Home » Calcio

Prima categoria: Il Monselice regola alla grande lo Stroppare

4 dicembre 2016 341 visite Stampa articolo

Calcio (14)Nuovo Monselice-Stroppare 5-2

Nuovo Monselice: Bellamio, Bagno, Frazzetto, Voltolina, Sadocco, Nicoletto (25’ pt   Carcagin), Leshi, Menegazzo, Malaman (21’ st Carnio), Marcato, Cappellari. A disp.: Sgualdo, Bacco, Petracin, Burlacu e Carcangiu. Allenatore: Simonato.

Stroppare: Boccardo, Alessio, Alessi (25’ st Lazzari), Capuzzo, Antico (41’ st Gonzato), Munari, Crepaldi,  Casazza, Lissandrin, Molon, Zaggia (11’ st Angeloni). A disp.: Marsiglio, De Tomi e Curzio. Allenatore: Trambaioli.

Arbitro: Picelli di Mestre.

Reti: 6’ pt, 3’ st (rigore), 39’ st e 40’ st Marcato, 23’ pt Munari, 17’ st Menegazzo.

Note: cielo variabile, terreno allentato, temperatura autunnale. Calci d’angolo 3-1 per lo Stroppare; ammoniti Munari, Casazza e Antico. Spettatori 170 circa.

MONSELICE – Pirotecnico derby bassopadovano tra due squadre che cercavano la vittoria per motivi diversi: i padroni di casa per rilanciarsi nelle prime posizioni, gli ospiti per ritrovare quel successo che permettesse loro di guardare al futuro senza ansie. Ha vinto il Monselice ma lo Stroppare non ha sfigurato, condizionato però da alcuni errori difensivi nel finale di partita.

Si parte e al 6’ Marcato segna su punizione il primo dei suoi quattro gol. Risponde al 23’ Munari che risolve una mischia in area anticipando un avversario e battendo l’incolpevole Bellamio.

Nella ripresa succede di tutto. Al 3’ Marcato mette a segno un sacrosanto rigore portando il punteggio parziale sul 2-1. Al 6’ Boccardo devia alla grande con i piedi un tiro ravvicinato di Malaman. E’ il preludio al terzo gol monselicese, realizzato da Menegazzo ancora su punizione. Il finale non è per deboli di cuore: al 37’ Crepaldi crossa dalla sinistra, Bellamio cincischia con la palla che termina la sua corsa alle sue spalle: 3-2.

Lo Stroppare spinge alla caccia del pari ma si espone ai contropiedi avversari e in particolare di Marcato che prima approfitta (forse con un fallo di mano) di un errore in disimpegno di Antico per poi ripetersi un minuto dopo sempre approfittando delle disattenzioni degli avversari.

 

Pierre



Articoli correlati


Delta Rovigo torna a mani vuote
Delta Rovigo pareggia con Ribelle
Ilari: “Fare poker di vittorie sarà difficile ma ci proveremo con tutte le nostre forze”.
Stop per Delta Rovigo e Adriese: i biancazzurri sono tra le migliori mentre l’Adriese torna ultima
Parlato: “Ieri i ragazzi sono stati bravissimi a reagire alle avversità”
Greta Pasquesi allo stage di Coverciano