Home » Calcio, Delta Rovigo, Serie D

Presi anche Castaldo e Zubin. Virtus Castelfranco ultima ma con tanta grinta.

2 dicembre 2016 4.957 visite Stampa articolo

casteldo-nichele-zubin-con-la-ds-visentiniIl Delta Rovigo in questi giorni di mercato invernale è come una stazione ferroviaria con gente che va ed altra che arriva. In partenza per ora c’è il solo Valentino Festa ma altri lo seguiranno a breve; in entrata invece, dopo Matteo Nichele, sono diventati biancazzurri Ciro Castaldo (‘97), terzino-centrale difensivo,proveniente dalla Cavese e Emil Zubin (‘77), punta centrale che nella sua lunghissima carriera di 23 stagioni pregresse ha segnato ben 254 gol in 561 presenze in varie squadre di Serie C e D tra cui Pordenone e Padova con Parlato in panca. (Nella foto da sinistra: Ciro Castaldo, Matteo Nichele e Emil Zubin con la disse Lorenza Visentini).   

Non si sa se i tre giocheranno domenica a Castelfranco per una gara ben più difficile di quanto possa sembrare. Il Delta Rovigo infatti ha miglior attacco totale (25 gol), è la migliore in casa (17 punti) dove ha segnato ben 20 reti. Ha la  miglior differenza reti (+10) ed ha vinto in casa 5 delle sette partite giocate ed non vi ha mai perso come Lentigione, Correggese, Mezzolara, Pianese e Ribelle.

Ben diverso il cammino della Virtus Castelfranco che è ultima con 10 punti, col peggior attacco (4 gol con media gara di 0,31, di cui 3 in casa e 1 fuori), è la peggiore in trasferta (2 punti), ha la peggiore differenza reti (-12), ha vinto solo due volte (entrambe in casa), ha perso 7 volte di cui 5 fuori.

In casa ha battuto Pianese (1-0) e Scandicci (1-0), vi ha pareggiato con S.Donato T. (0-0) e Poggibonsi (1-1) e perso con Imolese (0-2) e Colligiansa (0-2). In trasferta non ha mai vinto, ha pareggiato a Ravenna (0-0) e Castelvetro (0-0) e perso in casa di Correggese (0-1), Mezzolara (0-1), Asriese (0-5), Lentigione (1-2) e Sangiovannese (0-2). Ha conquistato solamente due punti nelle ultime sette partite.

I modenesi hanno subito sinora 16 gol e, come detto, ne hanno segnate solo 4; così ripartite: 2 Bandagoo, 1 Alagia e Giordani. Hanno tesserato oggi la punta Mezgour (che militava nel Fiorenzuola dove non ha mai segnato in 6 presenze; l’anno scorso era al Lentigione dove ha realizzato 10 gol in 36 presenze).

Delta Rovigo e Virtus Castelfranco hanno la medesima visione “famigliare” nella conduzione delle rispettive società. A Rovigo Mario Visentini è il presidente, la figlia Lorenza e d.s. e la “quasi nuora” (fidanzata con uno dei suoi due figli maschi) segretaria. Il presidente della Virtus Castelfranco e direttore generale è Paolo Chezzi, la figlia Greta è addetta stampa mentre il figlio Marcello è l’allenatore da 13 anni.

Quest’ultimo inquadra così il match di domenica: “Affronteremo la squadra più forte del girone – afferma convinto Chezzi -; lo era anche all’inizio ma non riusciva ad esprimersi secondo le attese. Ora con un grande allenatore come Parlato sta raccogliendo quanto sta seminando. Noi siamo indubbiamente in difficoltà ma non per questo domenica scenderemo in campo già battuti ancor prima di giocare. Ce la metteremo tutta e, se il Delta Rovigo vorrà centrare la quarta vittoria di fila, dovrà sudare sette camicie; anzi qualcuna in più”. Biancazzurri avvisati mezzi…..vittoriosi.

ARBITRO. A dirigere la partita è stata chiamata Carmen Gautieri di Battipaglia (provincia di Salerno) coadiuvata da Mauro Masia di Sassari e Angelo Senzi di Arezzo.

ANTICIPO. Domani (inizio ore 14,30) si giocherà Adriese-Imolese che interessa da vicino il Delta Rovigo, visto che i bolognesi hanno solamente un punto in meno.

 

Pierre



Articoli correlati


Calcio Rovigo. Rimpatriata per gli ex biancazzurri delle annate ‘50, ‘60, ‘70 e ‘80 
In arrivo anche Zubin e Segato. Crescenzi scalpita   
Prima categoria: Il Monselice regola alla grande lo Stroppare
Porto Viro. Vianello: “Stiamo rincorrendo a ragion veduta l’Eccellenza”
Il cuore granata sbanca Imola
Sale la febbre del derby !!!!!