Home » Triathlon

Le emozioni arrivano anche da fuori confine

22 settembre 2016 Stampa articolo

rhodigium-team-pola-1Rhodigium Team centra ottimi risultati nelle due gare all’Irondelta del Lido delle Nazioni e al 70.3 di Pola (Croazia). Cresce la dimensione internazionale della squadra

E’ stato un altro fine settimana da inserire nel libro dei ricordi migliori quello da poco trascorso in casa Rhodigium Team. La stagione in corso di conferma ricca di emozioni e risultati brillanti e le ultime due gare disputate al Lido delle Nazioni e a Pola (Croazia) ne sono state l’ennesima conferma.

Sulla costa adriatica lo scorso weekend è andato in scena l’Irondelta, articolato in due gare distinte: uno Sprint e un Olimpico. La distanza breve sabato ha visto tuffarsi in acqua alcuni tra i più quotati atleti nerazzurri, tutti autori di ottime prestazioni. Michele Aglio è girhodigium-team-lido-nazioni-olimpicounto quarto di categoria S3 e 21esimo assoluto con un ottimo tempo di 1h04’31”, seguito a poca distanza da Omar Bertazzo (1h05’31”), reduce dalla partecipazione ai Mondiali australiani di “medio”. Buono anche il tempo di Giampietro Giomo (1h11’14”), mentre l’ottimo Stefano Bruschi in categoria M5 agguanta per la seconda volta in poche settimane la piazza più alta del podio.

Dieci gli atleti della Rhodigium Team in griglia domenica per la prova sulla distanza Olimpica. Tra le donne bel terzo posto in S4 per Barbara Loro (2h55’38”). Tra gli uomini, il migliore del plotone rodigino è stato il solito Paolo Franzoso che ha tagliato il traguardo in 2h11’07” arrivando settimo di categoria M1, seguito a poco più di un minuto da uno straordinario Giampietro Giomo (decimo tra gli S4), autore dunque di ben alessandro-milan alessio-trombini
due gare in due giorni. A podio Piergiorgio Marchetti, terzo in categoria M4 (2h13’20”). Appena giù dai tre gradini Marco Bagnani, quarto in categoria Junior (2h17’52”). Tutti soddisfatti anche gli altri finisher di giornata Nicola Temporin, Francesco Lazzarin, in splendida forma in categoria M2, Enrico Crivellari, Massimo Casaroli e Alessandro Milan.

Ma domenica la Rhodigium Team ha anche varcato il confine per uno dei 70.3 più belli e caratteristici del circuito Ironman. A Pola si sono cimentati nel percorso da 1900 metri a nuoto, 90km in bici e 21km di corsa, ben 9 atleti rodigini. Un numero davvero notevole, che conferma una vocazione sempre più internazionale del sodalizio rodigino. Mare grosso e pioggia battente hanno reso decisamente epica una gara che stando a conformazioni e altimetrie del percorso non doveva presentare particolari insidie se non quelle legate alla lunga distanza.nicola-temporin

Nulla che potesse intimorire la donna d’acciaio della Rhodigium Team Sara Fusetti, al traguardo in 5h44’23” per un nono posto di categoria. Da applausi il tempo di Maximiliano Benazzi, che ha staccato un ottimo 5h09’06”, terminando 38esimo di categoria e 221esimo assoluto. Esordio bagnato e quindi fortunato per Matteo Bazzan che ha confermato una grande stagione agonistica sempre in crescita con un crono finale di 5h25’46”.

rhodigium-team-polaAncora una gran gara per l’Ironman Alessio Trombin, arrivato sotto il suggestivo traguardo all’interno dell’Arena simbolo della città di Pola in 5h41’43”. Si conferma un lottatore Mirco Barin che ha chiuso il suo secondo “medio” in carriera con il tempo di 6h13’29”.

Soddisfatto anche il poker di esordienti sulla distanza calato dalla Rhodigium Team in Croazia: Nicola Avanzi (6h03’43”), Luigi Fini (6h04’04”), Mattia Cagnoni (6h22’04”) e Andrea Merlo (6h52’29”).

C.S.



Articoli correlati


In 200 per l'Aquathlon "Città di Rovigo"
Rhodigium Team brinda a Bardolino
Bronzo tricolore per il presidente
Due ori allo sprint di Carmignano
Bene Progetto Vista Thiathlon a Chioggia
Progetto Vista di scena a Lido delle Nazioni e Peschiera