Home » canoa polo

Il diario di bordo di Edoardo Marangoni

Canoe Rovigo, una settimana di esperienze positive al raduno sportivo all’estero
30 agosto 2017 Stampa articolo

canoaYpres (Belgio) – È tornata soddisfatta la squadra di canoa polo del Canoe Rovigo, che si è recata a Ypres nel nord del Belgio per un raduno sportivo, in concomitanza con il 22’ International Tournament “De Paddel”.

Scrive l’atleta Edoardo Marangoni, che ha preso parte all’avventura sportiva:

«Dopo un’estenuante giornata di viaggio, attraversata l’Europa, i ragazzi del Canoe Rovigo sono stati accolti dalla società di casa, il club belga “De Paddel” che ha messo a disposizione il proprio centro sportivo per la permanenza della squadra fino all’inizio dello storico Torneo Internazionale, che si sarebbe svolto proprio nella cittadina di Ypres. La settimana è proseguita in un alternarsi di allenamenti con le squadre di casa e viaggi turistici nelle vicinanze: Bruges, le spiagge del Mare del Nord, ma anche la magnifica Parigi. Il giorno antecedente al torneo la squadra ha spostato “l’accampamento” nei pressi del campo di gara e si è preparata per l’intenso week-end che sarebbe seguito. Il Torneo, di fama internazionale, è stato pronto ad accogliere team di tutta Europa, con squadre provenienti da vari club – come appunto i nostri ragazzi del Canoe Rovigo – ma anche formazioni nazionali come Germania, Spagna e Portogallo; la competizione, suddivisa in tre categorie (I cat., II cat. e Femminile e Under18), ha visto confrontarsi in campo più di 50 squadre. I rodigini si sono battuti contro i rivali appartenenti alla II categoria. La nostra squadra, accompagnata dall’allenatore Mauro Bevilacqua, ha schierato in acqua 6 ragazzi agguerritissimi: Pawel Kruc, Edoardo Marangoni, Sara Caredda, Manuel Altafin, Matteo Moschetta e Nicolò Caredda, mentre le fortissime compagne Maddalena Lago e Chiara Trevisan erano impegnate nel Raduno Nazionale a Pozzuoli. La prima giornata di partite è terminata con una nota dolente: i ragazzi, avendo perso una partita, non sono passati nella prima metà della classifica; nonostante ciò, senza lasciare che lo sconforto prendesse il sopravvento, si sono destreggiati nel secondo girone, quello della domenica: sono riusciti a sbaragliare tutti gli avversari, piazzandosi primi e terminando così il Torneo a metà classifica. Anche se senza coppe o medaglie, i ragazzi sono tornati a casa carichi di un bagaglio di emozioni e nuovi concetti, come quello che è ormai il motto della squadra: “l’unione fa la forza”».

canoa

Canoe Rovigo, Mauro Bevilacqua, Manuel Altafin, Nicolò Caredda, Matteo Moschetta, Sara Caredda, Edoardo Marangoni, Pawel Kruc

C.S.



Articoli correlati


Scrivi un commento!