Home » Calcio, Delta Rovigo, Serie D

Ferrari: “Segnare fa piacere ma l’importante è vincere”

29 novembre 2016 396 visite Stampa articolo

delta-vs-scandicci-3Nicola Ferrari è stato senza ombra di dubbio “man of the match” nelle ultime due partite casalinghe del Delta Rovigo. Due settimane fa ha messo a segno un tris di gol alla Correggese (5-2 il risultato finale) mentre domenica scorsa ha contribuito con una doppietta alla “manita” rifilata al malcapitato Scandicci.

Domenica, dopo il vantaggio su comodo colpo di testa su cross di Ilari, ha concesso il bis in maniera splendida: stop spalle alla porta, finta sull’avversario e gran tiro a fil di palo. “Credo sia stato quest’ultimo il mio più bel gol sinora a Rovigo – afferma Ferrari -. Forse il gesto più significativo della mia partita però è stata la semirovesciata al volo uscita di pochissimo. Siamo però qui a parlare di gol e non di “quasi” gol e pertanto quello di domenica rimarrà impresso a lungo nella mia mente”.

Ad inizio stagione Ferrari e tutta la squadra stentavano alquanto a trovare trame valide e performance personali da ricordare (in primis quelle dello stesso bomber sassuolese). “Con Passiatore non riuscivamo ad esprimerci al meglio – ricorda Ferrari – sia perché non giocavamo bene sia per i tanti  condizionamenti psicologici. Parlato ha portato serenità e consapevolezza nei nostri mezzi e i risultati si stanno vedendo. Ora giochiamo più in verticale, abbiamo una condizione generale migliore (soprattutto psicologica) e soprattutto là davanti siamo spesso con la faccia alla porta avversaria; ed è anche per questo che segniamo con tale frequenza”.

Con quelli segnati domenica Ferrari è (assieme a Morbidelli della Sangiovannese) sul podio dei marcatori del girone: in testa c’è  Miftah (Lentigione) con 10 centri (5 rigori), seguito a quota 9 da Ambrosini (Imolese) e Sciamanna (Correggese, 1 rigore). Il bomber biancazzurro guarda con distacco: “Raggiungere la vetta non deve diventare un’ossessione. L’importante è giocare bene, garanzia che così facendo andiamo spesso al tiro e quindi al gol. Tutto sommato non è basilare che segni io bensì che il Delta Rovigo vinca; se poi dovesse continuare l’attuale momento non……mi tirerei certo indietro”.

Domenica prossima si giocherà dalle sue parti: Ferrari è di Sassuolo e il Delta Rovigo giocherà a Castelfranco (sempre in provincia di Modena). “Per me sarà una partita un po’ diversa dal solito – afferma Ferrari -. E’ un derby personale che sento più di altre gare e mi piacerebbe continuare nella striscia vincente. I modenesi sono ultimi con un sacco di record negativi ma noi non dobbiamo pensare di aver già vinto ancor prima di giocare. E’ un errore che dobbiamo evitare ad ogni costo per non rovinare quanto di buono abbiamo fatto nel mese di Novembre”.

La partita si giocherà regolarmente domenica (inizio ore 14,30) essendo stata bocciata dai modenesi (problemi di alcuni giocatori) la richiesta da parte del Delta Rovigo di anticiparla al sabato, come accadrà invece a Adria (avversaria l’Imolese). Giovedì 8 dicembre i biancazzurri ospiteranno il Ravenna mentre l’11 sarà la volta del derby a casa dell’Adriese. Un tour de force al termine del quale si potrà capire di più sul campionato.

MERCATO. Giovedì 1° dicembre verranno avviate le pratiche per tesserare il mediano Matteo Nichele, ex Padova con Parlato, 31 anni (che si allena da tempo a Rovigo) nel giorno in cui si potrebbe vedere al Gabrielli anche la punta croata Emil Zubin, 39 anni, anch’egli in dirittura d’arrivo per un eventuale tesseramento. Verrà rivista anche la batteria dei giovani e in tale ottica oggi c’era in prova a Rovigo il napoletano Ciro Castaldo, classe ‘97, che è tesserato con la Cavese (serie D) dopo avere militato nella Sambenedettese, Sessana, Vibonese e Arzanese.

GIOVANI “D” VALORE. La seconda graduatoria che si basa sull’età della rosa conferma al quart’ultimo posto il Delta Rovigo tra tutte le 162 squadre di serie D. Dietro ci sono Verbania, Drò e Lentigione che sono a zero non avendo settore giovanile.

 

Pierre



Articoli correlati


Adriese ko con Rignanese
Delta Rovigo pareggia con Rignanese
Capogrosso: “Sarà difficile battere la Ribelle ma non abbiamo alternative”.
Granzette vicino alla serie A
L'Adriese, nel play-out contro la Ribelle, è pronta a scrivere un'altra pagina importante della sua ...
Santi alla corte di Mattiazzi