Home » Calcio, Serie D

Delta Rovigo. Parlato: “Altra beffa dovuta a nostri errori e alla sfortuna”

24 ottobre 2016 352 visite Stampa articolo

Mister Carmine ParlatoSin dai suoi primi allenamenti dopo il ritorno a Rovigo Carmine Paltato ci disse: “Dobbiamo lavorare parecchio per evitare errori e per migliorare la condizione psicologica facendo leva sull’esperienza dei più esperti”.

Il pareggio con la Ribelle ha evidenziato come il lavoro per essere più incisivi debba essere potenziato. Infatti dopo i due gol di Fortunato (gran gol su punizione) e Ferrari la squadra ha forse pensato che il più fosse fatto e si è distratta. Commettendo prima una serie di errori che ha portato al gol in contropiede di Mancini e un minuto dopo si è messa di mezzo la jella, alla luce della sfortunata deviazione di Bojan Dukic che ha spiazzato Boccanera per il 2-2 finale che grida vendetta.

Il giorno dopo Parlato è piuttosto amareggiato: “Abbiamo pareggiato per nostri errori e per lo zampino della sfortuna. Meritavamo il successo pieno ed invece abbiamo dovuto accontentarci di un ‘brodino’ con un retrogusto molto amaro. Un po’ quanto è successo a Piancastagnaio quando perdemmo una gara che strameritavamo di vincere”.

Con in cinque punti persi malamente il Delta Rovigo sarebbe ad una sola lunghezza dalla capolista Lentigione ma il tecnico biancazzurro vede comunque il bicchiere mezzo pieno: “Per prima cosa dobbiamo dire che abbiamo finalmente conquistato il primo punto in trasferta al termine di una gara positiva sino al black out finale. Però guardare la classifica ora è fuori luogo; è talmente corta che ogni settimana potrebbe mutare. I numeri definitivi poi si dovranno guardare solo alla fine e sono contento che queste manchevolezze accadano ora e non nelle ultime giornate quando ogni errore potrebbe essere fatale”.

Proprio per questo Parlato guarda al futuro con rinnovato ottimismo: “I ragazzi si stanno conoscendo sempre più ma c’è ancora molto da limare. Sono certo che saremo sempre più concreti e competitivi col passare del tempo”.

I ‘nuovi’. Migliorini ha sostituito Gattoni ad inizio ripresa e Parlato giudica così la sua prestazione: “Ha giocate con ordine e discernimento ma gli manca (ovviamente) ancora la velocità di esecuzione. Crescerà molto”.

Parlato voleva immettere Dionisi dopo il gol subìto del 2-1 per “rafforzare la difesa – afferma il tecnico biancazzurro – ma non ho fatto in tempo a farlo perché dopo la nostra partenza da centrocampo la Ribelle ha segnato subito (autorete di Dukic, ndr) un minuto dopo. E quando è entrato Dionisi ha giocato a centrocampo”.

Domenica prossima al Gabrielli arriverà il Mezzolara che ha un solo punto in più: “Ai bolognesi penseremo solo da domani – osserva Parlato -. Se sono davanti meritano rispetto”. In cuor suo però ha già inserito la freccia per il sorpasso.

Giovanili. Continua il calvario dei biancazzurri che, per la seconda settimana di fila sono usciti molto malconci dai rispettivi incontri. Gli Juniores Nazionali hanno perso per 6-2 a Campodarsego rimanendo ancora al palo. Così come gli Allievi Regionali che hanno subìto uno 0-11 interno ad opera de La Rocca che dice tutto sulla consistenza della squadra. Infine anche i Giovanissimi Regionali sono usciti con le ossa rotte dalla trasferta di Camisano (0-3). In totale dunque due soli gol all’attivo e ben 20 al passivo. Meditate gente, meditate!

 

Pierre



Articoli correlati


Morto Mancin, superbo sul campo e uomo di grande umanità
Migliorini: “Con la Colligiana abbiamo gettato due punti”
I granata double face cedono al Ravenna e fanno un passo indietro
Il Loreo, fanalino di coda, non demorde            
Davide Scarpi torna ad Adria
Ad Adria arriva Fabio Rosati