Home » equitazione

I cavalli nel dna di casa Luise

La giovane Alice, figlia del pilota di rally Matteo, affronterà questo fine settimana i campionati regionali di salto ad ostacoli, categoria B100, a Sommacampagna
2 giugno 2016 Stampa articolo

 

AliceLuiseAdria (Rovigo) – Che siano nascosti nel vano motore di un’auto rombante o che siano veri e propri compagni di avventura in carne ed ossa nella famiglia Luise la passione per i cavalli e per la competizione è il pane quotidiano.

La giovane Alice, figlia minore del pilota di rally Matteo, si appresta ad affrontare il primo ed importante banco di prova nell’ambito dell’equitazione relativo alla disciplina del salto ad  ostacoli.

Questo fine settimana infatti, a partire da Venerdì mattina, scatteranno a Sommacampagna, in provincia di Verona, i campionati regionali dove la promettente fantina adriese scenderà in campo in categoria B100 per cercare di confermare quanto di buono già ampiamente dimostrato nelle precedente uscita chiusa, a fine Maggio, con un brillante successo.

La più piccola di casa Luise cavalcherà, in questa importante occasione, il proprio Hobarde e-z, cavallo belga del 2004 di razza Zangersheide, con l’obiettivo di dimostrare i costanti progressi che hanno contraddistinto sin qui il proprio percorso formativo.

Un amore, quello per l’equitazione, che risale all’età di cinque anni quando Alice ebbe l’occasione di vivere la sua prima lezione grazie alla nonna.

Da sempre molto impegnata in ambito sportivo, si divideva tra la passione per i cavalli e la danza artistica a livello agonistico, all’età di dieci anni arrivò davanti ad un bivio obbligato lasciandosi affascinare dal mondo dell’equitazione.

Dopo aver mosso i primi passi, con costanza e perseveranza, l’esperienza cominciava a affondare le proprie solide radici sino al momento nel quale è arrivato il tanto atteso Hobarde e-z.

Il cammino per raggiungere il brevetto di primo grado, mentre culla il sogno di poter partecipare un giorno ai gran premi in categoria 140 e 145 cm, è ancora lungo ma la determinazione che è innata nel DNA di casa Luise non può che essere un ottimo trampolino di lancio per la nuova avventura sportiva della giovane Alice.

C.S.



Articoli correlati


Alice Luise al primo successo internazionale