Home » vari

La prima “Festa Coni Young” è pronta a riportare i giovani al centro dell’attenzione

Lucio Taschin: “Non consegneremo solo premi, ma lanceremo un forte segnale sulla futura gestione della politica dello sport”.
27 aprile 2016 Stampa articolo

Lucio TaschinDietro il sipario è già tutto pronto. La prima “Festa Coni Young” è pronta a riportare i giovani sul palcoscenico dello sport polesano. Giovedì 28 aprile a partire dalle 17.30 la palestra di San Pio X a Rovigo sarà teatro di un evento che mai prima d’ora la nostra provincia aveva avuto. Ad essere protagonisti non saranno campioni affermati, ma giovani Under 15 che dedicano allo sport le ore lasciate libere dallo studio. Non solo ragazzi vincitori di titoli o medaglie nelle rispettive categorie, ma anche piccoli esempi di correttezza, lealtà e dedizione.

Per premiare i loro sforzi il Coni Point di Rovigo ha voluto che il testimonial dell’evento fosse di altissimo livello. Sarà infatti il rugbista Mauro Bergamasco il grande ospite della prima “Festa Coni Young”. Un simbolo non solo per la palla ovale, ma per tutto lo sport italiano. Ai giovani che riempiranno la palestra l’ex terza linea azzurra diffonderà il suo messaggio di sport: un messaggio di sacrificio e impegno, ingredienti fondamentali per arrivare al risultato, tanto nella vita quanto nello sport.

Tante le autorità che interverranno nel corso della manifestazione. Il Coni Veneto sarà rappresentato dal presidente Gianfranco Bardelle. L’assessore regionale allo sport Cristiano Corazzari porterà il saluto della Regione Veneto, mentre a dar voce alla Provincia di Rovigo sarà il presidente Marco Trombini. Naturalmente non mancheranno il sindaco di Rovigo Massimo Bergamin e l’assessore comunale allo sport Andrea Donzelli. Come sempre al fianco del Coni Point di Rovigo anche la Fondazione Cassa di Risparmio di Padova e Rovigo.

“Non sarà solo una festa, ma anche un grido di allarme – sottolinea il delegato provinciale del Coni Lucio Taschin – I nostri ragazzi vanno tutelati, protetti, aiutati, sostenuti, incoraggiati. In ogni modo. Attraverso questo evento non ci limiteremo solo a consegnare loro dei premi per l’attività svolta nel corso del 2015, ma lanceremo un messaggio molto forte affinchè nella futura gestione della politica dello sport i giovani tornino al centro dell’attenzione di tutti”.

Sono ben oltre la metà (33) i Comuni della provincia che hanno aderito all’iniziativa segnalando Under 15 meritevoli del loro territorio. Una quindicina le Federazioni, gli Enti di promozione sportiva e le Discipline associate che hanno fatto altrettanto scegliendo tra le società affiliate. “Il fatto che all’appello del Coni Point di Rovigo abbiano risposto così tanti sindaci, assessori e delegati è per noi un segnale davvero importante – prosegue Taschin – Ringrazio tutti coloro che hanno aderito alla nostra iniziativa, dalle amministrazioni locali alla Regione Veneto, dalla Provincia di Rovigo al Coni Veneto, senza scordare il Comune di Rovigo, il Panathlon di Rovigo e la Fondazione Cassa di Risparmio di Padova e Rovigo. Mi piace sottolineare anche che nel corso della festa ci sarà un momento per ricordare due figure recentemente scomparse che nella loro vita hanno fatto moltissimo per i giovani sportivi del nostro territorio: Orlando Patrese e Angelo Rondina; nonché due atleti che hanno visto il loro cammino interrompersi troppo presto: Nicola Perin e Antonio Previati”.

 

A presentare la prima “Festa Coni Young” sarà Andrea Trombini. La sequenza di premiazioni sarà vivacizzata da alcune esibizioni di danza e ginnastica ritmica a cura di Academy Dance, Ma.X Sport Adria e Ritmica Gimnasia.

C.S.



Articoli correlati


Polesine protagonista a Feltre per l’attività intercentri
Gli auguri del Coni a federazioni e enti di promozione
Al Panathlon di Rovigo "Prendiamo a cuore la salute degli atleti"
Coni: Confermato Bardelle, eletta la giunta
Sport Training Convention 2017
Non solo rugby