Home » canoa

Linda Taddei sesta in finale, ottimi progressi per Imparato e Mazzali

9 aprile 2017 Stampa articolo

canoaMANTOVA – Nel fine settimana Mantova e il suo lago inferiore, sono stati teatro del Trofeo Internazionale Sparafucile appuntamento molto competitivo tra i primi della stagione internazionale dell’anno.  Molte le nazioni straniere e un totale di 418 atleti in rappresentanza di 57 società e delle nazionali di Germania, Polonia, Svizzera, Portogallo, Lituania, Austria, Croazia, Canada, Finlandia, Slovenia, Israele, per un mix complessivo di 1023 atleti/gara.   Un evento importante anche perché sarà teatro della prova indicativa per i senior e della prova selettiva di paracanoa in vista della Coppa del Mondo di Szeged.

Il programma dell’evento prevedeva, nella giornata di sabato 8 aprile, dalle 8.30, le batterie per canoa e paracanoa sulle distanze dei 200, 500 e 1000 metri.  Dalle 14.30 alle 19 le semifinali, valide per la paracanoa come prima prova selettiva; domenica 9 aprile invece, fin dal mattino, si è dato corso alle finali per tutte le categorie valide come prova indicativa per la canoa e come seconda prova selettiva per la paracanoa.canoa

Le tappe di avvicinamento alle rispettive squadre nazionali prevedevano almeno due gare nel singolo su due distanze a scelta da parte dell’atleta.  Oltre alle gare selettive nel singolo, il programma prevedeva anche gli equipaggi in doppio o quattro su alcune di queste distanze per le diverse categorie maschili e femminili.

Il Gruppo Canoe Polesine di Rovigo era presente con i giovani Paolo Imparato nella categoria Ragazzi (Under 16), Claudio Mazzali (Junior) e Linda Taddei (Junior).  Nella Paracanoa, peccato per l’assenza di Alberto Lentini che è stato impedito da impellenti impegni scolastici.  Tra i maschi le gare prescelte per i rodigini sono state quelle del K1 mt 500 (nelle rispettive categorie) e del K2 Junior sui mt 1000. Linda invece si è concentrata solo sulle gare selettive in singolo nel K1 200 e 500mt.

Molto bene Paolo che nel K1 sui 500 mt ritorna in gara più determinato che mai e fa registrare 2’ 01” dimostrando di aver appreso la lezione di Candia Canavese di poche settimane fa.  Infatti, anche se non supera la fase eliminatoria, sfiora così la promozione a pochi secondi dai migliori avversari.  Successivamente Paolo e Claudio nel K2 Junior sui 1000mt davvero “brillano” nella prima fase di qualificazione e tagliano il traguardo in seconda posizione aggiudicandosi il canoaposto in semifinale.  Per loro questo è stato già un traguardo importante. In semifinale hanno poi chiuso in ottava posizione non accedendo quindi alla finale ma lasciando bene intendere che in loro adesso è palese la voglia di emergere.

La ciliegina sulla torta è stata comunque Linda Taddei che, convinta più che mai di volersi battere con le migliori in Italia, dopo aver brillantemente superato le fasi di qualificazione sia sui 200 sia sui 500mt è riuscita a strappare il biglietto per la finale nel K1 500 dove al termine di una gara difficilissima ha chiuso in sesta posizione.  

Prossimo appuntamento per la sezione acqua piatta del GCP il 23 aprile a Chioggia per i campionati regionali sui 5000mt e canoagiovani regionale.  

 

C.S.



Articoli correlati


Canoe Polesine sugli scudi sul lago di Caldonazzo
Giovanissimi del Canoe Rovigo alle prime esperienze in gara
Piazzi campione italiano
Canoe Rovigo conquistano sei medaglie
Bravi polesani alle selezioni di Castel Gandolfo
Successo della Festa della Canoa

Scrivi un commento!