Home » Rugby

Rugby Rovigo con fatica ma batte Viadana

2 aprile 2016 Stampa articolo

ZaniniRugby Viadana 1970 v FEMI-CZ Rovigo 6-15 (3-9)

Marcatori: 
p.t.: 2’ c.p Basson (0-3); 39’ c.p McKinley (3-3); 41’ c.p Basson (3-6), c.p. 44’ Basson (3-9); s.t. 62’ c.p McKinley (6-9), 69’ c.p Basson (6-12), 79’ c.p Basson (6-15).


Rugby Viadana 1970:
Keanu Apperley; Manganiello, Brex, Pavan (66’ Gabbianelli), Amadasi; McKinley (cap), Khyam Apperley; Grigolon (62’ Andrea Denti), Du Plessis, Delnevo; Gerosa, Krumov (45’ Caila); Romano (54’ Cavallero), Scalvi, Cafaro (62’ Antonio Denti). all. Steyn

Rugby Rovigo:
Basson; McCann (58’ Lucchin), Menon, Van Niekerk, L. Lubian; Rodriguez, Chillon (68’ Bronzini); Ferro (cap.), Zanini (28’ Ruffolo), Bernini; Parker, Boggiani (80’ Maran); Tenga (70’ Atalifo), Momberg (66’ Silva), Quaglio. all. McDonnell


arb.
 Liperini

Cartellini: 33’ giallo a Delnevo (Rugby Viadana 1970) , 71’ giallo a Van Niekerk (FEMI-CZ Rovigo)
Calciatori:  Mckinley 2/2 (Rugby Viadana 1970),  Basson 5/7 (FEMI-CZ Rovigo);Basson

Note: campo in ottime condizioni, giornata fresca. Spettatori: 1.300 circa.

Punti conquistati in classifica: Rugby Viadana 1970  0, FEMI-CZ Rovigo  4.

Man of the match: Brex (Rugby Viadana 1970)

La FEMI-CZ Rugby Rovigo Delta fatica allo “Zaffanella” contro un Viadana agguerrito, ma riesce a portare a casa la partita vincendo 15-6. Calcio d’inizio di Basson e i rossoblu riescono a recuperare subito l’ovale ottenendo un calcio a favore dopo nemmeno due minuti dal fischio dell’arbitro. L’estremo dei Bersaglieri centra i pali per i primi tre punti del match. Rovigo si dimostra più aggressivo dell’avversario, senza però riuscire a concretizzare le buone prove nelle fasi statiche e il possesso dominante, complice Tengaanche l’intrepida difesa avversaria. I Bersaglieri hanno l’occasione per allungare al 16′ ma stavolta Basson, che pochi istanti prima aveva tentato un drop andato a finire sul palo, non è preciso dalla piazzola. Da segnalare al 28′ il ritorno in campo di Edoardo Ruffolo dopo il lungo stop per infortunio, entrato in sostituzione di Zanini (partito titolare al posto dell’influenzato Edoardo Lubian) fermato per un brutto colpo alla caviglia destra. Al 33′ i padroni di casa rimangono con un uomo in meno per un giallo a Delnevo ma i Bersaglieri non riescono a concretizzare la superiorità numerica. Il pareggio arriva al 39′ grazie al piede di McKinley, preciso alla piazzola. Subito dopo Basson tenta nuovamente il drop, andando però a colpire il palo, ma l’estremo si rifà al 41′ mettendo a segno il piazzato del 3-6. Il primo tempo termina ancora una volta dalla piazzola con Basson che mette tra i pali il terzo calcio piazzato: 3-9 e le squadre tornano agli spogliatoi. La ripresa vede i padroni di casa partire agguerriti, ma i rossoblu sono bravi a difendere la Berninipropria linea di meta evitando l’incursione dei gialloneri. Il piede di McKinley, preciso alla piazzola da più di 40 metri al 62′ per il 6-9, e i placcaggi devastanti di Brex, alla fine premiato come man of the match, rendono le cose complicate ai rossoblu che afferrano comunque l’opportunità di allungare al 68′ con un piazzato di Basson. L’estremo dei Bersaglieri ha la possibilità di replicarsi pochi minuti dopo, ma il calcio non è preciso e il punteggio rimane sul 6-12. Al 71′ Rovigo resta con un uomo in meno per un giallo per placcaggio pericoloso a Van Niekerk ma i rossoblu non si lasciano intimorire, riuscendo ad allungare grazie all’ennesimo piazzato di Basson che chiude la partita con il risultato di 6-15 per i Bersaglieri.

McCannDICHIARAZIONI: Alla fine della partita, l’head coach rossoblu Joe McDonnell commenta: “Sono contento per la vittoria contro una buona squadra, Viadana si è preparato bene per questa partita e ci ha messo molta pressione impedendoci spesso di mettere in atto il nostro piano di gioco. Sono contento per come sono andate le fasi statiche, soprattutto i drive da touche, siamo stati sfortunati a non riuscire a segnare una o due mete durante il primo tempo. Nel secondo tempo abbiamo mantenuto concentrazione e fisicità fino alla fine, riuscendo a chiudere il match definitivamente negli ultimi 10 minuti”. “Non vedevo l’ora di tornare a giocare – è il commento di Edoardo Ruffolo – ci speravo tantissimo, fino a stamattina sapevo di non essere convocato ma poi Edo Lubian è stato male e mi hanno chiamato, io ero pronto! Sapevamo che era un match difficile, Viadana ha una buona difesa e ci ha messo molta pressione, abbiamo fatto fatica a giocare la palla anche se è stata una delle partite con più alto ritmo che abbiamo giocato fino ad ora. L’importante era vincere e ci siamo riusciti. Un ringraziamento ai tifosi rossoblu che mi hanno fatto sentire tutto il loro calore quando sono entrato in campo”.Ferro

C.S.



Articoli correlati


Cappotto del Rugby Frassinelle all'Este
Rugby Rovigo Cadetta ancora al successo
Rugby Rovigo si rinforza con Federico Torres
Rugby Rovigo vince con bonus contro Lazio Rugby
Definite le avversarie stagionali del Rugby Frassinelle
Rugby Rovigo terzo al Trofeo Pedrini