Home » Calcio, Delta Rovigo, Serie D

Capogrosso: “A S.Giovanni Valdarno è d’obbligo vincere”

2 febbraio 2017 321 visite Stampa articolo

ROVIGO – Il Delta Rovigo non subisce gol da 206 minuti (Severini al 19’ st col Castelvetro) ma non segna da 200 minuti esatti (Ilari nella stessa partita al 25’ st). Un comportamento che lascia adito a più letture; da una parte c’è il fatto positivo che la truppa biancazzurra è solidissima in retroguardia pur essendo costretta a cambiare spesso interpreti. Dall’altra il fatto negativo che l’attacco sembra essersi inceppato, visto che non è riuscito a segnare in casa dell’Imolese che ha giocato mezzora con un uomo in meno mentre domenica con la Colligiana è andata in bianco per la quarta volta nella stagione. Pertanto con questi chiari di luna risulta importante la gara di domenica a S.Giovanni Valdarno.

Ne parliamo con Gaetano Capogrosso: “Indubbiamente domenica affronteremo una gara fondamentale. Siamo cinque squadre racchiuse in due punti e non vincere domenica potrebbe vederci dietro le altre quattro. Ecco dunque che si impongono i tre punti per ritrovare il successo (manca dallo scontro interno col Castelvetro del 22 gennaio), autostima e fiducia nel futuro”.

Cosa ci vorrà per centrare la vittoria?

“Dovremo essere più cinici e determinati rispetto a Colle Val D’Elsa – osserva Capogrosso -. Incontreremo una squadra che come noi, seppur per motivi opposti, ha bisogno di punti. Mi immagino una partita nella quale gli aretini si chiuderanno a riccio per ripartire in contropiede. Dovremo stare molto attenti per non trovarci sguarniti nelle retrovie; attenzione soprattutto a Morbidelli, autore sinora di ben 11 gol”.

A Colle Val D’Elsa hai giocato da esterno basso di difesa dopo che Dionisi è stato costretto ad uscire (17’ pt), molte altre volte hai fatto il centrale difensivo. Qual è il tuo ruolo naturale?

“L’anno scorso a Mestre e quest’anno a Rovigo ho giocato più volte al centro che da esterno – afferma Capogrosso -. Il mio habitat naturale è sempre stata la fascia destra e pertanto per me domenica è stato un ritorno al passato. Tengo a precisare comunque che gioco dove vuole il mister; ovunque mi impieghi darò sempre il massimo”.

Matteo Dionisi è stato sottoposto ieri ad esami strumentali per capire l’entità del danno subito all’adduttore della coscia sinistra. Non si conoscono gli esiti ufficiali che comunque non dovrebbero avere evidenziato grossi problemi. Il jolly reatino comunque resterà a riposo per l’intera settimana e pertanto domenica starà a riposo e al suo posto potrebbe essere riproposto lo stesso Gaetano Capogrosso oppure Ciro Castaldo che non gioca dall’8 gennaio (1-1 col Lentigione). Sarà a disposizione invece Adrea Migliorini che domenica scorsa ha subito una botta al collo del piede destro, già riassorbita.

 

Pierre



Articoli correlati


Delta Rovigo torna a mani vuote
Parlato: “Siamo stati bravi ma ora ci vuole continuità”
Delta Rovigo in Paradiso, Adriese all’Inferno!
I biancazzurri battono il Poggibonsi e sono Campioni d’Inverno
Uisp 8^ giornata ritorno
Carnacina: “Abbiamo praticamente già centrato l’obiettivo salvezza”

Scrivi un commento!