Home » baseball-softball

Mandrakes a metà, è ancora ko

I Manigoldi spaccano la partita dopo un iniziale equilibrio. La difesa contiene, ma dall’attacco non arriva la zampata.
18 giugno 2016 Stampa articolo

 

MandrakeA leggere il risultato finale, 9-3 per chi la porta a casa, verrebbe da pensare che non c’è stata gara. Invece altroché: ma solo per metà. Tanto hanno consentito le circostanze per i Mandrakes contro i Manigoldi di S.Giovanni Persiceto, che al quarto Inning piazzano la spallata che sfonda il portale del Castello. Fin lì si viaggiava in parità 3-3, ribellandosi pure alla mortifera apertura avversaria (fuoricampo al centro, valla a prendere); quindi, sotto di due out, San Giovanni fa quaterna: niente da dire nel merito, perché l’attacco Manigoldo picchia e pesta che è un piacere, ma anche volendo vai a discutere, se al duca non bastano sei strike per fare un out al piatto, e si arrivi salvi con un metro di ritardo. Ovviamente sono illazioni: l’unico dato certo è  che col guanto i Mandrakes reggono, viceversa sbriciolandosi appena prendono la mazza. Sul campo lo schieramento estense, anche se monco del pilastro Bassi, compie più di una prodezza: presa al volo in retromarcia di Bell Mulen, doppio (anzi quasi) di Nicholas Bettoni, fly di Marzaduri ripescato dal foul, eliminazione no-look in prima di Benetti dal limite dell’erba, più un’altra precisa in mezzo al piatto a evitare un punto a casa (“Ho tirato strike”, il commento lapidario). Il vero problema è nel box, da cui escono appena qualche valida, un doppio, un paio di basi ball. A casa arrivano in tre, per l’effimero pareggio di cui sopra: dopo solo pali, e diverse banali eliminazioni tra le basi (compresa una doppia, su infield fly). I due punti che restano, i Manigoldi li segnano quando il mago ormai è già stato scippato.
Al termine, Benetti commentando le prestazioni dei suoi: “Il risultato non è ingiusto, però nemmeno veritiero. Azzardo a dire che in difesa abbiamo giocato meglio noi. Gli ultimi punti sono entrati quando ormai era andata. Semplicemente non siamo riusciti a segnare, nonostante i loro lanciatori non fossero inarrivabili. E se non fai punto non vinci: questo è il baseball.” Ora per invertire il trend, nel prossimo appuntamento del Ferrara contro i Dustbins vice campioni in carica, serviranno gli straordinari.

C.S.



Articoli correlati


I docenti a scuola di baseball
Mandrakes, noi non ci arrendiamo
Parte Reinoso, ma poi torna, e arriva Mena
L’Estense Baseball Ferrara alla Convention 2017 dei tecnici del baseball italiano
Ferrara Baseball inaugura e fa festa
Un team Usa a Rovigo