Home » Calcio, Delta Rovigo, Serie D

Alessandro: “Vincere a Budrio è stato incredibile e fondamentale”.

7 marzo 2017 495 visite Stampa articolo

Delta _rovigoROVIGO – Per seguire le vicende di Mezzolara-Delta Rovigo bastava osservare il volto della diesse Lorenza Visentini. All’inizio vi si è cominciato a vedere un pizzico di preoccupazione per quello che avveniva in campo; preoccupazione via via sempre più tangibile dopo il vantaggio bolognese (Galeotti), l’espulsione di Fortunato e il raddoppio di Sala a meno di un quarto d’ora dalla fine; al limite delle lacrime. Poi con l’ingresso di Oliveira e Alessandro la gara ha mutato radicalmente volto e con essa anche quello della diesse biancazzurra. Sino all’apoteosi finale e l’abbraccio dei tifosi alla dirigente-ultras per una vittoria che potrebbe significare moltissimo.

Ne è convinto anche Jonatha Alessandro: “In effetti sono stati tre punti conquistati in maniera inimmaginabile che potrebbero avere importanza capitale in ottica finale. Sono stati soprattutto molto benefici sul piano dell’autostima e della fiducia; siamo ancora in testa e guardiamo tutti dall’alto con la speranza sempre più concreta di farlo anche alla fine”.

Pensiamo allo scoramento delle avversarie dirette e dell’Imolese in particolare. I bolognesi stavano vincendo largamente a Scandicci e pregustavano il ritorno in vetta; sino al rigore di Sentinelli che ha dato la vittoria al Delta Rovigo gettando nello sconforto gli imolesi.

La svolta della partita, come detto, è avvenuta dopo l’ingresso di Alessandro e Oliveira che hanno portato scompiglio nelle fasce dell’attacco…..

“A quel punto ci siamo detti che non potevamo perdere così malamente – ricorda Alessandro -. Non avevamo praticamente più nulla da difendere e ci siamo gettati all’attacco con tutte le nostre forze; sino all’epilogo festoso. Loro si sono impauriti e noi ne abbiamo approfittato. Una vittoria da condividere con i tifosi che sono accorsi numerosi per incitarci in una partita nella quale il campo ha confermato le attese difficoltà. Sono stati il dodicesimo uomo in campo; eccezionali!”.

Alessandro è tornato a giocare dopo 4 gare passate in panchina e nel girone di ritorno ha giocato da titolare solo a Imola (0-0). Non segna dall’11 dicembre scorso (7 reti in totale per lui): gol vincente in extremis a Adria…

“E chiaro che mi piacerebbe giocare di più – afferma la punta italo-argentina – ma mi rimetto sempre e comunque alle decisioni dell’allenatore. Io lavoro sodo e cerco di farmi trovare pronto quando vengo chiamato in campo”.

Cosa accadrà sino alla fine?

“Non sono un indovino – osserva Alessandro -; dico solo che per la vittoria finale ci siamo anche noi e che avremo come avversarie Imolese, Lentigione e Ravenna. Sarà difficile anche la partita di Correggio perché i biancorossi sono ora allenati da Eugenio Benuzzi che sembra avere un conto sempre aperto con la famiglia Visentini. Dobbiamo però badare solo a noi stessi e pensare a partita dopo partita. Ora c’è la sosta che ci darà un po’ di respiro e il 19 affronteremo in casa la Rignanese (0-0 all’andata). Guardare oltre potrebbe darci vertigini inappropriate”.

 

Pierre



Articoli correlati


Delta Rovigo. Parlato: “Vittoria importante ma dobbiamo migliorare ancora”
Parlato: “Risultato giusto contro il Ravenna”
Rinviate le partite di Delta Rovigo e Adriese
Adriese. Altra occasione gettata col Mezzolara
Fine settimana di recuperi per il calcio targato Uisp
Domani difficile trasferta a Correggio

Un commento »

  • FORNASIERO ENRICO ha detto:

    GranDe Delta

Scrivi un commento!