Home » Calcio, Serie D

Coppa Italia Serie D. L’Adriese perde (con onore) a Darfo Boario ed è eliminata nei quarti

1 febbraio 2017 376 visite Stampa articolo

DARFO BOARIO-ADRIESE 2-1

DARFO BOARIO: Poetini, Filippi, P.Guarnieri, Bakayoko (23’ st Zoboli), Zanardini, Forlani, Panatti, Muchetti, Serlini, Ademi (12’ st Spampatti), Galelli (33’ st Iraci). A disp.: Tognazzi, M.Guarnieri, Mingardi, Pedersoli, Ghidini e Floriani. Allenatore: Del Prato.

ADRIESE: Milan, Nava, Ballarin, Di Bari, Castellan, Amadio, De Crescenzo (9’ st De Gregorio), Dall’Ara, Greggio (13’ st Marcandella), Cesca, Zanellato. A disp.: Bertasini, Bonilla, Matei, Bellemo, Nalin, Berti. Allenatore: Mattiazzi.

Arbitro: Rossetti di Ancona (ass. Zangara di Catanzaro e Accetta di Tivoli)

Reti: 14’ pt e 43’ pt (rigore) Ademi, 23’ st Cesca.

Note: giornata uggiosa, terreno allentato, temperatura accettabile. Calci d’angolo 4-3 per il Darfo Boario; ammoniti Forlani, Nava, Serlini, Zoboli, Amadio e Greggio. Spettatori 150 circa.

DARFO BOARIO TERME (BS) – L’Adriese perde ad opera dei bresciani ed esce dalla Coppa Italia ai quarti di finale. Lo fa a testa alta visto che ha reso molto difficile il successo dei termali che accedono così alle semifinali. Non è una “disgrazia” perché semifinali ed eventuale finale avrebbero costretto i granata a girare per l’Italia nei momenti topici del campionato con grave compromissione per la lotta salvezza. Che era e rimane l’obiettivo principale della stagione.

Mattiazzi opera un turn over soft visto che sono titolari molti dei giocatori della vittoria sul Fiorenzuola, aumentati nella ripresa. La partenza è tutta bresciana; la difesa polesana fatica a tenere a bada le iniziative avversarie che si sviluppano in particolare dalla parte di Nava, costretto ai lavori straordinari. Tanta pressione produce al 14’ il gol del vantaggio per merito di Ademi; l’Adriese cerca il pari ma si espone ai contropiedi avversari. In uno di questi l’arbitro Rossetti concede loro la massima punizione che lo stesso Ademi concretizza per il 2-0.

L’Adriese non ci sta e nella ripresa (anche per l’ingresso di importanti forze fresche) tiene il pallino del gioco, puntando spesso e volentieri la porta avversaria. Al 23’ Cesca rimette in discussione il risultato ma gli sforzi dei granata si infrangono contro la munita difesa avversaria e sui loro errori di mira.

L’Adriese ha dimostrato di essere in buona forma e di avere assimilato (tutti) gli schemi di Gianluca Mattiazzi. Una garanzia per il prosieguo del campionato che prevede per domenica prossima la trasferta a Tavarnelle di S.Donato, vincendo la quale i granata compirebbero un altro importante passo verso la permanenza in serie D.

 

Pierre



Articoli correlati


Granzette perde di misura dalla Noalese
Delta Rovigo in casa dell’ultima, Adriese sprofonda
Adriese. Il nuovo allenatore è Gianluca Mattiazzi
Adriese. Vittoria sul Fiorenzuola e ingresso nei play out
Sentinelli: “Per vincere il campionato bisogna maturare”        
Boara Pisani. Il presidente Calabria “I play off non sono ancora persi, ci crediamo fermamente”

Scrivi un commento!