Home » Triathlon

Bertazzo e Tuzza brillano all’Olimpico di Brasimone

L’ex ciclista sorprende ancora con un quinto posto assoluto. Per la bassopolesana seconda piazza di categoria. Buone prove di tutto il plotone della Rhodigium Team
26 luglio 2016 Stampa articolo

Bertazzo Lago del Brasimone (Bologna)  – Ancora una prova superlativa per Omar Bertazzo, sempre più lanciato verso l’avventura iridata di Sunshine Coast in Australia. Domenica al Triathlon olimpico di Brasimone il forte triatleta, originario di Tribano, ha guidato un agguerrito gruppo di portacolori della RhodigiumTeam dal quale è spiccata anche Elena Tuzza, autrice di una prestazione da applausi in campo femminile. Sono stati in tutto 12 gli atleti del sodalizio nerazzurro presentatisi al via dell’impegnativo percorso (1500 metri a nuoto, 40km in bici e 10km di corsa) allestito nel bellissimo scenario attorno al lago sull’Appennino bolognese. Un tracciato che, dopo la frazione a nuoto sul lago artificiale di Brasimone, proponeva un’ostica parte in bici caratterizzata da una discesa tortuosa seguita da una salita con 600 metri di dislivello.

Gara in rimonta per Bertazzo che, nonostante i pochi mesi di agonismo alle spalle, ha stampato al traguardo un note

Elena_Tuzza

Elena Tuzza sul podio

vole tempo di 2h11’43” che gli è valso il quinto posto assoluto e la prima piazza di categoria S1. “Sono uscito dall’acqua piuttosto distante dai primi – racconta l’ex ciclista professionista – Ma in sella ho fatto davvero una buona frazione e soprattutto lungo la discesa molto tecnica ho fatto la differenza recuperando molte posizioni. Infatti ho iniziato la corsa al quarto posto. Ho cercato di mantenere la posizione fino all’arrivo, ma per pochissimi secondi mi sono dovuto accontentare del quinto. In ogni caso ho corso i 10 chilometri in linea con le mie aspettative, quindi mi ritengo soddisfatto”. Per Bertazzo di tratta di ulteriore e incoraggiante passo di avvicinamento verso l’appuntamento del 4 settembre che vedrà lo stesso Bertazzo gareggiare ai Mondiali di triathlon 70.3 (ossia la distanza del “mezzo Ironman”) in Australia grazie alla sorprendente qualificazione ottenuta a giugno a Pescara. “Era un po’ che non gareggiavo, perciò il triathlon di Brasimone è stato molto utile per riprendere confidenza con la competizione – spiega – In questo periodo mi sono comunque allenato molto soprattutto per cercare di migliorare a nuoto, frazione nella quale ancora non ho idea di quali siano le mie potenzialità avendo iniziato da poco con la triplice disciplina. Sono contento perchè domenica i passi avanti si sono già visti”.

Come detto, sull’Appennino bolognele splendida gara anche di Elena Tuzza. Dopo aver spalleggiato con le migliori cicliste italiane nelle più prestigiose granfondo del calendario difendendo i colori del neonato Quota Cento1 Team, l’atleta bassopolesana è tornata al triathlon cogliendo un grandioso secondo posto di categoria in 2h44’47” (11esima piazza assoluta).

Bertazzo,_Tuzza,_Aglio_Fini

Da sx, Bertazzo, Tuzza, Aglio, Fini

Nella prova maschile solita ottima performance di Michele Aglio, 35esimo assoluto e ottavo di categoria in 2h23’20. Tra gli M1, una tra le categorie più “affalloate”, uno splendido Maximiliano Benazzi ha fermato il cronometro in 2h35’08” (28esimo), ma buone anche le gare dei compagni di squadra Matteo Bazzan (2h41’39”), Luigi Fini (2h45’25”), Marco Ghinato (2h45’52”) e Massimiliano Ghisellini (3’24’57”). Notevole il settimo posto tra gli S1 dell’esordiente Giorgio Marucco (2h39’29”), mentre il 2h39’48” di Luca Chinaglia tra gli S3 è valso la 21esima piazza. Infine Piergiorgio Marchetti (M2) ha chiuso in 2h49’41”, 45esimo di categoria. Sfortunato Roberto Zanforlin che ha dovuto alzare bandiera bianca all’ennesima foratura causata da un copertone difettoso.

 

 

C.S.



Articoli correlati


Il sogno iridato di Omar Bertazzo
Grandi tra i grandi
Una chiusura a tinte rosa
Scalabrini a podio a Brasimone
Progetto Vista, ottimo debutto di Bosi al "mezzo ironman" di Arona
Progetto Vista Triathlon Team, tempo di bilanci