Home » basket, femminile, Serie C

Rhodigium Basket il sogno della serie B è rinviato

26 maggio 2017 Stampa articolo

basketSi infrange in gara 2 il sogno e l’obiettivo della prima squadra della Rhodigium Basket allenata da Maurizio Ventura, costretta ad arrendersi alle avversarie della Pallacanestro Mirano, che in campo casalingo si impongono sulle rodigine con punteggio finale di 53 a 46, conquistando la promozione in serie B.

La formazione di Ventura, arriva a questa finale rimaneggiata, con due giocatrici fondamentali come Irene Favaro e Alice Zampini infortunate oltre a Malin assente da tempo, ma nonostante ciò c’è la voglia e la determinazione di portare la serie sul pareggio e riscattarsi di una gara 1, persa immeritatamente in campo casalingo.

Le giocatrici scese in campo tengono il ritmo delle avversarie fino al secondo quarto, facendosi talvolta rincorrere, riuscendo a portarsi avanti di qualche lunghezza. Che fosse stata una partita difficile lo si sapeva fin dall’inizio, il clima in cui le due concorrenti della finale si ritrovano ad affrontarsi è molto acceso, sia per l’importanza della partita, sia per la presenza di un numeroso pubblico negli spalti, che si fa sentire non poco. Tuttavia, le atlete di coach Ventura approcciano, inizialmente, la partita con grinta e lucidità, e tengono sotto tiro le avversarie con le triple di Martina Barlati e le buone giocate in attacco del quintetto sceso in campo. Dopo l’intervallo le avversarie ingranano la quinta e piazzano il parziale decisivo, con alte percentuali da fuori dall’area, consolidando così un vantaggio di 10 lunghezze che mette alle strette le rodigine. Nell’ultima frazione di gioco le avversarie riescono a tenersi stretto il vantaggio e a contenere le rodigine che tentano fino all’ultimo la rimonta. Non riescono nell’impresa, seppur avendoci provato fino alla fine, coordinate da soluzioni tattiche disposte da coach Ventura. Devono così arrendersi alle Miranesi che vincendo 53 a 46 conquistano la tanto ambita serie B, massima categoria regionale.basket

“Rimane l’amaro in bocca per non aver potuto affrontare la serie finale al meglio della condizione fisica, afferma la presidente Mariapaola Galasso. ma il secondo posto conquistato durante la fase di qualificazione è segno del buon lavoro svolto durante l’anno.

Voglio quindi ringraziare tutte le ragazze che si sono impegnate con costanza e grande dedizione, Maurizio Ventura per l’impronta di professionalità cha ha dato alla squadra, Nicola Braggion per i consigli tecnici e tattici che è sempre in grado di dare. Un ringraziamento ai dirigenti Marina Roncon e Franco Roveron e a tutti i tifosi che, devo dire si sono legati alla squadra seguendola anche in trasferta.

Il numeroso pubblico presente all’ ultima partita in casa è il miglior segnale di apprezzamento del lavoro svolto dalla società che, partendo nel 2010 da un nucleo di 15 ragazze ha saputo ritagliarsi uno spazio di rilievo nel basket femminile veneto.

Martina Barlati 11, Elisa Ballarin 10, Chiara Turri 9, Silvia Favaro 7, Ilaria Zamboni 3, Sara Cappellato 2, Gaia Vantini 2, Mara Veronese 2, Chiara Masarà, Monica Marucco, Carla Veronese

C.S.



Articoli correlati


Sabato sarà una grande giornata per la Rhodigium Basket
Rhodigium Basket piega la Piovese
Il Bussana liquida gli Aviatori e passa ai Play Off
Rhodigium Basket travolge Fumane
Basket San Martino espugna il campo dell’Arcs Unipd
"A volte ritornano". Giulia Pegoraro playmaker della Rhodigium Basket

Scrivi un commento!