Home » Calcio, Delta Rovigo, Serie D

Alessandro: “Non è importante essere primi ora ma alla fine”

27 gennaio 2017 531 visite Stampa articolo

alessandroROVIGO – Il Delta Rovigo si è allenato questa mattina in vista della trasferta di Colle Val D’Elsa per la terza partita in una settimana quando i biancazzurri hanno battuto domenica scorsa il Castelvetro (2-1) e pareggiato in bianco mercoledì a Imola con la conquista del primo posto in classifica assieme alla Correggese. Ne parliamo con Jonatan Alessandro che a Imola è tornato titolare a distanza di due mesi e mezzo (l’ultima volta era stata contro la Rignanese, 0-0, il 6 novembre).

Che partita è stata a Imola?

“Di fronte c’erano due ottime squadre – osserva Alessandro – che si sono affrontate a viso aperto; almeno sino a quando sono rimaste 11 contro 11.  Poi con l’espulsione di Monacizzo a mezzora dal termine i romagnoli hanno arretrato il baricentro e intasato gli spazi nei quali era difficile incunearsi. Potevamo indubbiamente vincere in quella situazione ma il muro dell’Imolese era invalicabile. Per quanto mi riguarda devo recriminare per un tiro da buona posizione respinto da un difensore. Peccato!”.

Alessandro ha già segnato 8 gol: uno (inutile) in Coppa contro la Vigontina e 7 in campionato pur giocando poco. Uno dei gol in campionato è stato all’andata con la Colligiana (2-2) che costò la panchina a Passiatore……

“In quella gara siamo andati sotto per il gol di Bandini – ricorda la punta italo-argentina -; poi io e Ferrari ribaltammo il risultato ma a 10’ dal termine Venuto pareggiò definitivamente. Giocammo meglio dei toscani ma dovevamo vincere; pareggiare fu per noi piuttosto deleterio e Passiatore pagò per tutti. Domenica vogliamo ‘vendicare’ quel risultato; spero di giocare e magari di segnare, anche se il gruppo viene prima del singolo”.

Alessandro è nato a Buenos Aires il 5 gennaio 1987. Che effetto fa respirare le……buenos aires della vetta?

“Indubbiamente fa un gran piacere essere lassù – ammette Alessandro – ma esserci ora non è importante. Abbiamo faticato tantissimo per essere primi, vogliamo e dobbiamo esserlo anche alla fine; tenendo conto che abbiamo già incontrato Lentigione e Imolese (due 0-0) che lottano con noi.

E’ stato difficile conquistare il vertice; ancor più difficile mantenerlo”.

Andiamo a conoscere la Colligiana. Ha 27 punti e ha fatto meglio in trasferta che in casa (14 punti contro 13) a parità di partite giocate. Ha un grande attacco a segno 31 volte; meglio hanno fatto Delta Rovigo (33), Imolese (34) e Correggese (39). Ben altro rendimento quello della difesa, battuta ben 29 volte; hanno fatto peggio S. Donato T. (30), Scandicci e Castelvetro (31), Adriese e Poggibonsi (33). In casa i senesi hanno pareggiato solo con l’Imolese (0-0), hanno vinto con Pianese (4-1), Mezzolara (1-0), Correggese! (3-1) e Adriese (3-1). Vi hanno perso ad opera di Castelvetro (1-2), Sangiovannese (0-2), Fiorenzuola (0-2), Scandicci (1-2) Poggibonsi (0-1). In trasferta hanno battuto Castelvetro (2-1), Sangiovannese (4-3) e V. Castelfranco (2-0), pareggiato con Delta Rovigo (2-2), Ribelle (3-39, S. Donato T. (1-1), Ravenna (3-3) e Lentigione (0-0) e hanno perso con Pianese (2-3) e Rignanese (0-1). I 31 gol segnati sono così ripartiti: 7 Islamaj; 6 Crocetti; 4 Mugnai; 3 Masini e Benedetti; 2 Cristiano, Tafi e Venuto; 1 Arapi e Ficagna.

TERNA ARBITRALE. Il direttore di gara sarà Nicola Donda di Cormons per la prima volta sulla strada del Delta Rovigo mentre i due assistenti Daniele Lamannis e Giorgio Lazzaroni di Udine c’erano anche nella partita col Ravenna (0-0).

GIOVANILI DELTA ROVIGO. Gli Juniores Nazionali sono penultimi con l’Union Feltre e domani (ore 14,30) ospiteranno l’Abano (sesto). I Giovanissimi Regionali (sesti in classifica) domenica andranno a Chioggia (dodicesima). Recupereranno il 19 febbraio il match di Solesino e il 22 quello interno con la Sacra Famiglia.

 

Pierre



Articoli correlati


Delta Rovigo: esonerato Passiatore
Parlato: “Domenica avevamo più ‘fame’"
Delta Rovigo rompe il digiuno in trasferta
Il recupero con l’Imolese il 25 gennaio
Il Delta Rovigo domani torna al Gabrielli contro la Pianese
Battere il Mezzolara sarebbe determinante ma non ancora decisivo