Home » Tiro con l'arco

Ancora… nella tana!

8 dicembre 2016 Stampa articolo

arcieri-delle-due-tigriRecentemente, per la seconda volta un nutrito gruppo di arcieri, si è dato appuntamento e “battaglia” sulla linea di tiro della tana della compagnia Arcieri delle Due Tigri di Villadose, per disputare il “2° Trofeo Delle Tigri”, gara interregionale indoor sulla distanza dei 18 metri.

Una gara molto emozionante, come sempre, alla quale hanno partecipato atleti di tutte le divisioni dell’arcieria, dall’arco nudo all’arco compound, rispettando anche il desiderio e la passione degli atleti paraolimpici.

Quello che, ancora una volta, in casa delle Tigri ha brillato è stata, a detta di tutti i partecipanti, l’organizzazione impeccabile. Le testimonianze degli atleti coinvolti, raccolte dal Presidente della compagine polesana, Daniele Ferracin, che dirigeva da posizione elevata i tiri, parlano chiaro. E proprio a lui chiediamo di esprimere alcuni pensieri circa lo svolgimento della competizione.

alcuni componenti degli Arcieri Saccisica e gli assessori Luca Renesto e Simona Pizzo con il Trofeo delle Tigri

alcuni componenti degli Arcieri Saccisica e gli assessori Luca Renesto e Simona Pizzo con il Trofeo delle Tigri

“È stata una gara pazzesca. Quasi tutti i turni hanno visto i paglioni pieni di arcieri, segno che il nostro è un appuntamento che piace e attira. Il clima è stato sempre sereno e festoso, anche in momenti in cui magari gli atleti non si trovano d’accordo per una freccia che si conficca a ridosso della linea che divide un punto da quello più alto. In quel momento è d’obbligo chiamare in causa l’arbitro, ma proprio questo passaggio, che molto spesso fa nascere nervosismi era vissuto, soprattutto dai ragazzi più giovani come un momento di relax e divertente”.

Cosa possiamo dire circa la preparazione dell’ambiente di gara?

momenti-di-gara-3“Beh, possiamo sicuramente dire che tutti hanno trovato un campo di gara ben preparato, sono parole degli atleti stessi, con un’illuminazione assolutamente adeguata a tutte le fasi di tiro. Il nostro staff, composto dagli atleti che non erano coinvolti nella gara, è sempre stato attento alle esigenze di tutti: dall’arbitro agli atleti, dai tecnici agli ospiti accompagnatori. Per questi ultimi, quest’anno abbiamo pensato di riservargli un posto privilegiato dalle finestre della palestra più piccola al primo piano, di modo che potessero osservare la gara dall’alto, godendo fino in fondo della visuale più ampia possibile. Penso che anche questo sia stato gradito.

La disponibilità dello staff è stata riscontrata anche dagli arcieri che sono stati aiutati e coadiuvati in ogni situazione, come ad esempio nel raccogliere le cocche cadute o ad accompagnare gli atleti paraolimpici al recupero delle frecce”.momenti-di-gara-4

Cos’altro possiamo raccontare di questa meravigliosa festa di sport?

“Possiamo sicuramente raccontare della forte emozione di alcuni atleti che hanno fatto ritorno sulla linea di tiro dopo alcuni momenti di stop, in particolare: due nostri atleti uniti dall’amore, oltre che dalla passione per l’arco e le frecce ed un loro vecchio compagno di squadra, oggi avversario, che si è divertito moltissimo essendosi trovato in piazzola con atleti molto giovani. Penso che questa situazione gli abbia dato emozioni ed entusiasmo nel tirare nuovamente. Per quanto riguarda i giovani, devo dire che, anche quest’anno si sono presentati tanti “allievi” e “ragazzi”, tutti di ottimo livello che probabilmente saranno il futuro di questo sport, a torto considerato minore, ma ricordiamo che ha tantissimi tesserati. Queste giovani frecce hanno dato spettacolo. Non voglio fare un torto a nessuno ma, in particolare, ne menziono due. Uno è il figlio di un arciere di una nostra compagnia amica, che nel venire a ritirare la sua prima medaglia d’oro aveva una luce particolare, un brillare che esprimeva tutta la soddisfazione per il podio raggiunto. L’altra atleta è una momenti-di-gara-6piccola tigrotta. Una del nostro gruppo, mia nipote, che si è appassionata vedendo gli allenamenti miei e della mamma, inutile dire che siamo profondamente orgogliosi per il suo podio e per la sua prima esperienza casalinga.

