Home » vari

Al Panathlon di Rovigo “Prendiamo a cuore la salute degli atleti”

La cardiologa Paola Galasso parla della morte improvvisa durante lo sport, come prevenirla.
10 febbraio 2017 Stampa articolo

GalassoROVIGO – Conviviale sopra le righe per il Panathlon Club di Rovigo quello di giovedì sera in cui si è parlato di sport e salute. Questo il tema proposto ai soci del club polesano: “Prendiamo a cuore la salute degli atleti” la prevenzione della morte improvvisa durante lo sport. I consigli di una cardiologa. A parlare di questo delicato argomento la cardiologa Paola Galasso che è anche presidente della società di pallacanestro Rhodigium Basket. Oltre alla dottoressa Galasso erano presenti Piero Ambretti, docente di educazione fisica e coordinatore Usat, Giancarlo Brandolese vice presidente di Unisport e il delegato provinciale del Coni Lucio Taschin.

Prima di entrare nel vivo della serata il presidente del club rodigino Federico Cogo ha letto la relazione di bilancio che è stata approvata all’unanimità.

Ambretti quindi ha presentato il progetto “baskin” e ne ha spiegato la validità. Il baskin è una nuova attività sportiva che si ispira al basket ma ha caratteristiche particolari ed innovative. Questo nuovo sport è stato pensato per permettere a giovani normodotati e giovani disabili di giocare nella stessa squadra si gioca con due canestri tradizionali più due canestri laterali posti trasversalmente al campo, sotto il canestro laterale è possibile inserire un altro canestro più basso.

Brandolese nel suo intervento ha ricordato che l’Unisport è la società rodigina per i disabili con più anni sulle spalle e che non solo si pratica sport ma con i ragazzi si fanno anche altre attività e uConvivialena di queste è stata la realizzazione di alcuni cortometraggi che sono stati anche premiati.

Lucio Taschin parlando della legge Balducci ha spiegato che Coni Point di Rovigo, in collaborazione con Ulss e Scuola regionale dello Sport, ha dedicato un convegno nello scorso novembre sull’attualissimo e delicato argomento dei defibrillatori semiautomatici.

A questo punto si è arrivati al clou della serata con l’intervento della dottoressa Galasso che ha esordito con una premessa suddivisa in tre punti:

  • “L’attività sportiva va sempre incentivata per gli aspetti benefici fisici, sociali e psicologici nell’atleta.
  • Le visite medico sportive possono intercettare patologie silenti e anche minacciose per la vita
  • L’utilizzo del defibrillatore semiautomatico è in grado nella maggior parte dei casi di risolvere l’arresto cardiaco”

A cui segue l’affermazione” Come presidenti, amministratori, allenatori dobbiamo cambiare approccio e prenderci a cuore la salute dei nostri atleti”

Con l’ausilio di slide la dottoressa Galasso ha iniziato spiegando che chi pratica un’attività sportiva è più soggetto alla “morte improvvisa” cioè “Morte naturale, preceduta da improvvisa perdita conoscenza che si verifica entro 1 ora dall’inizio dei sintomi in soggetti con o senza cardiopatia nota preesistente, ma di cui l’epoca e la modalità di morte sono imprevedibili”.

Durante lo sport è una “morte naturale che si verifica, in assenza di traumatismi, durante o entro un’ora dal termine dell’esercizio fisico”. I casi in Italia variano da 1 a 3 su 100.000 atleti ed è maggiore negli uomini che nelle donne. Ha poi spiegato che: “l’attività sportiva di per sé non è una causa di aumentata mortalità, piuttosto agisce come trigger di arresto cardiaco sovrapposto a quelle situazioni patologiche cardiovascolari predisponenti alle aritmie ventricolari pericolose per la vita”

È passata poi ad elencare casi in cui atleti, tra cui anche olimpionici, improvvisamente sono deceduti, quasi tutti, accasciandosi durante l’attività sportiva: Renato Curi, Luciano Vendemini, Antonio Puerta, Piermario Morosini, Vigor Bovolenta, Alexander Dale Oen.

La dottoressa Galasso ha poi iniziato a spiegare come avviene l’arresto cardiaco che è causato dal mancato passaggio dell’impulso elettrico.

Per poter salvare, nella maggior parte dei casi, gli atleti, ma non solo loro, è di vitale importanza avere a disposizione i defibrillatori, questi sono di due tipi, quello manuale che viene usato dai medici e quello semiautomatico che invece è quello che possono i non medici, ma che comunque ne devono aver imparato l’uso.
La dottoressa Galasso ha poi sottolineato che è di grande importanza la prevenzione, evidenziando che solo in Italia e in un altro paio di Paesi si effettua la visita medico sportiva.

panathlon

Milan, Cogo, Galasso

Panathlon

Ambretti, Cogo, Brandolese

 

 

 

 

no images were found

Iole Sturaro



Articoli correlati


16 defibrillatori per gli impianti sportivi di 5 comuni del basso polesine grazie al prezioso sosteg...
Trofeo Coni: Malagò e Renzi premiano Bardelle
Gli auguri del Coni a federazioni e enti di promozione
Un 2016 da applausi tra sport, giovani, scuola, eventi e cultura
“Coni Ragazzi”, iscrizioni fino al 20 gennaio
Coni Point presenta il suo programma a federazioni, enti e discipline associate

Scrivi un commento!