Home » Calcio, Delta Rovigo, Serie D

Mboup: ”Finalmente sono a disposizione di Parlato”

24 novembre 2016 348 visite Stampa articolo

mboupAssane Mboup è stato finalmente tesserato nella scorsa settimana ed ha già giocato con gli Juniores Nazionali biancazzurri sabato contro l’Union Feltre (0-0 sul campo ma i bellunesi hanno preannunciato reclamo perché il Delta Rovigo ha giocato con tre ‘97 quando il massimo è di due, ndr).

Mboup è arrivato a Rovigo nell’estate 2015 dalla Sacilese e nello scorso campionato ha giocato 15 partite: nessuna con Massimo Bagatti, due con Vito Antonelli e 13 con Francesco Passiatore.

Il tecnico tarantino lo aveva confermato assieme a Di Masi e Gattoni ma ben presto Di Masi è stato dirottato all’Arzachena (serie D sarda) mentre Gattoni ha giocato sin da subito col Delta Rovigo. Per problemi di tesseramento Mboup è rimasto nel “limbo” sino alla scorsa settimana quando finalmente sono stati risolti tutti gli impicci.

“Finalmente! Non ce la facevo più a lavorare con gli altri per tutta la settimana e poi seguirli solo dalla tribuna – sbuffa Mboup -. Adesso sono inserito in rosa a pieno titolo e potrò partecipare in prima persona alle fortune del Calcio Rovigo”.

Che periodo è stato? “E’ chiaro che provavo amarezza ma mi sono sempre allenato col massimo impegno e ora voglio farmi trovare pronto ad ogni chiamata di Parlato – assicura il centrale difensivo senegalese -”.

Domenica scorsa Mboup ha esordito in panchina a S.Donato Tavernelle: “I  miei compagni hanno giocato un’ottima partita e meritavamo una vittoria più ampia del 2-1 scaturito. Alla fine però sono stati molto importanti i tre punti che ci hanno permesso di incamerare la prima vittoria esterna e di avvicinarci alla testa della classifica che ora dista cinque punti”.

Domenica prossima al Gabrielli arriverà lo Scandicci, autentica sorpresa del campionato, che è la migliore in trasferta con 15 punti in sei gare (unica sconfitta a Castelfranco in avvio di campionato). Domenica ha perso per 0-1 lo scontro interno al vertice contro il Lentigione che ha effettuato il controsorpasso dopo il sorpasso subito dai toscani una settimana prima. “Lo Scandicci è la migliore in trasferta – osserva Mboup – ma noi siamo i migliori in casa e allora immagino una partita vivacissima nella quale entrambe le squadre giocheranno per vincere. Non so se il mister mi schiererà in campo; comunque anche se dovessi andare in panchina sarei pronto ad entrare in ogni istante per un augurabile successo che ci lanci ancor nelle prime posizioni della classifica”. Lo speriamo anche noi.

Andiamo a conoscere Mboup. E’ nato il giorno di Natale 1990 in una cittadina senegalese, tifa Inter, mangia volentieri un piatto di casa sua: lo Yassa (un misto di riso, salse, pollo e altri ingredienti che completano una pietanza molto saporita). Il suo cantante preferito è Bob Marley e gradisce la musica RNB, guarda volentieri film di Will Smith. E’ sposato dallo scorso aprile con la connazionale Mimì che lo renderà padre il prossimo marzo.

La sua carriera italiana è iniziata a Sacile e si è dipanata sempre in serie D: Sanvitese (due anni), Città di Concordia, Brindisi, ancora Sacilese e poi a Rovigo per un totale di 138 presenze e sette gol.

 

Pierre



Articoli correlati


Delta Rovigo. Parlato: “Vittoria importante ma dobbiamo migliorare ancora”
Delta Rovigo. Il pari col Mezzolara vale otto punti dalla vetta
Fortunato: “Il Delta Rovigo è come la mia Atalanta”     
Delta Rovigo. Giovanili in chiaroscurissimo  
Ilari: “Il pareggio col Lentigione non ha precluso nulla di importante”
A Chioggia un workshop con il Benfica