Home » Calcio, Delta Rovigo, Serie D

Ultima spiaggia col S. Donato Tavarnelle

1 aprile 2017 465 visite Stampa articolo

parlatoROVIGO – Non ci sono Santi né Madonne! Il Delta Rovigo domani ospiterà il S. Donato Tavarnelle e a disposizione ha solamente la vittoria. I biancazzurri infatti hanno quattro punti dalla capolista Imolese e anche un pareggio potrebbe allargare il solco, probabilmente in maniera definitiva in ottica vittoria finale. I biancazzurri non possono sbagliare anche perché domani in contemporanea andrà in scena un Imolese-Ravenna che chiarirà un pochino di più cosa potrebbe accadere sino alla fine. Un’occasione da non sprecare assolutamente; per nessuna ragione al mondo.

Però battere i fiorentini non sarà di sicuro facilissimo; per una serie di buoni motivi. Innanzitutto il S. Donato Tavarnelle ha conquistato lontano ben 28 punti in 14 partite (con una stratosferica media esattamente di 2) e in questa particolare classifica è secondo alle spalle dell’Imolese che in trasferta ha conquistato 31 punti ma con una partita in più (media gara di 2,06).

Il secondo motivo per vedere le difficoltà di domani deriva dalle ultime due prestazioni sottotono prima a Correggio (1-3) mercoledì in casa con la Rignanese (1-1). Fanno pensare anche i sei gol subiti nelle ultime 3 partite quando nelle precedenti 21 gare con Parlato in panca i gol al passivo furono solo 13. Bisognerà ripartire cercando di evitare gli imperdonabili errori degli ultimi tempi e dalle cose buone messe in mostra con la Rignanese.

Le migliori sono state la prestazione complessiva di Oliveira e il gol di Miotto. Ne parliamo con quest’ultimo…

“E’ stato il mio secondo gol stagionale, il primo con Parlato – ricorda il mediano padovano -; l’altro fu l’11 settembre scorso contro l’Imolese con Passiatore in panca; un 3-1 al quale contribuirono anche Gattoni e Crescenzi cui rispose il solo Carnevale. Quello di mercoledì scorso mi ha riempito di soddisfazione, mitigata in parte dalla mancata vittoria”.

Le prestazioni degli ultimi tempi non sono state all’altezza di quelle di un paio di mesi fa……

“Indubbiamente la sosta di tre settimane ci ha alquanto penalizzati – osserva Miotto – ma dobbiamo imprecare anche contro la malasorte. Mercoledì, se fosse entrata almeno la palla di Alessandro finita sul palo, saremmo qui a parlare di una situazione ben diversa. L’Imolese ha sì quattro punti in più ma noi siamo certi di ritrovare l’antica verve e di puntare ancora fermamente alla vittoria finale. Per farlo comunque dovremo evitare errori; a cominciare da domani contro una squadra che ha fatto le sue fortune lontano da casa”. Per la cronaca i biancazzurri vinsero per 2-1 con doppietta di Fortunato e gol di Carnevale..

Lo stesso Fortunato domani sarò assente ancora per squalifica, assieme a Sentinelli e Nichele, ma Parlato, che dovrà gioco forza operare un consistente turn over, recupera Migliorini che sembra finalmente guarito dal malanno che lo ha condizionato sin dalle prime battute di campionato.

Il tecnico napoletano (come ci ha sempre detto) “partorisce” la formazione solo nella nottata che precede la gara. Non sappiamo cosa gli frullerà in testa ma ipotizziamo che la formazione biancazzurra sarà un 4-3-2-1 con Boccanera in porta, Dionisi (o Capogrosso), Contri, Capogrosso (o Dionisi) e Fabbri in difesa, Miotto, Migliorini e Gattoni (o Tarantino) a centrocampo, Alessandro (o Ilari) e Oliverira a supporto di Ferrari (o Zubin).

Il tecnico toscano Fusci invece potrebbe schierare questo undici: Capuano (‘97), Collacchioni, Colombini, Galbiati, Ticci (‘97), Frosali, Ghelardoni, Ceccatelli (‘96), Carnevale, Regoli, Vecchiarelli (‘98).

PROGRAMMA DI DOMANI: Adriese-Poggibonsi (andata 1-2), Castelvetro-Correggese (1-2), Colligiana-V.  Castelfranco (2-0), Delta Rovigo-S. Donato T. (2-1), Fiorenzuola-Pianese (1-2), Imolese-Ravenna (0-0), Lentigione-Scandicci (1-0), Ribelle-Rignanese (1-0), Sangiovannese-Mezzolara (0-1).

CLASSIFICA: Imolese 58; Delta Rovigo 54; Ravenna 53; Lentigione 50; Correggese 48; Castelvetro 42; Scandicci 40; S.  Donato T. 38; Colligiana, Mezzolara e Pianese 37; Ribelle* e Rignanese 34; Fiorenzuola 33; Adriese 27; Sangiovannese 26; V.Castelfranco 23; Poggibonsi* 15. *un punto penalizzazione.

 

Pierre



Articoli correlati


Granzette perde di misura dalla Noalese
Gandolfi: “A Rovigo sto toccando il cielo con un dito”
Perrone show
Rovigo Over 35 liquida con una manita Ponso
Ritorno a mani vuote per il Delta Rovigo
Ad Adria arriva Fabio Rosati

Scrivi un commento!