Home » serie B2, Volley

Fruvit batte al tie break Villorba

17 aprile 2016 Stampa articolo

villorba fruvit la festaMarchiol Villorba – G.S. Fruvit 2-3 (25-22, 16-25, 20-25, 26-24, 13-15)

Marchiol Villorba: Genovese (15), Favaro G (2), Di Fronzo (9), Baldessin (8), Positello (13), Sottana (6), Favaro S (1), Barison (1),Buso, Davanzo, Ceschin (L). Allenatore Zanardo, Vice allenatore: Di Egidio

G.S.Fruvit: Coltro (7), Ferrari (6), Bombardi (8), Toffanin S, Tosi (22), Toffanin G (3), Battistella (5), Ferroni (21), Bolognesi (12), Stoppa, Sogari (L). Allenatore: Pantaleoni, Vice allenatore: Perilli. Scout man: Albini.

Carità di Villorba (Treviso) – Combattuta, bella, sofferta. Questi gli aggettivi da usare per la quinta gara vinta al tie break in questa stagione per Fruvit.  Partita piena di incognite per Pantaleoni, a partire dall’assenza di Negrato in ricezione, ancora malata, e sostituita dalla giovane Sogari, 66% di ricezioni positive, che ha mostrato un buon atteggiamento in campo, sorretta dalle più grandi nei momenti di difficoltà. Dall’altra parte mancava l’alzatrice titolare, infortunata nell’incontro con paese. Molti i punti segnati dalle attaccanti polesane, ottima prestazione di Ferroni e Tosi, Bolognesi ha dato il suo contributo in una serata per lei non al massimo, la prima di tutto il campionato, giocato sempre al top, anche i centrali hanno avuto un ruolo importante, sempre cercati, quando possibile, da capitan Ferrari. Insomma un’altra trasferta positiva, un segno di carattere di questa squadra che sembra aver dimenticato il mal di trasferta che la attanagliava nella passata stagione.

Pantaleoni schiera in partenza, Coltro, Ferrari, Tosi, Toffanin Giada, Ferroni, Bolognesi, Sogari libero. Partenza per le padrone di casa in vantaggio nel primo set, 8-5 il primo parziale, 16-12 il secondo, Fruvit sbaglia parecchio in battuta (8 gli errori) vengono fischiati due falli di palleggio a Ferrari, le polesane accorciano il distacco sul 23-21, ma non riescono a recuperare.

Stessa formazione nel secondo set, è Fruvit a chiudere il primo parziale tecnico in vantaggio 5-8, tre errori consecutivi giallo neri permettono alle trevigiane di riportasi sotto, 8-10, Battistella rileva Bolognesi, Villorba impatta a 10 su errori banali, secondo parziale in vantaggio per Fruvit 12-16 che comincia a prendere le misure sulle palle alte giocate dal Marchiol. Sul 14-19 Bombardi sostituisce Toffanin che fatica a passare sulle mani delle padrone di casa, Bombardi a muro si mostra incisiva, ridando fiducia alla squadra che insieme a Ferroni e Tosi vince il set.

Uno pari e partenza a razzo per Fruvit, 3-8, le ragazze di Pantaleoni sembrano aver preso le misure a Villorba, che gioca lento e con parecchi errori, la forbice si allarga, 7-14, 8-16, le trevigiane tentano il recupero, 18-22, ma inutilmente, è Tosi a mettere giù il punto finale.

Il quarto set parte alla pari, 5-5, primo parziale in vantaggio per Villorba, 8-6, che non deve perdere per restare fuori dalla zona retrocessione, è l’opposta Genovese che suona la carica alle compagne, Battistella entra nuovamente per Bolognesi, Fruvit reagisce bene, pareggia e sorpassa, 9-12, ma non dura, il secondo parziale tecnico rivede  Villorba di nuovo in vantaggio di misura,16-15, per poi allungare, 20-17. Pantaleoni predica calma e concentrazione, si gioca punto su punto, Fruvit  impatta a 24, ma poi c’è l’ennesimo regalo in difesa e si va al tie break.

