Home » Calcio, Eccellenza

Il Loreo, fanalino di coda, non demorde            

13 marzo 2017 332 visite Stampa articolo

calcioTutto finito? Neppure per sogno! Ieri il Loreo ha perso a Caldiero, in lotta per i play off, per 0-3 e continua a ricoprire il fastidioso ruolo di fanalino di coda con 11 punti, attualmente a 14 lunghezze dalla disputa dei play out. Con sei sole partite ancora da disputare la sorte dei “Leoni” sembrerebbe segnata.

Non è però dello stesso parere il presidente bassopolesano Giuseppe Bardella: “Finché la matematica non ci dirà che siamo retrocessi in Promozione, io crederò nella salvezza. E mi piacerebbe ci credessero anche allenatore (Santi), giocatori e tifosi. Tutti uniti si può ancora credere che il sogno possa ancora avverarsi. Di sicuro ci vorranno almeno cinque vittorie nelle ultime sei partite e che davanti si fermino; un sogno?. Chissà!”.

A Caldiero i loredani hanno tenuto testa ai più quotati avversari per un tempo, poi nella ripresa Bez (ex Adriese), Guccione (ex Delta Rovigo) e Riva hanno fatto tris. Bardella sottolinea: “Abbiamo perso ma il risultato non rende ragione allo spirito col quale abbiamo giocato. Sapevamo che i veronesi fossero più forti ma ugualmente li abbiamo affrontati col cuore in mano e col coltello tra i denti. Alla fine ha vinto il più forte ma noi abbiamo dimostrato che possiamo giocarcela con tutti sino alla fine”.

Bardella è presidente del Loreo da sette anni, vissuti tra gli allori di una promozione e due salvezze in Eccellenza di indiscutibile valore: “Sono stati anni molto intensi – ricorda il presidente -; nei quali abbiamo costruito con poche risorse un castello di certezze inimmaginabili. Di questo devo ringraziare tutti i collaboratori, i tifosi e gli sponsor che ci sono stati sempre vicino”.

E’ stata anche una stagione travagliata; soprattutto per quanto riguarda gli allenatori: “Aveva cominciato Dorino Anali – dice Bardella – che poi ha lasciato per il suo vice Gregnanin. Dopo un mese abbiamo richiamato Anali ma le cose non sono cambiate e allora, dopo aver rafforzato la squadra, ci siamo affidati a Santi, al quale abbiamo affidato la missione-salvezza; difficile ma, proprio per questo, esaltante”.

Durante la stagione c’è stato pure il caso Riccardo Broglio. La sintetizza lo stesso Bardella: “Il giovane portiere era praticamente unico nel suo ruolo in rosa e pertanto quasi sempre sicuro di giocare. Con l’arrivo di Solagna non aveva più le stesse certezze ed ha preferito andarsene. Lo ringraziamo per l’importante apporto profuso in stagioni difficili e gli auguriamo tutto il bene possibile”.

Domenica prossima è in programma la partita casalinga con la Clodiense, terza a quattro punti dalla capolista Ambrosiana (che ha però una partita in meno): “Proprio perché sarà difficile vincere, sarà bello farlo – afferma fiducioso il presidente”.

E per la prossima stagione? “La stiamo preparando sin d’ora – osserva Bardella – con una rosa che vada bene sia in Eccellenza che in Promozione. Noi non molliamo mai e mai molleremo; è nel nostro dna”.

RISULTATI: Ambrosiana-Belfiore 2-1, Caldiero-Loreo 3-0, Cartigliano-Bardolino 2-1, Cerea-Euromarosticense 0-1, Clodiense-Oppeano 3-1, Leodari Vicenza-Pozzonovo 2-4, Piovese-S.Lucia G. 2-0, Villafranca-T.Teolo 4-1.

CLASSIFICA: Ambrosiana* 52; Pozzonovo 50; Clodiense* 48; Euromarosticense 43; Caldiero 41; Piovese 39; Belfiore 37; Cartigliano* 35; Leodari V.* 29; Bardolino 28; S.Lucia G. 26; Villafranca e Cerea 25; Oppeano 18; T.Teolo 13; Loreo 11. *una partita in meno.

PROSSIMO TURNO (19/3 ore 15): Bardolino-Cerea (andata 4-1), Belfiore-Leodari V. (0-2), Euromarosticense-Caldiero (1-1), Loreo-Clodiense (0-3), Oppeano-Ambrosiana (1-2), Pozzonovo-Villafranca 3-1, S. Lucia G.-Cartigliano (0-3), T.Teolo-Piovese (0-2).

 

Pierre



Articoli correlati


Coppa Italia Serie D. L’Adriese perde (con onore) a Darfo Boario ed è eliminata nei quarti
Mboup, debutto di lusso contro la Pianese
Missione compiuta per il Delta Rovigo che piega Fiorenzuola
Castelbaldo Masi. Albieri: “La Promozione è dietro l’angolo ma dobbiamo ancora….aggirarlo”
Il Delta Rovigo ancora a mani vuote
Adriese seconda vittoria