Home » Calcio, Delta Rovigo, Serie D

Fabbri: “Dovremo prendere il Fiorenzuola con le molle”

17 febbraio 2017 197 visite Stampa articolo

fabbriROVIGO – Il Fiorenzuola, prossimo avversario del Delta Rovigo, è in crisi nera da tempo. È infatti quintultimo assieme alla Ribelle con 26 punti (in piena zona play out), 15 dei quali conquistati in casa (12 gare) e 11 fuori (11). Ha perso quattro delle ultime cinque partite, ha segnato sinora 26 gol subendone 30.

In casa ha battuto Poggibonsi (2-0), Adriese (1-0), Lentigione! (2-0) e V.Castelfranco (2-0); vi ha pareggiato con Ravenna! (0-0), Colligiana (1-1) e Rignanese (1-1) ed ha perso ad opera di Castelvetro (1-2), Sangiovannese (0-1), S.Donato T. (1-3), Correggese (1-2) e Imolese (2-4).

In trasferta ha vinto contro Colligiana (2-0), Mezzolara (4-2) e Scandicci (2-0), ha pareggiato con Poggibonsi (0-0) e Ribelle (1-1) e perso con Ravenna (1-2), Imolese (0-4), Adriese (0-1), Lentigione (0-1), Delta Rovigo (1-3) e Pianese (1-2). Dei 26 gol all’attivo 4 ciascuno sono stati realizzati da: Lari, Pezzi (1 rigore) e Napoli (1 rigore), 3 da Bouhali; 2 da Arati (1 rigore), Pessagno, Petrelli e Storchi; uno da Barbieri e Guglieri cui bisogna aggiungere un’autorete degli avversari. Domenica saranno assenti per squalifica Pizza, Arati e Petrelli ed anche il tecnico Ciceri dovrà condurre i suoi da fuori del rettangolo di gioco perché a sua volta appiedato dal giudice sportivo.

Tutti questi numeri negativi potrebbero far pensare ad una passeggiata, ma non sarà certamente così. Ne è conscio Gianmarco Fabbri.

“Proprio perché i piacentini sono in posizione difficile e dovranno fare a meno di tre titolari importanti daranno il massimo per incrementare una classifica difficile – è il pensiero del difensore marchigiano -; e poi chi gioca meno di altri avrà grossi stimoli per mettersi in luce. Solo dimenticando i presunti vantaggi (da verificare sul campo) e affrontando la gara con la giusta determinazione e intensità potremo portare a casa i 3 punti che sono indispensabili”.

Domenica si giocherà ai vertici Correggese-Imolese; potrebbe favorire i biancazzurri?

“Lo sarà solo se vinciamo – osserva Fabbri – ma in fin dei conti non ci deve assolutamente riguardare cosa accadrà negli altri campi. Sino alla fine saranno 11 partite decisive nelle quali saremo obbligati a vincere sempre e comunque. Noi ci proveremo con tutte le nostre forze; a cominciare proprio da domenica prossima su un terreno dove ci ha lasciato le penne il Lentigione e vi ha pareggiato il Ravenna. Due campanelli d’allarme che ci devono insegnare che nulla ci è dovuto a priori”.

Fabbri sinora ha saltato per squalifica solamente la gara col Lentigione di inizio ritorno, senza mai essere sostituito; per lui pertanto sono 1980 i minuti (più recuperi) giocati sinora. Ti aspettavi una cosa simile?

“Certamente no – confessa Fabbri -. Speravo di giocare il più possibile ma non con la frequenza attuale; mi piacerebbe continuare così sino alla fine in una squadra veramente forte alla quale non è precluso alcun traguardo”.

Non hai mai segnato…..

“Non è vero – dice quasi stizzito – domenica scorsa avevo fatto gol alla Pianese ma assistente e arbitro me lo hanno annullato per un fuorigioco che non c’era proprio. Vorrà dire che ne segnerò uno valido al più presto”.

TERNA ARBITRALE. Il direttore di gara sarà il carrarese Alessandro Rosami, coadiuvati da Lorenzo Colasanti di Grosseto e Pasquale Varrà di Siena; tutti e tre per la prima volta sulla strada del Delta Rovigo.

COMPLEANNO. Oggi è il 19° genetliaco di Matteo Fabris, unico polesano che si allena in prima squadra. E’ di S.Maria Maddalena e sinora non ha mai giocato in serie D ma è una delle pedine più importanti degli Juniores Nazionali. Auguri!

 

Pierre



Articoli correlati


Ferrari: “Segnare fa piacere ma l’importante è vincere”
Derby polesano. Vince il Delta Rovigo in zona Cesarini. Gol di Alessandro
Parlato: “Dobbiamo essere in testa l’8 maggio; il primato attuale deve essere solo un ‘aperitivo’”
Vittoria risicata ma utilissima a Fiorenzuola    
Bisogna crederci ancora con la massima fede
Delta Rovigo si piega al Castelfranco

Scrivi un commento!