Home » Calcio, Delta Rovigo, Serie D

Parlato: “Dobbiamo essere in testa l’8 maggio; il primato attuale deve essere solo un ‘aperitivo’”

19 dicembre 2016 324 visite Stampa articolo

parlatoCarmine Parlato il giorno dopo la vittoria sul Poggibonsi che ha dato il titolo d’Inverno mente…..sapendo di mentire: “Io alla classifica ho dato solamente una fuggevole sbirciatina. I ragazzi invece l’hanno guardata ben bene….e mi hanno detto che siamo al vertice a metà cammino. Bene: siamo contenti ma questo non deve darci certezze che non abbiamo. Per festeggiare veramente dobbiamo essere primi l’8 maggio quando si chiuderà il campionato”.

Al suo arrivo ad inizio ottobre dopo 4 gare con Passiatore in panca i biancazzurri erano tredicesimi (e non undicesimi come erroneamente scritto ieri, ndr) con 4 punti e 6 dalla coppia di testa Correggese-Lentigione (sempre loro!). In pratica hanno recuperato in 13 gare sette punti alla Correggese e ben nove al Lentigione. E questo nonostante la partenza stentata anche con Parlato che nelle sue prime sei partite ha incamerato solamente 9 punti.

La chiave di volta è stata contro la Correggese, battuta per 5-2, prima di una serie di sette gare che hanno portato ben 19 punti (vittorie oltre che con i reggiani anche con S.Donato T., Scandicci, V.Castelfranco, Adriese e Poggibonsi e unico pareggio con il Ravenna). Una escalation straordinaria che ha riportato i biancazzurri nella posizione loro preventivata prima del campionato dagli addetti al lavoro.delta-rovigo-vs-pongibonsi-3

E’ stato impegnativo questo periodo? “Indubbiamente alcuni arrivi importanti ci hanno favorito – riconosce Parlato -. Li conoscevo bene e sapevo cosa potessero darci in termini tecnici ma soprattutto psicologici. Abbiamo lavorato bene attorno ad un gruppo che ha svolto i suoi compiti con massimo impegno, raccogliendo frutti molto saporiti. Anche se……”.

Anche se; cosa? “Col Poggibonsi qualcosa abbiamo sbagliato ancora – osserva il tecnico biancazzurro – e la cosa non mi è piaciuta (dice però questo con un sorrisino sotto barba e baffi, ndr). Ad un certo punto, pur essendo in vantaggio di gol e di uomini ho visto qualche titubanza di troppo. E proprio per questo ho fatto entrare Capogrosso per Tarantino e Nichele per Zubin, dando così maggiore consistenza ai reparti arretrati”.

Pensate che la vittoria di ieri condita dal primato abbia ammorbidito il “sergente di ferro” Parlato in vista del Natale? Nemmeno per sogno: i biancazzurri sono tornati al lavoro già oggi pomeriggio mentre il rompete le righe natalizio avverrà solamente giovedì pomeriggio. Il successivo ritrovo è fissato per il 28 dicembre mentre il break di fine anno inizierà solamente il pomeriggio del 31 e durerà sino al 2 gennaio.

Parlato non vuole distrazioni anche perché ad inizio ritorno i biancazzurri avranno due partite fondamentali in ottica vittoria finale: l’8 gennaio arriverà il Lentigione mentre una settimana dopo sarà la volta della trasferta a Imola. Bene panettoni e spumante (rigorosamente italiano) ma i biancazzurri non dovranno per nessuna ragione al mondo sgarrare.

delta-rovigo-vs-pongibonsi-9GIOVANILI. Tanto carbone per gli Juniores Nazionali di Luca Crivellari. Il giudice sportivo venerdì scorso ha infatti accolto il reclamo dell’Union Feltre (0-0 sul campo) omologando il risultato con lo 0-3 poiché i biancazzurri hanno fatto giocare tre ‘97 mentre permessi erano solo due. Sabato inoltre Il Delta Rovigo ha perso per 1-2 (dopo essere stato in vantaggio) contro il Mestre, terminando l’andata all’ultimo posto appaiato all’Este a quota 9.delta-rovigo-vs-pongibonsi-6

 

Pierre



Articoli correlati


Il Delta Rovigo aspetta tra le mura amiche la Colligiana
Gli Allievi del San Giusto di Donada
Adriese. Bruttissima sconfitta interna con la Sangiovannese
Miotto: “Con la Ribelle puntiamo al poker”.
Vittoria tennistica per Rovigo
Nichele: “A Budrio punteremo alla quinta vittoria consecutiva”