Home » serie B2, Volley

Fruvit cade contro Villadies

24 aprile 2016 Stampa articolo

Fruvit vs Villadies (24)Fruvit – Villadies Farmaderbe  0-3

26-28 22-25 21-25

G.S.Fruvit: Ferrari, Bombardi, Tosi,Toffanin G,Battistella, Bolognesi, Ferroni, Coltro, Stoppa, Toffanin S, Negrato(L1), Sogari(L2). Allenatore :Pantaleoni, Viceallenatore: Perilli, Scout man: Albini.

Villadies: Petejan, Nicola, Pellis,  Pulcina, Iacumin, Fanò, Martelossi, Molinaro, Donda, Pinatti, Tomasin, Di Bert, Sain. Allenatore: Manucci.

Arbitri: Nicola Bassetto e Davide Iosca

S.MARIA MADDALENA (Rovigo) – L’idea alla vigilia della partita era che Fruvit riscattasse la partita di andata contro Villadies, persa al tie break dopo essere stata in vantaggio per 2-0, al contrario sono state le avversarie a migliorare battendo le giallonere con un secco e perentorio 0-3. Le friulane si sono presentate sul campo polesano con una squadra che ha saputo fare meglio di una Fruvit che non ha tirato fuori tutta le grinta di cui dispone. Villadies ha avuto una buona difesa sia in ricezione sia nei muri difensivi mentre le rivierasche sono state poco agonisticamente aggressive. Il set giocato meglio dalle padrone di casa è stato sicuramente il primo in cui a tratti hanno imposto il loro gioco ma cui sono seguiti momenti di rilassamento che hanno permesso alle ospiti di riportarsi sempre sotto e fare un’ultima parte punto a punto e chiudere il set ai vantaggi.Fruvit vs Villadies

Negli altri due Villadies ha costretto Ferrari e compagne all’inseguimento chiudendo i parziali poi a suo vantaggio e festeggiando alla fine una meritata vittoria.

Nel primo set partono subito bene le padrone di casa che si portano su un primo parziale di 6-2. Le avversarie accorciano ma le locali si riportano sul +3-4, arrivando fino al 12-8. Le friulane però insistono e tornano ad accorciare fino poi ad impattare a16. Fruvit però da parte sua continua a spingere e si riporta a +4 sfruttando anche qualche e errore delle ospiti. Così si arriva al 20-16. Questa volta qualche errore da parte delle polesane permette ancora una volta alle friulane di ricucire lo strappo e con due ace a riportarsi in parità a 20. Si prosegue punto a punto, 24 pari, 25 pari e 26 pari. Villadies mette giù il 26-27 e poi un attacco out delle locali fa vincere il parziale alle ospiti.

Fruvit vs Villadies (15)Nel terzo set l’avvio è punto a punto almeno fino al 6 pari quindi le ospiti vanno sul +4. Fruvit con Ferroni, Bolognesi, Bombardi e ancora Bolognesi (ace) si riporta a pari punti. Le ospiti tornano in avanti e Fruvit si riporta in parità a 14. Nuovo allungo da parte delle friulane  che però questa volta riescono a mantenersi davanti anche se le rivierasche accorciano fino al 21-22. Servizio in rete da parte di Fruvit, 21-23, quindi Villadies va al vantaggio, 21-24, la fast di Toffanin annulla la prima palla set ma poi le friulane chiudono.

L’avvio di Fruvit nel terzo set dà buone speranze infatti si porta sul 4-1. Le avversarie però si riportano sotto e impattano a 5. Si prosegue punto a punto fino all’8 pari. Due errori delle locali e 2 ace di Villadies portano avanti le avversarie che questa volta si mantengono a +4 fino al 15-19. Bolognesi e , un attacco oltre alla line di fondo delle ospiti e la pipe di Tosi portano FruvitFruvit vs Villadies sul 18-19. Ancora una volta le ospiti non si lasciano superare e si riportano sul +3. Bolognesi accorcia, 19-21, un errore avversario ed è il 20-21. Fruvit sbaglia il servizio 20-22. Villadies va sul 20-24, le fruvitine annullano la prima palla set ma poi mandano fuori il servizio e le friulane possono festeggiare i tre punti preziosi intascati.

La sconfitta non comporta la perdita da parte di Fruvit della quarta piazza ma alle sue spalle si sono portate a misura Simagas Trieste e Liverani.

no images were found

Iole Sturaro



Articoli correlati


Fruvit vince l'amichevole contro Liverani Lugo
Buona la prima per la Prima Divisione di Beng Rovigo
Sfida di vertice tra Fruvit e Carinatese
Fruvit soffre ma intasca 2 punti
Il Delta Volley torna in campo
Delta Volley: In regia Emiliano Bosetti