Home » Calcio, Delta Rovigo, Serie D

Sentinelli: “Battere lo Scandicci sarebbe decisivo”

23 novembre 2016 368 visite Stampa articolo

sentinelliSicuramente chi ha tratto i maggiori vantaggi dall’avvicendamento di Parlato al posto di Passiatore è stato Davide Sentinelli. Con quest’ultimo il centrale romano ha saltato tutte le prime tre partite con Lentigione, Imolese e Castelvetro (due sconfitte e una vittoria) mentre con l’arrivo del tecnico napoletano ha giocato da titolare (e da capitano) otto delle successive 9 partite saltando per squalifica solo quella contro la Ribelle.

Il capitano biancazzurro dà uno sguardo superficiale e laconico alla prima parte della stagione: “Stendiamo un velo pietoso sulle prime quattro partite di inizio”.

Gli saranno venute alla mente tutte le negatività del periodo: “Basti dire che Passiatore ci aveva proibito addirittura di ridere perché non era il caso – afferma Sentinelli -. E poi si accaniva contro di me senza un vero motivo”. Non dice di più ma sicuramente Sentinelli ricorda come il tecnico tarantino affermasse che non lo faceva giocare perché affaticato e peggio perché in crisi familiare (anche in interviste ufficiali); cose che il capitano e la moglie Patrizia (con i figli Christian e Thomas) ha successivamente smentito categoricamente.

Sentinelli dopo avere dato uno sguardo fuggevole al passato remoto guarda a quello prossimo: “Parlato ha portato serenità nel gruppo che prima ‘soffriva‘ gli allenamenti di Passiatore. Le sedute sono molto dure ma affrontate col sorriso: Parlato è un grande allenatore (che ho già avuto a Padova) e siamo sicuri che con lui sapremo essere protagonisti sino alla fine”.

Domenica scorsa il Delta Rovigo ha espugnato S. Donato Tavernelle, prima vittoria in trasferta. “Abbiamo giocato una buona partita, segnando due gol ma sbagliandone di poco almeno altri tre – ricorda Sentinelli -. Un successo strameritato che ci ha dato morale e punti, leva importante per impostare la nostra rimonta”.

Sul 2-1 è apparso qualche fantasma delle rimonte subite di recente? “Indubbiamente qualcosa ci è frullato in testa – assicura Sentinelli -, però questa volta abbiamo tenuto duro e averlo fatto ha segnato il fatto che la squadra sta migliorando sempre più sotto il profilo puramente tecnico ma anche comportamentale”.

Domenica al Gabrielli arriverà lo Scandicci, migliore in trasferta con 15 punti in sei gare (unica sconfitta a Castelfranco) e Sentinelli suona la carica: “Noi siamo primi in casa (14 punti, ndr) e ce la vedremo con una squadra tosta. Sarà per noi una gara molto importante che ci indicherà il nostro attuale spessore: aver vinto due gare di fila condite da 5 risultati utili consecutivi non deve darci certezze che non possiamo avere. Dovremo preparare lo scontro con la massima cura, consapevoli che dovranno essere banditi errori e cali di tensione di cui potrebbero approfittare i toscani. Vincere ci permetterebbe probabilmente di risalire ancor più in classifica ma al momento dobbiamo guardare solo a noi stessi”. Domenica al Gabrielli ci sarà vero spettacolo e sono finalmente attesi molti più tifosi del solito.

Pierre

titolo: Delta Rovigo. Sentinelli: “Battere lo Scandicci sarebbe decisivo”    

Pierre



Articoli correlati


Serie D. I numeri del girone D
Votazioni per l'elezione degli allenatori componenti l'Assemblea ed il Consiglio Federale
Il Delta Rovigo batte la Ribelle e torna al vertice
Il Delta Rovigo fa incetta di primati, l’Adriese deve migliorare ancora
Porto Viro. Augusti: “Sino alla fine sei finali da vivere intensamente”
Loreo perde a Bardolino e deve pensare alla Promozione