Home » Calcio, Serie D

Adriese. Il presidente Scantamburlo: “Rimango se non si faranno avanti persone serie”.

25 marzo 2017 208 visite Stampa articolo

calcioLa trasferta dell’Adriese e Piancastagnaio (in provincia di Siena a due passi dal Lazio, 350 chilometri da Adria) è cominciata oggi pomeriggio. Nelle borse dei granata c’era posto per la speranza di portare a casa punti (meglio se tre), utilissimi per cercare la faticosa ma possibile salvezza diretta.

Il presidente Luciano Scantamburlo è fiducioso ma nello stesso tempo guardingo…

“La trasferta è molto insidiosa. La Pianese è una delle migliori in casa (è sesta a sei punti dalla capolista Delta Rovigo, a parità di partite, ndr) e 25 dei 34 punti conquistati in totale sono stati ottenuti tra le mura amiche.

Già questo inquadra le difficoltà; se poi aggiungiamo le fatiche del viaggio, l’altitudine (Piancastagnaio è a 700 metri sul livello del mare con qualche possibile problema di respirazione), il terreno sintetico e le sue dimensioni ridotte, si riconosce come la gara di domani sia veramente difficile”.

Però anche lo Scandicci domenica scorsa era una delle migliori in trasferta ed è tornata a casa con tre reti nel sacco……scantanburlo

“Solamente se domani giocheremo con la medesima intensità e concentrazione potremo tornare felici – afferma il massimo dirigente adriese -. Per salvarci dobbiamo avere maggiore continuità di rendimento per centrare i 12-14 punti che riteniamo necessari per salvarsi senza play out. Considerando che dobbiamo ancora incontrare Delta Rovigo, Imolese e Lentigione (le prime tre in classifica) è chiaro che con le altre dovremo incassare il più possibile; a cominciare da domani. Per farlo dovremo dare tutti il 110% e sono fiducioso che questo avvenga”.

Tempo fa Scantamburlo ha manifestato intenzioni di lasciare il calcio a fine stagione. E’ ancora così?

“E’ stato uno sfogo dovuto ad una serie di risultati negativi – ricorda Scantamburlo -. E’ indubbio che, se siamo in queste condizioni, abbiamo sbagliato tutti; in corso d’opera abbiamo apportato qualche variazione che ha portato più punti. Ora come ora dico che rimarrò nella prossima stagione alla guida dell’Adriese; a meno che non si faccia avanti qualcuno serio con quale discutere per cedere la società”. Ci permettiamo di dire che, con la crisi attuale e la mancanza di dirigenti veramente validi la cessione sia solo utopia.

Proprio perchè crediamo che il presidente rimanga al suo posto, gli chiediamo quali siano i progetti…

“Per quanto riguarda la prima squadra, tutto dipenderà da quale campionato disputeremo – assicura -. Per quanto riguarda il settore giovanile abbiamo intenzione di rilanciarlo in toto, facendo leva su dirigenti capaci e una capillare ricerca di giovani talenti. Il settore giovanile è sempre stato una nostra eccellenza; vorremmo tornasse tale”.

TERNA ARBITRALE. La partita di Piancastagnaio sarà diretta da Gabriele Scatena di Avezzano (Aq), coadiuvato da Fabio Di Tommaso di L’Aquila e Nicola Iocca di Isernia.

 

Errepi



Articoli correlati


Delta Rovigo travolge la Correggese e risale in classifica
Delta Rovigo bottino pieno col Castelfranco
“Bepi” Ruzza, rieletto presidente regionale Figc, guarda al futuro
Il Loreo, fanalino di coda, non demorde            
Ultima spiaggia col S. Donato Tavarnelle
Tiozzo alla guida dell'Adriese

Scrivi un commento!