Home » Calcio, Delta Rovigo, Serie D

Ilari: “Il pareggio col Lentigione non ha precluso nulla di importante”

10 gennaio 2017 322 visite Stampa articolo

marco-ilariROVIGO – Contro il Lentigione “man of the match” è stato sicuramente Marco Ilari, nel bene e nel ‘male’. Infatti ha prima crossato dalla sinistra alla perfezione per il facile gol di Zubin ma poi ha commesso il fallo giudicato da rigore dall’arbitro che ha portato al pareggio dei reggiani. Analizziamo con l’interessato questi due episodi.

“Sul nostro gol è stato bravissimo Davide (Sentinelli) che mi ha dato una palla filtrante perfetta – ricorda Ilari -. Io ‘non ho fatto altro’ che superare il mio diretto avversario e crossare per Zubin che ha fatto centro”.

Dopo quel gol (14’) il Delta Rovigo è calato di tono per poi migliorare nella ripresa……

“In effetti abbiamo arretrato troppo – ammette il jolly romano – permettendo così al Lentigione di salire e di metterci anche in difficoltà. Lo sapevamo: il Lentigione è forte; altrimenti non avrebbe guidato a lungo la classifica e noi siamo stati troppo ‘molli’ nel contrastarli”.

Poi è arrivato il rigore, causato proprio da Ilari….

“Sono stato un vero ‘pollo’ – afferma l’interessato -. Sanè è entrato in area ed aspettava solamente che uno di noi lo sfiorasse per cadere a terra. E io ci sono cascato in pieno toccandolo lievemente; Sanè si è gettato a terra come colpito da un ictus e l’arbitro ha concesso un rigore molto ma molto dubbio, realizzato da Rocco”.

Per tutta la gara Ilari è stato incontenibile con iniziative personali entusiasmanti e assist perfetti……

“Mi sentivo bene – dice – e in quel ruolo (trequartista) posso svariare in più zone del campo. Io l’ho fatto il più spesso possibile (e anche molto bene, diciamo noi e tutto il pubblico, ndr)”. 

Il pareggio ha permesso alla Correggese il sorpasso in vetta…..

“I numero dicono questo – conferma Ilari – ma non è adesso che bisogna essere in vetta. Davanti abbiamo ancora 16 partite tutte da vivere e sono certo che l’arrivo sarà al fotofinish. E’ importante che noi non perdiamo la concentrazione e che riusciamo a sviluppare il gioco che ci ha permesso nel finale di andata di raccogliere 19 punti nelle ultime sette partite”.

Domenica è in programma un altro scontro diretto nella tana dell’Imolese che ha la stessa differenza reti dei biancazzurri (+13). Che partita ti aspetti?

“Certamente affronteremo una squadra molto tosta che ha un trio d’attacco veramente forte (Ferretti, Longobardi e Ambrosini) – osserva il romano -. Dovremo preparare la partita con la massima cura per non farci trovare impreparati e ‘molli’ come siamo stati a tratti col Lentigione. Gennaio poi ci riserverà altre due partite importanti contro Castelvetro e Colligiana che ci schiariranno le idee”.

GIOVANILI. E’ stato per loro un week end da dimenticare. Gli Juniores Nazionali di Luca Crivellari hanno perso in trasferta (1-4) al cospetto ella Triestina; i biancazzurri sono ancora ultimi mentre i giuliani sono al vertice assieme al Careni Pievigina. Debacle anche per i Giovanissimi Regionali di Stefano Toso che hanno perso in casa per 1-2 contro il Thermal Teolo; ora sono sesti.

 

Pierre



Articoli correlati


Delta Rovigo fa tris e scala la classifica
Delta Rovigo. Contri: “Raccogliamo meno di quanto seminiamo”
Gattoni: “Vogliamo rendere al Lentigione ‘pan per focaccia’”
La vittoria sul Castelvetro vale il secondo posto, in attesa del recupero di Imola
Delta Rovigo a Scandicci per ritrovare il successo, Adriese aspetta Lentigione
Al via stagione del Calcio Rovigo

Scrivi un commento!