Home » Calcio, Delta Rovigo, Serie D

S.Donato: Il neo tecnico Fusci: “Affronteremo la più forte del girone”

18 novembre 2016 345 visite Stampa articolo

fusciMassimo Fusci ha condotto oggi il primo allenamento a S.Donato, quartiere di Tavarnelle (provincia di Firenze), dove domenica andrà il Delta Rovigo alla caccia del primo successo esterno. Fusci ha sostituito Marco Ghizzani che ha risolto consensualmente il contratto che lo legava alla società toscana. Il S.Donato Tavarnelle ha perso domenica scorsa al cospetto della Sangiovannese (2-3) e l’ambiente è alquanto ammosciato perché in Toscana ogni derby assume enorme importanza.

“In questi due giorni non potrò certamente stravolgere la squadra sotto il profilo tecnico – afferma Fusci – ma dovrò lavorare molto sul piano psicologico. I ragazzi hanno ‘sentito’ parecchio la sconfitta di S.Giovanni Valdarno e domenica se la vedranno con una delle migliori (se non la migliore in assoluto) squadra del girone. Basta scorrere la lista dei giocatori del Delta Rovigo per capire che i nostri prossimi avversari ci faranno visita per avvicinarsi ancor più alla vetta”.

Saranno di fronte una squadra che non ha mai vinto in casa (S.Donato) e una che non lo ha mai fatto fuori (Delta Rovigo). “Speriamo che anche la cabala ci dia una mano per capovolgere un pronostico che ci vede svantaggiati – osserva Fusci -. Di sicuro daremo il massimo per cercare di ‘fare male’ ai ragazzi di Parlato che è ottimo allenatore con un passato di tutto rispetto”.

Domenica Fusci dovrà fare a meno degli squalificati Collacchio e Ticci (entrambi difensori centrali titolari) e dovrà inventarsi una nuova formazione. Potrebbe essere (il condizionale è d’obbligo) un 4-3-1-2 speculare di quello del Delta Rovigo: Valoriani; Ceccatelli, Saitta, Crosari, Vecchiarelli; Galbiati, Mitra, Ghelardoni; Cubillos; Cicino, Carnevale.

Vediamo i numeri pregressi dei toscani. Con 11 punti sono quart’ultimi assieme a Adriese e Sangiovannese e pertanto in piena zona play out; hanno realizzato 15 reti e subite 17 (solo la Colligiana ha fatto peggio con 19). I realizzatori: 5 reti Cicino; 3 Carnevale e Mitra; 2 Pecchiaioli; una Ghelardoni più un’autorete. Ecco la classifica marcatori generale dopo l’11^ di andata: 10Miftah (Lentigione, 5 rigori); 8 Sciamanna (Correggese, 1 rigore); 7 Ambrosini (Imolese); 6 Ferrari (Delta Rovigo), Morbidelli (Sangiovannese), Cozzolino (Castelvetro) e Vangi (Scandicci).

Sinora i fiorentini (come detto) non hanno mai vinto in casa; vi hanno pareggiato con Correggese (1-1), Poggibonsi (0-0) e Colligiana (1-1) e perso ad opera di Scandicci (1-2) e Imolese (2-4). In trasferta hanno vinto a Ravenna (1-0) e Adria (2-0), pareggiato con Virtus Castelfranco (0-0) e Castelvetro (4-4) e perso a Lentigione (1-2) e, come detto, a S.Giovanni Valdarno (2-3).

ARBITRO. Sarà il bresciano Stefano Nicolini, per la prima volta sulla strada dei biancazzurri. Suoi collaboratori Paolo Messaggi di Crema e il concittadino Paolo Calzoni, che era nella terna arbitrale della partita vinta al Gabrielli sull’Imolese (3-1, unica vittoria di Passiatore); speriamo porti buono!

GIOVANILI. Gli Juniores Nazionali (3 punti) ospiteranno domani l’Union Feltre (11) con Luca Crivellari (ex difensore del Delta) in panca al posto di Renzo Spada che è stato esonerato. Crivellari non ha il patentino per allenare a livello Nazionale (lo otterrà al temine del Corso che inizierà a Rovigo a metà gennaio per concludersi in aprile) e pertanto con lui dovrà andare in panchina un allenatore “patentato”. Gli Allievi Regionali (ultimi a -1) domenica mattina faranno visita al Camisano (8 punti) mentre i Giovanissimi Regionali (17 punti) ospiteranno il Rubano (16).

Pierre

titolo: S.Donato T.. Il neotecnico Fusci: “Affronteremo la più forte del girone”   

 

Pierre



Articoli correlati


Delta Rovigo rimedia una sconfitta con Lentigione
Parlato: “Dobbiamo essere in testa l’8 maggio; il primato attuale deve essere solo un ‘aperitivo’”
Numeri del girone di andata
A Imola alla caccia della pole position
Pareggio tra Rovigo Over 35 e Montegrotto
Turchese. Fusetto: “Domenica col Crespino Guarda sarà importante ma non decisiva”