Home » Azzurro, Volley

World Grand Prix: pronto riscatto azzurro, battuta la Serbia 3-1

11 giugno 2016 Stampa articolo

Italia_Serbia_Fonte_FipavITALIA – SERBIA 3-1 (25-16, 25-19, 29-31, 25-17)

ITALIA: Chirichella 17, Diouf 14, Sylla 20, Danesi 14, Malinov 6, Ortolani 8. Libero: Sirressi. Spirito, Cambi, Egonu 1, Guerra 1. N.e: Melandri, Gennari e De Gennaro (L). All. Bonitta.

SERBIA: Busa 12, Malagurski 2, M. Popovic 6, Radenkovic, Stevanovic 9, Djerisilo 12. Libero: Cebic. Zivkovic 2, Brakocevic 15, Kocic 2, Malesevic. N.e: S. Popovic. All. Vladisavljec

ARBITRI: Rene (Arg) e Rolf (Usa).

Durata set: 23’, 25’, 36’,23’.

Italia: 7 bs, 6 a, 19 mv, 23 et.

Serbia: 8 bs, 7 a, 10 mv, 23 et.

Rio de Janeiro. Pronto riscatto per la nazionale italiana femminile, vincitrice nella seconda giornata del World Grand Prix 3-1 (25-16, 25-19, 29-31, 25-17) sulla Serbia. Molto buona la prova delle ragazze di Bonitta, padrone del campo per lunghi tratti del match. L’Italia ha mostrato un’ottima organizzazione di gioco e ha amministrato con grande autorità gli ampi vantaggi guadagnati nel primo e nel secondo set. Nel terzo parziale, invece, le due squadre si sono espresse sugli stessi livelli, con la formazione balcanica capace di spuntarla in volata. La nazionale tricolore è tornata a comandare nel quarto set, regalandosi la prima vittoria stagionale nel Grand Prix.

Tra le fila azzurre la miglior marcatrice è stata Miriam Sylla con (20 punti), seguita dall’ottima Cristina Chirichella (17 p.). Determinante l’apporto del muro, fondamentale nel quale l’Italia ha vinto il confronto 19 a 10 (7 di Chirichella).

Rispetto al primo match diverse le novità nella formazione tricolore con Ortolani schierata nel ruolo di martello, Diouf per Egonu e Sirressi al posto di Di Gennaro. Confermate invece Malinov in palleggio, Sylla in banda e la coppia centrale Danesi-Chirichella.

Come contro il Brasile l’Italia è partita in maniera molto convincente, prendendo subito l’iniziativa e mettendo in grave crisi le avversarie. Con un gioco preciso e ordinato le azzurre sono andate a segno a ripetizione, mentre l’attacco serbo non è mai riuscito ad ingranare. Malinov e compagne hanno gestito così comodamente il vantaggio, chiudendo con un perentorio (25-16).

Simile l’andamento del secondo parziale con l’Italia sempre a spingere e le serbe a inseguire. Nonostante un tentativo di rimonta della formazione balcanica, le ragazze di Bonitta non sono mai calate di concentrazione e grazie ad una buone serie di muri hanno ristabilito prontamente le distanze. Qualche errore in attacco ha permesso alla Serbia di riavvicinarsi, ma l’Italia con autorità ha premuto ancora sull’acceleratore e si è imposta di forza (25-19).

Più combattuto il terzo set, nel quale le squadre hanno dato vita ad un prolungato botta e risposta, rimanendo a lungo in parità. A spezzare l’equilibrio è stato un ottimo turno al servizio di Chirichella che ha propiziato l’allungo italiano. La Serbia, però, non si è arresa e con un contro parziale ha riaperto i giochi. Avvincente il finale che, dopo una serie infinita di palle set sprecate su un fronte e sull’altro, ha visto prevalere la Serbia (29-31).

L’Italia al rientro in campo hanno subito reagito e grazie ad una partenza lanciata si sono involate verso la vittoria (25-17).

Sabato è in programma una giornata di riposo, le azzurre torneranno in campo domenica per affrontare nell’ultima gara del week end il Giappone (ore 17.35 italiane, diretta RaiSport 2), sconfitto recentemente a Tokyo nel match che ha consegnato all’Italia la certezza della Qualificazione Olimpica.

CALENDARIOGruppo A Rio de Janeiro (Brasile): 9 giugno: Brasile-Italia 3-1 (23-25, 25-15, 25-15, 27-25), Giappone-Serbia (ore 22.15); 10 giugno: Brasile-Giappone 3-0 (25-20, 25-23, 25-15), Italia-Serbia 3-1 (25-16, 25-19, 29-31, 25-17); 12 giugno: Brasile-Serbia (ore 15.05), Italia-Giappone (ore 17.35). Orari di gioco italiani.

CLASSIFICA: Brasile 2V (6 p.), Italia e Giappone 1V (3 p.), Serbia 0V (0 p.). (FONTE FIPAV)

 

C.S.



Articoli correlati


Fruvit si gioca i play off con Noventa
Juan Jose Cuda la prima new entry di casa Delta Volley
Coppa Rovigo Futurvolley cede all'Occhiobello
Futurvolley supera la Polisportiva Gemina
Seconda vittoria, ma che sofferenza per Project Star Volley
Si ritorna in vetta