Home » Calcio

Goleada Biancazzurra. Vito Antonelli: “Perrone fa la differenza, ci siamo divertiti”

14 febbraio 2017 214 visite Stampa articolo

 

Vito AntonelliSAN MAURO COSTOZZA – ROVIGO O.35    2-6

SAN MAURO COSTOZZA: Vedovato; Barbieri, Della Rosa, Padrin, Beggio; Cabrellon, Cantiello, Soldà, Fanin; Beda, Bertoldo. All. Soldà. A disp: Capellaro, Lucatello, Prosdocimi, Stanca.

ROVIGO O.35: Marini; Libralon, Gregnanin, Zambon, Fanchini; Antonelli, Passarella, Zambon; Polo, Perrone, Pedriali. All. Reale. A disp: Rossetti, Coltro, Fanchini, La Cagnina.

SAN MAURO COSTOZZA (Vicenza) – Il Rovigo Over 35 vince 6 a 2 a San Mauro Costozza contro i locali e continua la marcia in vetta alla classifica del campionato. La squadra di Luca Reale è sempre più leader e si impone grazie a tre reti di Perrone (capocannoniere indiscusso del torneo), due di Pedriali ed una di Libralon. Senza problemi la vittoria, mai messa in discussione, in un campo pesantissimo che ha reso difficile il controllo di palla.

Il centrocampista biancazzurro Vito Antonelli, attuale allenatore della Vigontina in Serie D, fa il punto sull’incontro: “Abbiamo fatto una bella partita, ci siamo divertiti, abbiamo preso due reti perché comunque abbiamo avuto un avversario molto veloce dall’altra parte”. Giuseppe Perrone è un elemento determinante, anche contro il San Mauro ha realizzato una tripletta… “Sì, è un giocatore che fa la differenza; lui è assolutamente un attaccante di qualità, ha ancora voglia di fare gol. Servirebbe anche alla mia Vigontina”. Come vive questa esperienza nell’Over 35? “Il lunedì sera si riesce ad andare fra amici, è un modo per divertirsi e staccare un po’ la spina. Giocare a calcio, poi, è sempre bello”. In rosa ci sono molti tecnici (Pedriali, Parlato, Gregnanin, Marini, lo stesso Antonelli etc), com’è la coesistenza in campo? “La coesistenza è tranquilla, quando ci troviamo non siamo allenatori, abbiamo stima reciproca umana, a prescindere dal calcio. Giochiamo cercando di divertirci e vincere le partite”. Il Rovigo Over 35 non smettere di dominare il campionato anche per l’amalgama, l’affiatamento di questi campioni all’interno di un gruppo meraviglioso.

 

 

C.S.



Articoli correlati


Delta Rovigo. Il pari col Mezzolara vale otto punti dalla vetta
Il Delta Rovigo va forte come una Ferrari d’antan
Castaldo: “Un debutto così me lo ricorderò a lungo”
Fortunato: “Sino alla fine saranno tutte partite difficili”
Adriese. Altra occasione gettata col Mezzolara
Miotto: “Con la Ribelle puntiamo al poker”.

Scrivi un commento!