Home » Calcio, Delta Rovigo, Serie D

A Imola alla caccia della pole position

14 gennaio 2017 547 visite Stampa articolo

parlatoROVIGO – Lo stadio di Imola dove domani giocherà il Delta Rovigo è all’interno del circuito che ha ospitato per tanti anni la Formula 1 e dove morì il 1° maggio 1994 il grandissimo pilota Ayrton Senna.

Il “Gran Premio” di domani metterà di fronte due squadre che sono al vertice per strade diverse: l’Imolese è stata nelle prime posizioni sin dai primi “giri” mentre il Delta Rovigo è partita “dai box” per effettuare con Parlato una lunghissima rincorsa che ha portato i biancazzurri ad essere al vertice a metà corsa. Ora in pole position c’è la Correggese che ha un punto di vantaggio sul Delta Rovigo e due sull’Imolese. Come dire che la lotta per il titolo è ancora incertissima considerando che sono vicine altre squadre: Lentigione a 3 punti dal vertice e Ravenna a 6.

Ecco dunque che la gara di domani assume importanza capitale per la corsa alla vittoria finale. Ne è convinto anche Carmine Parlato: “ Sarà una gara certamente molto importante ma non ancora decisiva per gli esiti di fine campionato. Mi attendo una gara tattica più che tecnica e pertanto dovremo farci trovare pronti per capire in fretta le mosse dei romagnoli e trovare i giusti antidoti per essere a nostra volta in grado di ‘fare male’”.

Cosa ci vorrà per essere competitivi?

“Innanzitutto dobbiamo trovare l’intensità dimostrata nel finale 2016 – osserva Parlato – condita dalla continuità che non c’è stata contro il Lentigione quando abbiamo giocato a corrente alternata. Abbiamo le qualità per espugnare il loro terreno ma per farlo dovremo essere perfetti (o quasi)”.

L’Imolese ha un attacco monstre (Ferretti 13 gol, Ambrosini 11, Longobardi appena arrivato, 1). Quali saranno le contromosse?

“Indubbiamente dovremo essere molto attenti – chiarisce il tecnico napoletano – ma dovremo fare in modo che siano loro a doversi preoccupare di noi. Batterli sarebbe una splendida cosa che ci darebbe entusiasmo e punti importanti (anche se, lo ripeto, non decisivi) che sarebbero manna per i resto della stagione che, ricordo, è ancora molto lunga”.

Domani Parlato avrà a disposizione tutti i giocatori ad eccezione di Cristian Crescenzi che ha subito la rottura di un menisco per il quale sarà costretto ad operarsi. Per lui si prevede almeno un mese di stop. Rientrano dalla squalifica Fabbri e Capogrosso e cerchiamo di indovinare cosa brilli in testa a Parlato. Prevediamo giocherà con il solito 4-3-1-2 con Castaldo, Dionisi, Sentinelli e Fabbri davanti a Boccanera; Miotto, Tarantino e Gattoni a centrocampo, Ilari dietro le punte Zubin e Ferrari.

L’Imolese di mister Baldini potrebbe schierarsi col tradizionale 3-5-2: Stancampiano, Boccardi (‘97), Sanna (‘97), Martedì (‘98), Syku, Scalini, Borgobello (‘97), Selvatico, Longobardi (Ferretti), Ambrosini, Tattini.

Intanto il Delta Rovigo ha tesserato Giacomo Potenziani, centrale difensivo (classe ‘98, proveniente dalla Primavera del Frosinone, 1,91 metri per 80 kg).

Ecco il resto del programma di domani: Adriese-Sangiovannese, Colligiana -Pianese, Correggese-S.Donato T., Lentigione-Castelvetro, Poggibonsi-Ribelle, Ravenna-Fiorenzuola, Scandicci-Rignanese, V.Castelfranco-Mezzolara.

CLASSIFICA: Correggese 34; Delta Rovigo 33; Imolese 32; Lentigione 31; Ravenna 28; Mezzolara 27; Castelvetro e Scandicci 26; Fiorenzuola e Pianese 25; Rigannese 24; S.Donato T. 23; Ribelle 22*; Colligiana 21; Sangiovannese 18; Poggibonsi 16; Adriese 15; V.Castelfranco 14. *un punto pnalizzazione.

 

Pierre



Articoli correlati


Ilari: “Fare poker di vittorie sarà difficile ma ci proveremo con tutte le nostre forze”.
Alessandro: “Faccio il massimo per essere pronto sempre e comunque”
Capogrosso: “Il mio gol era validissimo”
Sentinelli: “Per vincere il campionato bisogna maturare”        
Rovigo over 35 travolge Atheste
L'Adriese aggiunge un'altra pedina importante.

Scrivi un commento!