po’ di concerti in quanto in questi anni non ne ho mai avuto l’occasione».

Prediligi un genere musicale in particolare?

«Mi piacciono molto i cantanti italiani, Mengoni, Cremonini eccetera, e poi mi piacerebbe viaggiare o comunque scoprire posti nuovi».

FurlanSe tu avessi la possibilità di dare un suggerimento a una giovane pallavolista che inizi la sua attività che cosa ne diresti?

«Le direi che per arrivare ad alti livelli ci sono tanti sacrifici da fare e che nei momenti di difficoltà bisogna tener duro e pensare il motivo per cui si iniziato giocare a pallavolo e a quanto piace immergersi in questa disciplina».

Che cos’è che non vorresti mai sentirti dire dal tuo allenatore?

«Mi hai deluso! Beh questo è difficile che tuo per l’allenatore lo dica, invece potrebbe essere che non sono stata all’altezza della situazione».

E invece una cosa che vorresti sentirgli dire?
spot3«Un brava detto con il cuore».cts-logo
centro attività motorie

Iole Sturaro



Articoli correlati


Alva Inox batte Bassano al Trofeo Biasin
Fruvit vince facile con Chions
Il volley deltino impegnato su più fronti
Fruvit soffre ma intasca 2 punti
Al via le finali evento e le emozioni più belle dei campionati con #iostoconfipavrovigo
Fruvit regola Fratte con un netto 3-0