Home » Triathlon

“Venti” in poppa a Bardolino!

Nutrito il plotone della Rhodigium Team alla tradizionale gara internazionale sul Lago di Garda: 17 maschi e 3 agguerrite ragazze. E i risultati soddisfano
23 giugno 2016 Stampa articolo

 

Rhodigium_Team_BardolinBARDOLINO (Verona) – Dalle acque e dalle strade del Lago di Garda sono sempre arrivati sorrisi per la Rhodigium Team. E anche quest’anno l’appuntamento con il Triathlon Internazionale di Bardolino non ha tradito le attese. Addirittura 20 gli atleti nerazzurri sabato scorso al via di una gara che per tradizione in Italia non ha pari. La prima edizione risale addirittura al 1984 e in quest’ultima gli iscritti hanno raggiunto quota 2000, con molti protagonisti di caratura olimpica che hanno attaccato il pettorale per confrontarsi con gli avversari e soprattutto con il suggestivo percorso. Ottima come sempre l’organizzazione, che quest’anno ha ovviato al poco spazio “soppalcando” la zona cambio.

La gara si è disputata come sempre sulla distanza olimpica: 1.500 metri di nuoto, 40km in bici e 10km di corsa. Tre le atlete della Rhodigium Team iscritte alla prova femminile, tutte autrici di ottime prestazioni. Erika Marcolin ha chiuso con un 20esimo posto di categoria (S4) in 3h03’54”. Giada Tresolini 19esima tra le S3 (3h14’01”), mentre Arianna Tomaini ha terminato la sua prova in 3h21’08” per una 28esima piazza finale sempre tra le S4.

Tra i maschi spicca la performance di Alessandro Zampirollo, che si conferma triatleta in forte crescita: grazie soprattutto a una grande frazione in bici, ha colto un 43esimo piazzamento nella combattutissima categoria M1 col crono finale di 2h23’14”. Appena dietro (2h24’41”) l’ottimo Gian Luigi Vecchiatti, 51esimo. Una foratura ha purtroppo compromesso la gara di Leonardo Tasinato che, nonostante il problema e il tempo speso per la riparazione, è transitato sotto il traguardo in 2h31’08” (94esimo).

Tutti ben al di sotto delle 2h40’ Andrea Dalla Pietra, Maurizio Piovan, Matteo Bazzan e Luigi Fini, autori di prove da applausi. Appena sopra l’ottimo Denis Bonato. Ma da sottolineare anche le prestazioni degli altri componenti del plotone della Rhodigium Team. Francesco Lazzarini, Mirco Barin, Nicola Avanzi e Mirko Esalti hanno terminato sotto le 3h di gara la loro sfida, alcuni rallentati dai crampi provocati dagli intensi sforzi e dal caldo.

Splendido nono posto di categoria M5 per Leonardo Gagliardo (3h01’48”), così come le tre frazioni di Massimo Paparella negli M4 e di Alessandro Milan che finalmente si lascia alle spalle il brutto infortunio dello scorso inverno.

Buon battesimo sulla distanza olimpica per Giovanni Gheller, mentre Massimo Bertelli è stato costretto al ritiro a causa di una sospetta contrattura.

Insomma, alla prova del polso il triathlon scorre all’impazzata nelle vene della Rhodigium Team, tra atleti ormai esperti e altri che, seppur da poco stregati dalla “triplice”, iniziano già a raccogliere ottimi riscontri. E la stagione è appena entrata nel vivo.

C.S.



Articoli correlati


Alessandro Fabian in gara al grand prix di Cesenatico
Un 2016 da incorniciare
In 200 per l'Aquathlon "Città di Rovigo"
Rhodigium Team brinda a Bardolino
Bene Progetto Vista Thiathlon a Chioggia
Un anno da incorniciare