Home » Rugby seven femminile

Alla scoperta della Zanski Akademski Ragbi Klub Mladost, dalla Croazia al Petternella

16 settembre 2016 Stampa articolo

petternellaLa Zanski Akademski Ragbi Klub Mladost, per gli amici più semplicemente ZARK Mladost, è una delle formazioni straniere che parteciperanno alla prossima edizione del Torneo Petternella. La squadra, che ha come proprio simbolo una fenice, proviene dalla Croazia ed in questi giorni ne siamo andati alla scoperta. Ci risponde la team manager Sanja Kozina.

Quando è stato fondato il club?

“Nel 2000, come parte dell’HARK Mladost, la formazione maschile e poi nel maggio del 2001 abbiamo dato vita ad un’entità a sé con una formazione femminile dal nome Victoria. Nel 2006, poi, abbiamo assunto l’attuale denominazione, diventando la prima squadra indipendente di rugby in Croazia”.

Al momento su quante giocatrici può contare la vostra società?

“Abbiamo 15 atlete e disputiamo sia il campionato croato che quello ungherese. In Croazia questo è stato il primo anno di un vero e proprio torneo, con la partecipazione di quattro club. Noi ci siamo piazzate al secondo posto”.

Quindi il rugby in Croazia sta muovendo i primi passi?

“Sfortunatamente in maniera molto lenta. Siamo entusiaste comunque di poter disputare questo nuovo campionato e che ci siano quattro squadre. Purtroppo molte ragazze e i loro genitori pensano che il rugby sia uno sport prettamente maschile”.

Cosa piace alle ragazze croate di questo sport?

“Le nostre ragazze amano il rugby perché è un gioco dinamico che connette le persone e crea amicizie. Amano poi il rugby a sette perché è veloce e il risultato può cambiare ad ogni minuto”.

Non sarà, però, la vostra prima partecipazione al Torneo Petternella.

“Gli organizzatori del torneo ci accolgono sempre a braccia aperte e sono talmente amichevoli che riusciamo sempre a portarci a casa un ottimo ricordo alla fine. È un piacere ed una grande esperienza poter giocare in questa manifestazione ed ogni squadra è davvero forte”.

Quali sono i modelli a cui si ispirano le ragazze?

“Emily Scaratt, Jen Kish, Magali Harvey, Heather Fisher, Maggie Alphonsi, Portia Woodman and Emilee Cherry. E poi Charlotte Caslick per la sua bellezza”.

C.S.



Articoli correlati


Intervista a Sean Maloney, giornalista Fox Sports Australia
Intervista a Maria Cristina Tonna, dirigente Federazione Italiana Rugby
Intervista a Maria Beatrice Benvenuti, arbitro Federazione Italiana Rugby
Presentato il Petternella
Un anno con la New Ascaro Rovigo
Parte l’attività femminile della Rugby Rovigo Delta