Home » Calcio, Delta Rovigo

Adriese. Lo 0-0 di S.Donato è occasione gettata al vento

5 febbraio 2017 351 visite Stampa articolo

S.DONATO TAVARNELLE-ADRIESE 0-0

S.DONATO TAVARNELLE: Valoriani, Ticci, Vecchiarelli, Colombini, Rusca, Frosali, Nuti, Mitra, Carnevale, Regoli, Vezzi. A disp.: Capuano, Collacchioni, Casini, Galbiati, Ceccatelli, Pecchioli, Rustici, Dinelli, Lumachi. Allenatore: Fusci.

ADRIESE: Milan, Bonilla, De Gregorio, Arvia, Ballarin, Colman Castro, Dall’Ara (24’ st Matei), Amadio, Cesca, Marangon, Marcandella. A disp.: Bertasini, Di Bari, Castellan, De Crescenzo, Zanellato, Nava, Greggio. Allenatore: Mattiazzi.

Arbitro: Michele Del Rio di Reggio Emilia (ass. Giulia Petrini di Rieti e Luca Ragone di Ciampino).

Note: cielo nuvoloso con pioggia battente, terreno allentato ma praticabile, temperatura rigida. Ammoniti Ballarin e Mitra; spettatori 200 circa.

  1. DONATO TAVARNELLE – La “Santa Alleanza” ha funzionato solo in parte. I granata speravano di espugnare il terreno dei toscani e di operare il sorpasso sulla Sangiovannese in caso di sconfitta contro il Delta Rovigo. Ebbene: i biancazzurri (seppur a fatica; leggi altro articolo ndr) hanno fatto il loro “dovere” mentre i granata hanno chiuso ad occhiali un match nel quale meritavano di più.

Mattiazzi deve fare a meno di Bellemo infortunato e fa giocare dal primo minuto Cesca e dall’Ara, subentrati nella ripresa contro il Fiorenzuola. Nel primo tempo le due squadre si affrontano prevalentemente a centrocampo. I padroni di casa tra le mura amiche avevano intascato solo 6 punti in 10 gare mentre fuori sono stati ben 23 in 11 partite; evidente come le loro caratteristiche indichino come siano bravi nelle ripartenze, molto meno nell’imporre gioco. E così il primo tempo scivola via senza grosse occasioni.

Di ben altra caratura la ripresa nella quale l’Adriese prende in mano le redini del gioco e si fa spesso e volentieri viva dalle parti di Valoriani. Le occasioni più ghiotte capitano a Marangon e Cesca ma la porta dei toscani rimane intatta. Per tutta la partita il S.Donato non ha praticamente mai impegnato seriamente Milan ed anche per questo i granata hanno tutto il diritto di rammaricarsi; alla luce delle sconfitte di Ribelle, Fiorenzuola, Sangiovannese, V.Castelfranco e Poggibonsi. Con una vittoria Marangon e compagni non solo avrebbero superato la Sangiovannese ma si sarebbero anche avvicinati in maniera decisa alle altre squadre invischiate in zona play out. Domenica prossima i granata torneranno al “Bettinazzi” per incontrare il Mezzolara che in trasferta è uno delle peggiori del lotto con 8 punti conquistati in 10 gare. Un’altra occasione da sfruttare in pieno.

ALTRI RISULTATI: Correggese-Poggibonsi 1-0, Fiorenzuola-Colligiana 1-1, Mezzolara-Imolese 1-2, Pianese-Scandicci 1-1, Ribelle-Castelvetro 2-4, Rignanese-Lentigione 1-2, Sangiovannese-Delta Rovigo 1-2, V.Castelfranco-Ravenna 1-3.

CLASSIFICA: Imolese 42; Delta Rovigo, Correggese e Lentigione 41; Ravenna 40; Castelvetro 32; Mezzolara 31; S.Donato T. e Scandicci 30; Colligiana e Pianese 29; Rignanese 28; Ribelle* e Fiorenzuola 26; Sangiovannese 21; Adriese 20; V.Castelfranco e Poggibonsi 16. *un punto penalizzazione.

 

Pierre



Articoli correlati


Adriese. L’assalto ai due tifosi rodigini è un’autentica vergogna
Coppa Italia. Adriese domani a Darfo Boario per i quarti di finale
Coppa Italia Serie D. L’Adriese perde (con onore) a Darfo Boario ed è eliminata nei quarti
Napoli: “A fine stagione lascio il Crespino/Guarda”.
Delta Rovigo, nonostante tutto, è ancora il migliore in casa ma uno dei più turbolenti 
Augusti: “L’Arcella deve sentire il nostro fiato sul collo”

Scrivi un commento!