Home » Calcio, Delta Rovigo, Serie D

Miotto: “Con la Ribelle puntiamo al poker”.

Sentinelli squalificato per un turno. Ricorso del Delta
22 febbraio 2017 357 visite Stampa articolo

miottoROVIGO – Domani capitan Sentinelli compirà 38 anni. Il giudice lo ha “omaggiato” con una giornata di squalifica; un cadeau atteso poiché il romano a Fiorenzuola è stato ammonito per la decima volta in stagione. Sentinelli pertanto dovrà saltare la gara interna di domenica prossima con la Ribelle e rientrerà in quella successiva a Mezzolara. Non si può ancora capire cosa abbia in mente Parlato ma al posto del capitano potrebbe giocare Matteo Dionisi che sembra avere assorbito il problema muscolare che lo ha tenuto fuori nelle ultime tre gare. Da segnalare anche il ricorso del Delta Rovigo, già vittorioso sul campo per 1-0 che vuole il 3-0 a tavolino (buono per la differenza reti finale) contro il Fiorenzuola che domenica ha sostituito Contini (‘97) con Del Porto (‘92), disobbedendo così all’obbligo dei 4 giovani in campo per tutta la gara.

Domenica scenderanno al Gabrielli i ravennati che nel loro organico hanno giocatori noti ed altri figli di atleti e allenatori con buon passato. Marco Bernacci (classe ‘83) ha giocato parecchio in serie A nelle fila di Bologna e Torino (solo per fare un paio di nomi). Davide Bisoli (‘96) è figlio di Pierpaolo che come allenatore è stato secondo di Zoff alla Fiorentina ma anche responsabile tecnico di Cesena, Cagliari, Bologna e Vicenza (sempre per fare alcuni nomi). Infine Gianluca Rizzitelli (‘94, nove gol sinora) è figlio di Ruggiero, mitico “Rizzi gol” di Roma, Fiorentina e Torino (tra le altre) che può vantare 9 presenze nella Nazionale maggiore.

A calcio però non si gioca guardando al passato o al censo degli avversari, bensì cercando di vincere. Approfondisce il dogma Alessandro Mitto (classe ‘98): “All’andata Bernacci e Rizzitelli giocarono bene e furono i principali artefici della rimonta ravennate. Eravamo in vantaggio per 2-0 (Fortunato e Ferrari) ma nel finale calammo sotto l’aspetto mentale e subimmo un pareggio che grida ancora vendetta (Mancini e autorete di Dukic). Quella partita ci insegnò che non bisogna sottovalutare nessuno e domenica cercheremo i tre punti che ci manterrebbero a tiro (almeno) della prima posizione.

Tre successi di fila (Sangiovannese, Pianese e Fiorenzuola) rappresentano la seconda performance stagionale del Delta Rovigo dopo il poker con Correggese, S.Donato T., Scandicci e V.Castelfranco…..

“Ripetersi sarebbe il massimo – osserva Miotto -. A quei 4 successi di fila partecipai in prima persona e ripetere l’exploit ci permetterebbe di rimanere  in alto (molto in alto); senza lasciare limiti alla Provvidenza”.

Sinora il mediano trevigiano ha giocato da titolare tutte le prime 21 partite, saltando per squalifica solo il derby di Adria. Da quando è arrivato De Anna, autore di due gol nelle ultime gare, Miotto, si è accomodato in panchina, subentrando al collega friulano a partita in corso…….

“Giocare indubbiamente mi piaceMiotto – Ma prima di tutto devono però esserci gli interessi della squadra e non quelli del singolo. Ecco allora che non pesa più di tanto partire dalla panchina poiché so che siamo 29 titolari che hanno le medesime possibilità di giocare. Io mi faccio trovare pronto in questo primo anno di serie D che potrebbe essere trampolino di lancio per traguardi più prestigiosi”.

ALTRI SQUALIFICATI. Due giornate: Di Maio (Correggese), una giornata: Mattia Privitera (Rignanese), Aimen Bouhali e Yan Koliatko (Fiorenzuola), Nicolò Scalini, Stefano Selvatico e Marco Tattini (Imolese), Andrea Pappaianni (Mezzolara) e Damiano Mitra (S.Donato T).

GIOVANI DI VALORE. Il Delta Rovigo con 66 punti continua ad essere quart’ultimo tra le 162 squadre di serie D nella graduatoria che tiene conto dell’impiego dei giovani; dietro (a 0 punti) ci sono solo Verbania, Dro e Lentigione che non hanno settore giovanile. La Ribelle è prima del girone con 1047 punti; domenica saranno di fronte due filosofie opposte.

GIOVANILI. Con doppietta di Coltro e gol di Trombini i Giovanissimi regionali hanno vinto oggi il recupero con la Sacra Famiglia. I biancazzurri sono ancora sesti a una lunghezza dal Camisano che domenica mattina sarà ospite al Gabrielli (ore 10,30).

LUTTO. Si è spento dopo lunga malattia il padre della segretaria biancazzurra Paolo Coppi Cattin. Condoglianze vivissime da parte della nostra redazione.

 

Pierre



Articoli correlati


Granzette perde di misura dalla Noalese
Capitan Lollo: “Vogliamo arrivare a metà classifica”
Sentinelli: “Per vincere il campionato bisogna maturare”        
Ferrari: “Finalmente in gol dopo più di due mesi….”
Boara Polesine: Zanaga: “Incredibile la sconfitta col S. Vigilio; puntiamo comunque al salto in Seco...
La Camponogarese calcio ha il suo nuovo Presidente

Scrivi un commento!