Home » vari

Polesani alle Olimpiadi: Giovanna Pasello

31 luglio 2016 Stampa articolo

Giovanna PaselloGiovanna Pasello nasce nel settembre del 1959 a Guarda Veneta, ha iniziato a gareggiare giovanissima, dapprima tesserata con il TAV Fagnanto, per passare successivamente al TAV Uboldo Belvedere. È stata la prima italiana con la Gelisio, a partecipare ad una Olimpiade, quella del 1996 ad Atlanta dove è stato inserito nei programmi il double trap femminile. Partecipa anche alle Olimpiadi di Sydney 2000 ma come riserva.

Nel 1960 con la famiglia Giovanna si trasferisce in terra lombarda e da lì inizia la sua carriera di atleta, che la porta verso traguardi importanti, a livello nazionale sono infatti ben 10 i titoli conquistati mentre a livello internazionale conquista il titolo europeo a squadre a Lisbona nel 1994 con  Gelisio e  Innocenti e diventa campionessa del mondo a squadre nel 1995 a Nicosia con la Gelisio e la Parrini, poi partecipa ai mondiali del Cairo 2001, Lahti Finlandia 2002, Nicosia 2003

Agli Europei nel 1995, a Lathi, è argento individuale e a squadre, gareggia a Sipoo nel 1997 ed è oro a squadre, quindi a Nicosia 1998, a Poussan 1999 argento a squadre, Montecatini Terme 2000 oro a squadre, Lonato 2000 oro a squadre, Brno bronzo a squadre.

È terza nella Coppa del Mondo a squadre a Pechino nel 1994 e prima sempre nello stesso anno a Fagnano Olona sempre nella Coppa del Mondo a squadre, Lima 1995 bronzo individuale e oro a squadre, Nicosia 1995 oro a squadre, Suhl 1996, Nicosia 1997 oro a squadre, Lonato 1997 argento individuale, Lonato 1998 argento individuale, Kumamoto 1999 argento a squadre, Lonato 1999 oro individuale, Lonato 2000 oro a squadre, Lonato 2001 argento a squadre, Suhl 2003, Perth 2003, Granada 2003, Sydney 2004. A livello individuale di Coppa del Mondo, è 11esima a Monaco 1995, settima a Montecatini 1997, decima a Kuwait City 1999 e ottava a Nicosia 2000.

Nel 1996 è tra le protagoniste delle Olimpiadi di Atlanta, ma tradita dall’emozione nel momento cruciale, quando era in lotta per la vittoria, chiude al nono posto ma a pari merito con il settimo.

Il doppio trap o double trap è l’ultima specialità nata fra quelle olimpiche; i tiratori sparano alternandosi su cinque pedane come per la fossa olimpica. I tiratori devono colpire, con i due colpi in canna, due piattelli che escono simultaneamente, a traiettoria fissa e divergenti fra loro, lanciati da due macchine poste in una fossa a quindici metri dal tiratore.

Ogni campo è dotato di due macchine che lanciano i “doppietti” secondo i tre schemi previsti dal regolamento (schema tipo A macchine 7 e 8, schema tipo B macchine 8 e 9, schema tipo C macchine 7 e 9). La competizione si svolge in una sola giornata, nel modo seguente: nelle gare maschili ogni serie è composta di 50 bersagli; gli atleti sparano a 150 piattelli ed i primi sei classificati sono ammessi alla finale, un’altra serie di venticinque “doppietti” che definisce la graduatoria. Nelle gare femminili le serie sono di 40 piattelli e la competizione termina a 160 bersagli. Il Double Trap, per la sua grande spettacolarità, ha guadagnato la dignità olimpica ai Giochi del 1996 di Atlanta, con due classifiche distinte per gli uomini e donne.

Leggi anche: Polesani alle Olimpiadi:

Premessa

Tullio Biscuola

Benito Pigato

Renzo Bulgarello

Laura Foralosso

Antonio Ricchieri

Iole Sturaro



Articoli correlati


Tre società polesane all'attività intercentri
“Coni Ragazzi”, iscrizioni fino al 20 gennaio
“A tutto sport” riempie la piazza
Nuovi bandi regionali dedicati allo sport
Sport Training Convention 2017
Il Veneto a Senigallia alla conquista del Trofeo Coni