Home » ciclismo

Giugno di gioie e fatica per il Quota Cento1 Team

9 luglio 2016 Stampa articolo

 

Elena_TuzzaA giugno c’è chi pensa alle ferie, al riposo, alle vacanze. Non certo i ragazzi del Quota Cento1 Team che il mese scorso hanno vissuto uno dei periodi più intensi della loro stagione ciclistica. Un mese di gare, montagne, salite e tanta fatica per i corridori del sodalizio rodigino formatosi lo scorso inverno. Il tutto sulle strade di alcune tra le granfondo più dure e prestigiose del calendario. A partire dalla “Stelvio Santini”, disputatasi all’inizio del mese sulle leggendarie rampe del Mortirolo e sui tornanti dello Stelvio, proseguendo poi con la proibitiva Sportful, svoltasi sulle strade dei più celebri passi delle Dolomiti bellunesi, e infine sugli amati Colli Euganei con la GF Fondriest.

Il primo banco di prova ha fatto registrare l’ottima prestazione nel percorso medio di Mattia Cagnoni. Splendida la performance di Elena Tuzza, quinta assoluta tra le donne e prima di categoria in cima al “Re Stelvio”. Ottima anche la prova sul “lungo” di Davide Bragante. Mentre per gli abili scalatori del Quota Cento1 Team, Enrico Cattaneo e Claudio Martini, tanta sfortuna dovuta a una serie di forature lungo la discesa del Mortirolo causate da puntine da disegno lanciate sul percorso. Per loro ritiro inevitabile.

Enrico Cattaneo e Caludio Martini arrivo Sportful

Enrico Cattaneo e Claudio Martini arrivo Sportful

Qualche giorno dopo gli stessi due atleti polesani sono però riusciti a portare egregiamente a termine, con il tempo di 8h 34’ 10”, la durissima Sportful con partenza e arrivo a Feltre (204 km e 5000 mt di dislivello), resa ancora più difficile dal meteo avverso. Da segnalare anche la gara del passista Roberto Portesan, costretto al ritiro a un soffio dall’arrivo a causa di una inaspettata foratura ai piedi dell’ultima asperità di giornata. Stessa sorte per Elena Tuzza, fermatasi sulle rampe del Passo Rolle per problemi fisici.

Ma la fatica, si sa, alla fine premia sempre. E infatti la domenica successiva alla GF Fondriest, su un tracciato altamente selettivo e reso ancora più duro dalle torride temperature, Elena Tuzza ha tagliato il traguardo quinta assoluta tra le donne. Prestazione di tutto rispetto per Enrico Cattaneo che ha “spianando” il percorso lungo con il tempo di 4h 31’ 22” che gli ha consentito di piazzarsi all’88 posto in classifica generale e al 15 di categoria. Cattiva sorte invece per il compagno di squadra Claudio Martini, partito nonostante un’infiammazione al ginocchio e arresosi al dolore soltanto dopo diversi chilometri di sofferenza.

Per Elena Tuzza, che da febbraio ha duellato con tutte le migliori atlete del panorama nazionale, si trattava dell’ultimo impegno stagionale. Ma per tutti gli atleti del Team Quota Cento1 ora si prospetta un breve periodo di riposo, per poi tornare a recitare un ruolo da protagonisti nelle principali competizioni granfondo proposte dal calendario.

C.S.



Articoli correlati


La Federciclismo provinciale in festa
Festa di chiusura stagione per il 2 Torri Rovigo
Smarzaro centra il podio all'italiano ciclocross: 2° tra gli U23
La scuola primaria di Arquà Polesine ha ospitato “Pinocchio in bicicletta”.
2 Torri in Mtb continuano i successi
2 Torri sempre sulla breccia