Home » Rugby

Rovigo pareggia con Padova

Il 158° Derby d’Italia tra la FEMI-CZ Rugby Rovigo Delta e il Petrarca Rugby Padova termina in parità 20-20 dopo più di 80 minuti di pura battaglia.
4 marzo 2017 Stampa articolo

rugbyFEMI-CZ Rovigo – Petrarca Padova 20-20 (3-14)

Marcatori: p.t. 31’ c.p. Basson (3-0), 36’ m. Afualo tr. Menniti-Ippolito (3-7), 39’ m. tecnica tr. Menniti-Ippolito (3-14); s.t. 49’ m. Cicchinelli tr. Basson (10-14), 62’ c.p. Basson (13-14), 69’ c.p. Fadalti (13-17), 78’ m. Chillon tr. Basson (20-17), 87’ c.p. Menniti-Ippolito (20-20)

FEMI-CZ Rovigo: Basson; Apperley, McCann (72’ Mantelli), Van Niekerk (13’ Arrigo), Barion; Rodriguez, Chillon; Cicchinelli, Lubian, Ruffolo (cap.); Parker, Ortis; Iacob (73’ Bordonaro), Momberg, Muccignat (25’ Balboni).

All. McDonnell, Wright

Petrarca Padova: Menniti-Ippolito; Fadalti (43’ Franscescato) (54’ Fadalti), Favaro, Bacchin (74’ Benettin), Rossi; Nikora, Su’a; Afualo (28’-31’ Bernini) (69’ Targa), Conforti (cap.), Nostran (78’ Bernini); Salvetti, Saccardo; Vannozzi (43’ Irving), Ferraro (43’ Zago), Borean (43’ Makelara). All. Cavinato

Arb. Liperini (Livorno)

AA1 Vedovelli (Sondrio), AA2 Giacomini (Treviso)

Quarto Uomo: Brescacin (Treviso)

Calciatori: Basson (FEMI-CZ Rovigo) 4/5; Menniti-Ippolito (Petrarca Padova) 3/4; Fadalti (Petrarca Padova) 1/1

Note: giornata uggiosa e ventosa, campo in discrete condizioni ma leggermente pesante. Spettatori: circa 2000. Presente in Tribuna insieme al suo staff, il Commissario Tecnico della Nazionale Italiana Rugby, Conor O’Shea.

Punti conquistati in classifica: FEMI-CZ Rovigo 2; Petrarca Padova 2

Man of the Match: Chillon (FEMI-CZ Rovigo)rugby

ROVIGO – Dopo pochi minuti dal fischio d’inizio dell’arbitro Liperini i Bersaglieri trovano una touche sui 22 avversari e grazie al drive avanzante ottengono un calcio a favore che, però, Basson dalla piazzola non riesce a mettere tra i pali. Ci prova quindi il Petrarca pochi istanti dopo, quando ottengono un calcio da mischia, ma anche Menniti-Ippolito fallisce il piazzato mandando l’ovale a sbattere sul palo. Al 13’ Van Niekerk, al suo esordio stagionale, rompe la difesa avversaria con un grande break ma la mancanza di sostegno non riesce a far concretizzare ai rossoblù una meta già scritta. Il centro rodigino rimane infortunato nell’impatto e deve lasciare il campo sostenuto dallo staff medico: un rientro sfortunato per il forte sudafricano. Poco dopo anche Muccignat, colpito duro, lascia la partita ma i rossoblù non demordono e finalmente al 31’ arrivano i primi punti grazie al piede di Basson dalla piazzola. Sul finire del primo tempo il Petrarca agguanta il vantaggio grazie ad un drive da touche avanzante che porta Afulao a schiacciare oltre la linea. Menniti-Ippolito trasforma per il 3-7 ma i tuttineri, in gran spolvero contro un Rovigo sottotono, trovano ancora il tempo per un’altra marcatura tecnica che porta il risultato sul 3-14 con cui le squadre vanno agli spogliatoi.

rugbyLa FEMI-CZ Rugby Rovigo Delta che torna dagli spogliatoi è ben diversa da quella vista in campo nel primo tempo: per quasi tutta la durata della ripresa i rossoblù sono padroni della metà campo avversaria e riescono a concretizzare i loro sforzi. Al 49’, infatti, sui 5 metri del Petrarca i Bersaglieri ottengono un calcio a favore e chiedono di giocare mischia: la scelta si rivela la migliore, con Cicchinelli che riesce a schiacciare l’ovale oltre la linea; la meta viene trasformata da Basson. Gli ospiti si dimostrano molto fallosi ma allo scoccare della mezzora riescono comunque ad allungare le distanze grazie ad un calcio piazzato di Fadalti: 13-17. La reazione rossoblù non tarda ad arrivare e, nonostante un piazzato di Basson che non centra i pali, i rodigini si dimostrano estremamente combattivi e decisamente superiori in mischia chiusa. A pochi minuti dalla fine, dopo una lunga serie di pick and go sui 5 metri avversari, Chillon trova un varco nella difesa padovana e segna la meta del sorpasso poi trasformata da Basson. Il Petrarca però non ci sta e in attacco nei 22 rossoblù ottiene un calcio a favore per placcaggio alto: il tempo è troppo poco per andare in touche e i tuttineri optano per la mischia, dopo la quale ottengono un altro calcio di punizione. Stavolta la squadra ospite sembra non avere scelta e Menniti-Ippolito va alla piazzola, mettendo a segno il piazzato del pareggio che chiude la partita.rugby

“È stata una bella partita, non mi aspettavo niente di meno da un Derby – commenta il coach rossoblu Joe McDonnell alla fine della sfida – i ragazzi che hanno lavorato bene e duramente, mostrando di essere in grado di poter cambiare le sorti del match: dopo un primo tempo in cui non hanno dato il 100%, nella ripresa ho visto concentrazione, grinta, testa e cuore, quello che serve nel rugby. Ho visto la giusta mentalità, i giusti ingredienti per giocare a rugby, sia da parte del Rovigo che da parte del Petrarca. È stata una bella giornata, con tanti tifosi sugli spalti, la partita è stata di alto livello e non posso che essere positivo”.

Il capitano dei Bersaglieri, Edoardo Ruffolo, afferma: “Sono un po’ amareggiato per certe scelte arbitrali, come il placcaggio pericoloso di spalla di Afualo su Lubian che è rimasto impunito, o il calcio di punizione al Petrarca sul finale, dato per un placcaggio alto quando qualche minuto prima avevamo subito lo stesso fallo su Arrigo senza conseguenze per l’avversario. Abbiamo comunque fatto una gran partita, quando abbiamo avuto il vento contro abbiamo gestito bene la situazione anche se non siamo riusciti a concretizzare. Con il vento a favore, nel secondo tempo, abbiamo reagito e dominato per quasi tutti i 40 minuti riuscendo anche a concretizzare gli sforzi segnando le due mete. Mi sono molto divertito, sono contento della nostra prova, è stata una bella guerra”.

rugby

 

C.S.



Articoli correlati


Doppio ritiro per squadra Seniores e Under 14
La squadra Cadetta del Rugby Rovigo travolge Este
Rugby Rovigo: Natale con bonus con il Lyons
I Bersaglieri spengono le Fiamme
Rugby Rovigo non passa a San Donà
Rugby Rovigo: scontro al vertice