Home » vari

“Muovimondo”, passerella conclusiva con oltre 500 ragazzi in festa

29 aprile 2017 Stampa articolo

variROVIGO – Oltre 550 ragazzi e una quarantina di docenti con 7 scuole e 30 classi coinvolte: questi i numeri della festa finale di “Muovimondo”, progetto congiunto di azienda sanitaria e Uisp che giovedì 20 aprile ha vissuto il suo momento conclusivo. Due invece le location, il campo di atletica leggera Tullio Biscuola e al pattinodromo, riservati rispettivamente ai bambini delle classi terze, quarte, quinte e prime e seconde degli istituti di Rovigo e Canaro (Comprensivo di Occhiobello).

Una giornata di festa all’insegna del gioco e del movimento con i temi dell’alimentazione e della mobilità (a piedi o in bicicletta) a farla da padroni e proseguito con l’animazione di Umberto Menon, l’esposizione di alcuni lavori prodotti dagli stessi ragazzi negli scorsi mesi e chiuso con la distribuzione di alcuni gadget quali t-shirt, racchettoni e giochi da tavolo vari.

Da quest’anno parte del Piano di prevenzione regionale, “Muovimondo”, giunto alla sua terza edizione, si è sviluppato lungo l’intero anno scolastico con incontri di formazione rivolti ai docenti cui son seguiti un paio di mesi di attività tra ottobre e dicembre: l’intento è stato quello di educare sin da piccoli alla sana alimentazione e in genere ad un corretto stile di vita, e al movimento con particolare riferimento alla bicicletta e allo spostamento a piedi, con l’intercultura a rappresentare il tema trasversale.vari

Cinquantasei in tutto le classi interessate tra capoluogo e resto del territorio provinciale per un totale di alunni che ha abbondantemente superato invece quota mille. Anime del progetto, in casa Uisp, Giulia Romani e Valentina Chinaglia, che hanno affiancato e supportato l’Ulss la cui referente è stata invece Maria Chiara Pavarin.

Giustamente soddisfatto il presidente di Uisp Tiziano Quaglia che incassa quindi un nuovo successo dopo quello di Giocagin commentando: “È fondamentale iniziare ad educare i nostri ragazzi sin da giovani su temi così centrali e fondamentali come l’alimentazione e l’intercultura. La nostra associazione crede in queste progettualità e continuerà ad affiancare l’azienda sanitaria in questo percorso di crescita e di formazione”.

C.S.



Articoli correlati


A Bosaro la festa dello sport
Inizia una “nuova stagione” per tutti gli ex atleti
"Il Castello dei Balocchi"
Coni: Confermato Bardelle, eletta la giunta
“A Tutto Sport”
Nuovi bandi regionali dedicati allo sport

Scrivi un commento!