Home » Calcio, Delta Rovigo, Serie D

Delta Rovigo. Gattoni: “Parlato è un grande. Dobbiamo battere il Mezzolara”

28 ottobre 2016 653 visite Stampa articolo

Tommaso-GattoniTommaso Gattoni è di fatto l’unico confermato della rosa della scorsa stagione. A luglio erano stati confermati anche Assane Mboup (difensore centrale, senegalese) e Gianmarco De  Masi (cursore di fascia). Poco dopo però questi ultimi due sono stati a loro volta eliminati dall’elenco completo. De Masi ha trovato posto nell’Arzachena, formazione sarda di serie D, mentre Mboup continua ad allenarsi a Rovigo pur non essendo ancora tesserato per difficoltà burocratiche.

Gattoni in poco più di un anno ha conosciuto dunque ben quattro allenatori: Massimo Bagatti, all’inizio della scorsa stagione, Vito Antonelli che ha sostituito il tecnico modenese, per essere a suo volta esonerato a favore di Francesco Passiatore. Il quale ha iniziato l’attuale stagione (quattro giornate) prima di essere esonerato a favore di Carmine Parlato.

Il giocatore veneziano traccia le caratteristiche peculiari di tutti e quattro: “Bagatti aveva un’idea tattica che mi piaceva molto. Purtroppo i risultati non sonio stati in linea  con la sua bravura. Antonelli era alle prime armi ma riusciva comunque a farci stare bene. Anche Passiatore è preparato ma teneva la squadra troppo isolata dal mondo che la circondava. Infine Parlato sin dalle prime battute mi ha fatto un’ottima impressione: è preparato sotto il profilo puramente tecnico-tattico ma anche psicologico. Con lui potremmo puntare in alto”.

Fino a dove? “Non poniamo limiti alla Provvidenza – asserisce Gattoni -. Abbiamo la forza per essere protagonisti sino alla fine, magari per lottare per la prima posizione e puntare alla Lega Pro. Per farlo però dobbiamo essere più continui ed eliminare gli errori che ci stanno tarpando le ali. Già domenica prossima avremo di fronte un Mezzolara, giovane ma ben attrezzato che arriverà al Gabrielli non avendo nulla da perdere. Noi invece non avremo alternative alla vittoria; in caso contrario potremmo trovarci ancora più lontani degli attuali sei punti dal vertice della classifica. E a un quarto di campionato non sarebbe proprio il massimo”.

Gattoni è nato a Venezia il 19 agosto 1993, è alto 1,83 metri e pesa 75 chilogrammi. La sua carriera importante è iniziata a S.Donà dove è rimasto tre anni in serie D con 61 presenze e 6 gol. Nella stagione 13/14 era al Marano (serie D, 27 caps e zero gol), prima si salire in C2 all’Aversa Normanna (2 presenze, zero gol). La sua stagione più prolifica è stata quella al Delta Rovigo l’anno scorso quando in 29 presenze ha segnato 5 gol (alcuni dei quali decisivi).

Gattoni è single convinto (l’anno corso era “non convinto”), tifa Milan, ascolta musica senza preferenze (“basta che sia bella”), il suo attore preferito era ed è Denzel Washington e gli piace mangiare pesce cucinato in vari modi, soprattutto se a prepararlo è nonna Linda.

L’arbitro di domenica sarà l’agrigentino Giovanni Sanzo, coadiuvato da Simone Corradini del Basso Friuli e Stefano Valeri di di Maniago. Da segnalare come Imolese-Scandicci si giocherà in anticipo domani alle 15.

Giovanili. Domani gli Juniores Nazionali riceveranno la visita del Cordenons nel tentativo di staccarsi dal palo, al quale sono ancora ancorati; è possibile la presenza tra i pali di Gianni Careri, allenatore dei portieri nonché portiere di riserva della prima squadra. Domenica gli Allievi Regionali, anch’essi ancora al palo cercheranno i primi punti  andando a Campodarsego. Infine i Giovanissimi Regionali, sesti in classifica, ospiteranno l’Union Vis di Lendinara meglio piazzato.

 

Pierre



Articoli correlati


Adriese apre il campionato contro Ribelle
Il Delta Rovigo aspetta tra le mura amiche la Colligiana
S.Donato: Il neo tecnico Fusci: “Affronteremo la più forte del girone”
Sentinelli: “Per vincere il campionato bisogna maturare”        
Pareggio tra Rovigo Over 35 e Montegrotto
Uisp: è ora di play off