Home » serie B2, Volley

Fruvit inizia i play off con una sconfitta

Infortunio alla regista Benedetta Ferrari
14 maggio 2017 Stampa articolo

volleyBlu Volley Quarrata – G.S. Fruvit Rovigo 3-0

(25-19, 25-18, 25-18)

Blu Volley: Breschi (29), Pazzaglia (8), Becucci (9), Di Gregorio (11), Degli Innocenti (4), Filindassi (11), Gradi, Zoppi, Grosso, Niccolai, Bagni, Capocasale, Chiti (L). Allenatore: Torracchi.

G.S.Fruvit: Coltro (3), Ferrari (1), Tosi (6), Toffanin (5), Battistella (5), Zocca Eleonora (2), Ferroni (12), Bolognesi (9), Zocca Martina, Negrato (L). Allenatore: Pantaleoni. Vice Allenatore: Perilli. Scout man: Albini.

QUARRATA (Pistoia) – Una brutta sconfitta in gara uno per Fruvit, che non lascia spazio a molti commenti, atteggiamenti opposti in campo, Quarrata spavaldo sicuro di se, Fruvit attendista, quasi remissivo.

La grana più pesante è l’infortunio del capitano Benedetta Ferrari, che quasi sicuramente salterà gara due per una distorsione alla caviglia, procuratasi saltando sui piedi di una compagna, durante una fase di gioco.

L’inizio di gara è di studio per entrambe le formazioni, che giocando punto a punto arrivano al primo parziale tecnico sull’8-7, e al secondo Fruvit è sotto di due lunghezze, 16-14.  Quarrata ha un break positivo di cinque punti, 21-17, e riesce ad ipnotizzare le giocatrici rodigine.

Il secondo set parte bene per Fruvit, 5-8, poi non c’è ne più per nessuno, Blu Volley recupera e sorpassa alla grande, 16-11, Fruvit non reagisce e si trova 21-13, con un distacco importante che non lascia margine ad un recupero.

Stessa partenza nel terzo set, dove le polesane hanno un sussulto d’orgoglio, il primo time out tecnico le vede in vantaggio di una lunghezza, ma al secondo sono già in rincorsa, 16-14. Quarrata affonda il coltello con i centrali e si porta 21-15. Fine dei giochi in gara uno.

Sconsolatissimo a fine partita, coach Pantaleoni, più dispiaciuto delle condizioni di Ferrari, che per il risultato.

“Sconfitta inequivocabile della Fruvit, contro una squadra più abituata a certe partite di livello, diciamo alto. Se pensiamo che siamo arrivati terzi come loro, la differenza si è vista tutta. Tante situazioni di punteggio sfavorevoli per noi, tranne la battuta che è stata a nostro appannaggio, l’attacco positivo per loro, con il 38%, contro il nostro 31%, dicono con quanta difficoltà abbiamo messo giù la palla, e quindi anche nell’organizzare il gioco.

Dispiace ancora di più aver perso Benedetta Ferrari per una distorsione alla caviglia, non dopo un salto, ma pestando i piedi di una compagna, una situazione che dovrebbe risolversi in pochi giorni, ma, i giorni a disposizione sono pochissimi, volendo essere ottimisti.

Tornando alla partita, ci è venuto tutto male, muro compreso, che non ha risolto per noi certe situazioni che si venivano a creare sul loro attacco.

La difesa non mi è piaciuta per niente, doveva essere la nostra arma vincente, e invece è stata deleteria, nel senso che, erano sempre fuori tempo, scomposte, ma principalmente è mancato l’attacco.

Troppo inconcludenti, troppi attacchi su di loro, che non tiravano assolutamente più forte di noi, ma erano più organizzate.

C.S.



Articoli correlati


Spazio a nuovi tecnici federali
Santa Fè Villadose Prima Divisione in semifinale
Beng Rovigo si presenta
Santa Fè incassa 2 punti con Beng
Natascia Vianello resta al timone di Fipav Rovigo
"Sanfra in festa"

Scrivi un commento!