Home » Calcio, Delta Rovigo, Serie D

Domani arriva un agguerrito Ravenna

7 dicembre 2016 389 visite Stampa articolo

delta-rovigo-vs-corregese-4ROVIGO – Dopo avere espugnato Castelfranco domenica scorsa il tour de force del Delta Rovigo continuerà domani al Gabrielli contro un ostico Ravenna che ha solo cinque punti in meno dei biancazzurri. Per i ragazzi di Parlato sarà un periodo fondamentale che potrebbe chiarire ancor più le attuali impalpabili gerarchie: quattro partite (di cui tre in casa) che il Delta Rovigo vorrebbe capitalizzare per essere protagonista assoluto. Dopo il match di domani infatti è previsto per domenica 11 il derby di Adria mentre il 18 si chiuderà l’andata affrontando in casa il Poggibonsi. L’8 gennaio, dopo la sosta di fine anno, a Rovigo arriverà il Lentigione, attuale capolista.

Restando al match di domani Parlato come al solito va con i piedi di piombo: “Arriva una squadra tosta che subisce pochi gol (10 in tutto, 5 in trasferta, ndr); una squadra “aspide” capace di colpirti quando meno te lo aspetti. Dovremo tenere le antenne sempre altissime, continuando a mantenere la giusta attenzione che abbiamo avuto negli ultimi tempi. Centrare la quinta vittoria di fila è alla nostra portata ma per farlo dovremo  giocare in 11”. Un concetto quest’ultimo piuttosto sibillino che Parlato non spiega ma riconducibile alla sua indole di perfezionista.

Il tecnico biancazzurro ha tutti a disposizione (gran lavoro del preparatore atletico Marin e del fisioterapista Crivellari, ndr) e in settimana ha provato più moduli. Crediamo abbia tre opzioni per la formazione di partenza. La prima sarebbe il solito 4-3-1-2 con Boccanera in porta, Dionisi, Contri, Sentinelli e Fabbri in difesa, Miotto, Tarantino e Gattoni a centrocampo, con Tarantino alle spalle di Ferrari e Ilari.

La seconda potrebbe essere il 4-2-3-1 applicato nel secondo vincente tempo a Castelfranco. E cioè con la medesima difesa, i soli Tarantino e Miotto davanti all’area, Ilari Zubin e Oliveira a centrocampo a sostegno del solo Ferrari. La terza opzione, alla luce degli impegni tanto ravvicinati, potrebbe portare ad un sostanzioso turn over con uno dei due schemi.

Il tecnico romagnolo Marco Antonioli dovrà fare a meno del bomber Graziani (4 gol sui 13 totali) e potrebbe schierare la stessa formazione che domenica ha pareggiato rocambolescamente con la Colligiana (3-3 finale con i ravennati avanti per 3-1 sino a 10  minuti dal termine, ndr). E cioè un 4-4-2 con Spurio in porta, Ballardini, Giacomoni, Venturini e Mingozzi in difesa, Ambrogetti, Forte, Selleri e Luzzi a centrocampo, Innocenti (ex Rovigo) e Boschetti di punta.

Antonioli fa previsioni: “Sarà uno scontro diretto per la vittoria finale perché credo che noi, Delta Rovigo, Imolese e Correggese siano le migliori del lotto e che se la giocheranno sino alla fine. Non credo nel Lantigione che credo abbasserà i suoi ritmi nel girone di ritorno. Si sicuro quella di domani sarà una gara da non perdere”. Un messaggio quest’ultimo che finalmente il Polesine sembra avere accolto; alla luce dei 600 spettatori contro lo Scandicci che potrebbero essere molti di più domani visto che tutti gli altri campionati dilettantistici sono fermi.

Ecco gli altri incontri di domani: Castelvetro-Poggibonsi, Colligiana-Adriese, Fiorenzuola-Correggese, Lentigione-Imolese (clou di giornata), Mezzolara-Pianese, Ribelle-V.Castelfranco, Rignanese-S.Donato T., Sangiovannese-Scandicci.

La classifica: Lentigione 28; Delta Rovigo e Correggese 25; Imolese 24; Ribelle 23; Scandicci 22; Mezzolara 21; Castelvetro e Ravenna 20; Pianese e Rignanese 19; Fiorenzuola e Poggibonsi 16; S.Donato T. e Sangiovannese 14; Colligiana 13; Adriese 12; V.Castelfranco 10.

 

Pierre



Articoli correlati


Delta Rovigo. Ferrari: “Presto tornerò a segnare molto”     
Delta Rovigo è la migliore in casa, Adriese battuta 8 volte
Parlato: “Dobbiamo essere in testa l’8 maggio; il primato attuale deve essere solo un ‘aperitivo’”
Zubin re del gol. Ne ha segnati ben 256 in 566 gare
Il Loreo, fanalino di coda, non demorde            
Delta Rovigo: "Portami allo stadio"