Villorba sembra crederci di più e inizia bene, 5-3, ancora una volta Battistella entra per Bolognesi ,7-3. Il cambio di campo è sull’8-5, Positello e Baldessin portano il punteggio 10-5, Pantaleoni richiama la squadra, poi dal 12-7 la Fruvit che Villorba non si aspetta, grinta ,tenacia, e forse anche un po’ di fortuna, che stasera non guasta, costringono il Marchiol ad un ritmo inaspettato che le porta a tirare a rete l’attacco del possibile 14 pari. Euforia sulla panchina giallo nera per l’ennesimo tie break portato a casa in trasferta, ed un pizzico di rammarico per i troppi errori commessi nel primo set.

 

“Nel quarto set eravamo sotto, ma non abbiamo mollato, purtroppo non riusciamo a resistere per tre set continui, vinto benissimo a 16, benissimo a 20, siamo stati li per farcela ma ? E’ inutile recriminare, quando vinci 3-2 va bene, è chiaro che ci manca qualcosa, non siamo capaci di chiudere la partita quando è il momento, lasciando rimontare l’avversario, ovviamente non di proposito, a Paese e Dolo è stato cosi, serviva forse più determinazione, più grinta, chissà. Stasera ho rivisto la Ferroni dei giorni migliori, 43% in attacco, nel secondo e terzo set riusciva a passare sempre, ha avuto un calo nel quarto poi si è ripresa. Bolognesi non è stata al massimo, ha subito parecchio il fatto che sia stata murata molto, non n riusciva a prendere le misure, e forse questo l’ha disturbata, ma, non mi stanco di dirlo, è un anno che gioca a livelli altissimi, e una partita no ci sta.  Battistella si è fatta trovare pronta quando ne ho avuto bisogno; Tosi è andata bene sia in attacco (38%) che in ricezione (60%). Abbiamo fatto tanti errori nel primo set, quattordici, con otto battute sbagliate, questo ci ha portato a battere flot, contro una squadra scarsa in ricezione, con un’alzatrice che faceva solo palla alta in quattro e in due, gioco al centro non ne hanno fatto gran che, noi battendo piano non le abbiamo messe in difficoltà, negli altri set ho detto alle ragazze di riprovarci e abbiamo fatto nove punti.  Mi è piaciuta Sogari, chiamata a sostituire Negrato, compito non facile, ma l’atteggiamento tenuto in campo era quello giusto, ha avuto solo un attimo di sbandamento nel terzo set, stavamo vincendo 19-9, lei in posto uno ha subito la battuta di Favero per tre volte di fila, questo l’ha smontata un po’, ma ho visto che le compagne l’hanno aiutata a non scoraggiarsi. Ferrari ha potuto giocare con i centrali, Coltro ha fatto i suoi punti,  Bombari ha fatto un buon ingresso in campo, ha sostituito Toffanin che stava subendo il muro avversario, atlete più alte di lei la sovrastavano, Bombardi ha esordito con un primo tempo, seguito da altri, e subito è andata a muro. Facendo un conto veloce dei tie break siamo a cinque vinti e tre persi, lo ritengo un fatto più che positivo, rimpianti per quello di Udine, dove stavamo vincendo 2-0, quello in casa con Fratte, dove abbiamo gettato tre match ball, e quello alla terza di ritorno con Trieste grida ancora vendetta.”

La serie B2 Fruvit torna a giocare sabato 23 aprile, alle ore 20,30, al Pala King di S.M.Maddalena, avversario di turno, il Villadies (Ud), a 30 punti, decimo in classifica, appena fuori dalla zona retrocessione.

C.S.



Articoli correlati


Fruvit intasca l'intera posta
Alva Inox in trasferta a Verona
Facciamo muro contro la povertà: i ragazzi di strada di Dagoretti si allenano con gli eroi del volle...
Santa Fè bottino pieno con Prima e Seconda Divisione
Fruvit capitola contro Cds Volley
La partita del cuore: un successo