Home » Aeromodellismo

War Birds 2016, ancora un successo targato Claero

5 ottobre 2016 Stampa articolo

war-birds-2016-fonte-facebook-1VILLADOSE (Rovigo) – Domenica scorsa il campo di volo del Club Aeromodellistico Rodigino, situato a Cambio di Villadose, è stato meta di centinaia di appassionati di aeromodellismo che si sono dati appuntamento per assistere alle spettacolari evoluzioni di splendide riproduzioni degli aerei che hanno fatto la storia dell’aeronautica militare. Ciò è avvenuto nell’ambito della 6^ edizione del raduno “War Birds – Air Show” organizzato da Claero (Club Aeromodellistico Rodigino) con il patrocinio del comune di Villadose.

La manifestazione, oramai affermatasi come la più importante del genere a livello nazionale, richiama piloti provenienti da tutto il nord Italia in rappresentanza dei principali Club Aeromodellistici. Questa edizione ha potuto contare su ben 40 piloti iscritti in rappresentanza di oltre 15 Club. Ma non solo. A conferma dell’importanza di questo evento, ha visto la partecipazione anche di piloti stranieri del prestigioso Club Austriaco “MFC St. Margarethen”; questo gruppo, molto conosciuto nell’ambiente, partecipa alle più importanti manifestazioni in giro per tutta Europa ed è stato quindi un vero privilegio poterli vedere in azione nei cieli di Cambio. La loro peculiarità è costituita dalle imponenti dimensioni nonché dalla perfezione dei loro modelli (che si costruiscono personalmente, da progetto), di fatto si tratta di copie del tutto identiche degli aerei veri che rappresentano, solo “leggermente” più piccoli. La loro attrazione principale quest’anno era costituita da un B17, cosiddetto “Fortezza Volante” (il famoso bombardiere quadrimotore utilizzato dagli Stati Uniti nella seconda guerra mondiale), di 6 metri di apertura alare e ben 100 kg di peso!

war-birds-2016-fonte-facebook-5Altra chicca a War Birds 2016 è stata la partecipazione del campione italiano Marco Benincasa (editore anche della nota rivista del settore “Modellistica”), nonché uno dei migliori piloti a livello internazionale; basti pensare che è l’unico pilota italiano ad essere invitato a partecipare alla manifestazione “Top Gun” (una delle più importanti del mondo) che si svolge ogni anno ad Orlando negli Stati Uniti! Benincasa si è esibito a Cambio con il suo modello a turbina J10 e le incredibili evoluzioni che ha saputo compiere hanno lasciato il numeroso pubblico presente letteralmente a bocca aperta.

Arrivando al programma della giornata, i voli si sono susseguiti ininterrottamente dalla mattina fino al tardo pomeriggio e si è quindi potuto assistere alle evoluzioni degli aeroplani che hanno ben rappresentato i primi 100 anni di storia dell’aeronautica militare: dall’epoca del volo pionieristico degli inizi del ‘900, con i primi caccia biplani dal volo lento ed incerto, ai più conosciuti caccia del periodo della seconda guerra mondiale (i famosi Spitfire, P51, Corsair, Stuka solo per citarne alcuni) per arrivare fino ai più moderni Jet a turbina dai motori sibilanti in grado di compiere interminabili salite “a candela” grazie alla loro potenza ed agilità. Al raduno era rappresentato anche il mondo dell’ala rotante, con la presenza di vari elicotteri sempre del genere militare incredibilmente simili ai loro fratelli maggiori in scala reale.war-birds-2016-fonte-facebook-10

Modelli costruiti nel dettaglio, talmente elevato e maniacale da renderli, mentre sono in volo, quasi indistinguibili dagli aeroplani veri. “La loro costruzione richiede innanzitutto tanta passione oltre a centinaia di ore di lavoro con competenze specifiche che un aeromodellista deve possedere, che variano dalla conoscenza dei materiali di costruzione (legno e compositi), delle colle, dell’elettronica, dell’aerodinamica e tanto altro ancora che fanno di questo hobby tutto tranne che un gioco come molti sono portati a pensare” spiega Giovanni Pio, vice presidente del club aeromodellistico di Rovigo.

La giornata è terminata con la premiazione dei piloti, a cui sono andati i premi offerti da alcuni degli sponsor dell’evento: MF Model, Graupner, Piccole Ali, Gimax e la rivista Modellistica che ha offerto due abbonamenti annuali.
Il premio più ambito, ovvero il motore bicilindrico a benzina offerto da MF Model, è andato ad un noto aeromodellista di Padova, Francesco Zen del gruppo Red Devils.

war-birds-2016-fonte-facebook-6
“Un successo oltre ogni più rosea aspettativa, sia per il numero di piloti iscritti che per il numeroso pubblico accorso durante tutta la giornata, nonostante al mattino il maltempo avesse reso incerto lo svolgimento della manifestazione – ha espresso con soddisfazione Pio – un ringraziamento particolare va ai nostri Sponsor senza i quali non sarebbe possibile realizzare questo evento, al comune di Villadose per la concessione del patrocinio e supporto logistico, a tutto il Direttivo Claero ed ai Soci in particolare, che con il loro impegno e disponibilità rendono possibile la realizzazioni di manifestazioni di questo livello la cui preparazione è molto complessa e ha richiesto quasi un anno di lavoro”.

no images were found

C.S.



Articoli correlati


War Birds 2016