Home » vari

Polesani alle Olimpiadi: Christian Giantomassi

1 agosto 2016 Stampa articolo

GiantomassiCon Christian Giantomassi furono ben tre gli atleti polesani che parteciparono alle olimpiadi di Atlanta un vero record visto che fino a quel momento al massimo fu uno solo.

Christian nasce a Badia Polesine il 22 aprile del 1973.

Tra i suoi successi più importanti nella sua carriera di pugile va ricordata la medaglia di bronzo nei pesi leggeri (- 60 kg) nel campionato europeo dilettanti del 1996 a Vejle, Danimarca, a pari merito con il turco Vahdettin İşsever, in semifinale Giantossi ha perso contro Tontcho Tontchev, che ha conquistato l’argento mentre l’oro è andato al romeno Leonard Doroftei. Come dilettante Giantomassi nel 1994 si laurea Campione italiano nella divisione welter leggeri (- 63,5 kg). Nel 1995 prende parte ai mondiali che si svolsero a Berlino, dal 4 al 15 maggio Ha rappresentato il suo paese natale nella classe leggero alla Olimpiadi del 1996 ad Atlanta, in Georgia, dove ha perso contro Sergey Kopenkin del Kirghizistan. In quell’Olimpiade nel pugilato ci sono state contestazioni per quanto riguarda il tabellone degli incontri, infatti il giorno del sorteggio si è fuso il computer e il tabellone elettronico è andato in tilt. Si è così dovuto andare avanti con biro e foglietti. Il c.t azzurro Oliva spiegò dicendo, come riportano le cronache che ” Al sorteggio hanno proceduto manualmente e non abbiamo potuto vedere come sono stati fatti gli accoppiamenti. Qualche ora dopo ci hanno dato un tabellone con il solo super massimo Vidoz ammesso al secondo turno. Quando siamo andati al palazzetto per l’incontro di Giantomassi ci hanno consegnato un nuovo grafico: a parte i primi turni, gli avversari dei cinque pugili negli incontri successivi sono cambiati in peggio. In pratica è accaduto che i pugili definiti “signori”, quelli che dovrebbero superare il primo turno di diritto, sono stati messi sulla riga sbagliata, sotto invece che sopra. Il giudice arbitro aveva omologato il grafico dei sorteggi, ma poi, dopo aver visto che era tutto sbagliato, ha cambiato. Il particolare inquietante è che non è stata comunicata la variazione”. Se Cristian Giantomassi, sconfitto all’ esordio nei leggeri, fosse andato avanti, avrebbe trovato non un brasiliano ma il campione del mondo, il romeno Ftay.

Terminata l’avventura olimpionica Giantomassi è diventato professionista e come tale ha disputato in carriera 15 incontri di cui 13 vinti, 12 per ko e due persi per ko e nessun pareggio. Il pugile polesano, figlio di un militare alla base missilistica di Zelo frequentato è cresciuto a Baruchella, poi la famiglia tornò nelle Marche e precisamente ad Ascoli Piceno.

Giantomassi dopo aver attaccato al chiodo i guantoni, il suo ultimo incontro è stato nel settembre del 2000 contro Salvatore Battaglia, terminato con una sconfitta per ko, è diventato a sua volta maestro della noble art e attualmente conduce l’Accademia Pugilistica A.S.D. Olympia Ascoli Piceno. L’altra sconfitta l’ha subita nel dicembre del 1999 ad Ascoli Piceno contro Bertozzi. In quell’occasione Giantomassi parte subito bene costringendo ad una guardia serrata l’avversario, che cercando di limitare i danni finisce al tappeto già alla prima ripresa, ma non viene contato dall’arbitro. Nei due round successivi è sempre in vantaggio in Giantomassi. Alla quinta ripresa Bertozzi risponde bene ad un attacco di Giantomassi e lo manda al tappeto. Il campione si rialza ma non riesce a recuperare, Bertozzi lo manda altre due volte al tappeto costringendo l’arbitro a fermare l’incontro. Nel 2000 Giantomassi affronta prima dell’ultimo incontro, altri due avversari,  Frederic Tripp che batte ai punti e Brad Timm che batte per ko tecnico.

Leggi anche: Polesani alle Olimpiadi:

Premessa

Tullio Biscuola

Benito Pigato

Renzo Bulgarello

Laura Foralosso

Antonio Ricchieri

Giovanna Pasello

 

Iole Sturaro



Articoli correlati


Inizia una “nuova stagione” per tutti gli ex atleti
Le Dune e Adriatic Lng in sinergia per la tutela e promozione del Delta
Coni: Confermato Bardelle, eletta la giunta
Tutti i numeri delle “Giornate dello sport” a scuola
“A tutto sport” riempie la piazza
Adriatic LNG e Down Dadi Adria Onlus di nuovo insieme per l’integrazione e l’inclusione sociale