Altri momenti molto emozionanti e di forte impatto sono stati quelli in cui abbiamo premiato con un dono speciale un atleta di una nostra compagnia vicina che nella giornata di gara festeggiava il suo compleanno. Un atleta “anziano” solo anagraficamente, ma con una grinta da… leone.

Anche qualche atleta che solitamente è un po’ polemico e chiassoso, da noi si è trovato a suo agio e pubblicamente sui social ha constatato come tutto sia andato per il meglio, dall’ambiente al buffet. Alla fine questo è quello che conta, che tutti siano stati bene in nostra compagnia, perché ci saranno sicuramente rivalità sulla linea di tiro e anche tra società a volte, ma poi quando si è tutti riuniti intorno al tavolo del rinfresco si sfrutta il momento di relax per gioire di questa conviviale”.

Carlo Bergamo

Carlo Bergamo

Il momento della premiazione poi, cosa non scontata, ha visto la partecipazione dei rappresentati del Comune di Villadose al quale siamo legati da un solido patrocinio. I medagliati, hanno avuto il piacere e l’onore di essere premiati direttamente dalle mani di due giovani assessori, che, oltre che per rappresentanza, anche per amicizia, seguono le nostre avventure sui campi di gara. A loro, Simona Pizzo e Luca Renesto, va il nostro personale ringraziamento”.

Qualche scoop per l’anno prossimo?

elisa-boscolo

Elisa Boscolo

“Lo svolgimento così soddisfacente di questa gara indoor, ha fatto nascere in noi il desiderio di proporre qualcos’altro. L’anno prossimo sicuramente, è una promessa, riproporremo questa classica unitamente alla nostra Endurance di inizio estate. Ma abbiamo deciso di festeggiare anche la Primavera, preparando un 900 round, che vista la nostra grinta felina abbiamo ribattezzato 900 Roarr”.

I ringraziamenti per la buona riuscita dell’evento sono rivolti innanzitutto alla disponibilità e professionalità degli Arcieri Delle Due Tigri; agli atleti che hanno avuto il piacere di partecipare; alle “Tigri” che orgogliosamente hanno ruggito: Elisa Boscolo classificata 1^ Olimpico Master Femminile, Viviana Fabiano classificata 1^ Olimpico Giovanissimi Femminile, alla squadra Olimpico Senior Maschile classificata quarta composta da Gian Franco Marani, Raffaele Rossi e Stefano Zancan; agli Arcieri Saccisica di Piove di Sacco (PD) che hanno conquistato il 2° Trofeo delle Tigri con 6727 punti globali ottenuti dalle frecce scoccate da Bruno Carraro, Tomas Costa, Yhairo Costa, Tomas Fasolato, Eros Friso, Emanuela Barbara Libero, Omar Madruzza, Ivano Marangoni, Mauro Maritan, Verusca Mischiatti, Luca Picchielan, Monica Polato, Francesco Rosso, sottraendo il titolo per una esigua differenza punti agli Arcieri del Sagittario di Pernumia (PD) conquistatori dell’edizione precedente.

da-sx-alessandro-beltrami-mattia-berto

da sx Alessandro Beltrami, Mattia Berto

Un ringraziamento speciale per il contributo offerto è dedicato a: Impresa Edile Zulian di Zulian Silvio di Adria (RO), Bellato Andrea fisioterapista di Adria (RO), Pizzeria al taglio da Sandra di Villadose (RO), Brusaferro Ferramenta sas di Villadose (RO), Area Utensili srl di Villadose (RO), Industria Dolciaria Borsari srl di Badia Polesine (RO) e Pasticceria Gocce di Miele di Rovigo.

Oltre a tutto questo, il Presidente Ferracin e le Tigri tutte, aspettano tutte le persone curiose di provare la disciplina del tiro con l’arco di sabato pomeriggio presso la palestra di Via della Pace 20 a Villadose, sicuri che una volta preso in mano l’arco, i tecnici vi guideranno lungo la via della freccia.

Per i contatti visualizzate www.facebook.com/arcieri2tigri oppure scrivete ad arcieri2tigri@gmail.com.

 

C.S.



Articoli correlati


Tris consecutivo di Stocco
Tigri… buona la prima
Sugli scudi la Compagnia Arcieri Rovigo
La Compagnia Arcieri di Rovigo si distingue nelle gare outdoor
Tiziana Marini argento italiano
Le ragazze del Sagittario del Veneto Campionesse d’Italia