Home » Rugby, Senza categoria

Tramontin e Scalia a Stanghella per raccontare “Storia e humor della palla ovale”

19 settembre 2017 Stampa articolo

rugbyIn un momento davvero difficile per il rugby nostrano, dove tutti i giorni infuria la guerra intestina tra Rugby Rovigo Delta e Monti Rugby Rovigo, dove la Federazione sembra lontana anni luce dalla realtà della base, in un rugby dove la Nazionale e le franchigie collezionano sempre più delusioni e si trovano ad affrontare crisi economiche e di risultati sempre più pesanti, è forse meglio provare a stemperare le tensioni tornando a parlare di quello che era il rugby delle origini, quello dove a farla da padroni erano solo il divertimento ed il fair play, un rugby vero insomma e non quello teorizzato dai tanti tuttologi che infestano le pagine dei giornali e le trasmissioni sportive televisive.

L’occasione per farci tornare alla realtà dei fatti permettendoci finalmente di poter riassaporare il gusto del rugby, quello che esce dalle nebbie della storia, ce la consegneranno su di un piatto d’argento Daniela Scalia e Luca Tramontin, due grandi personaggi del giornalismo sportivo televisivo che saranno ospiti alla Club Hause del Rugby Stanghella sabato 23 Settembre prossimo, dalle ore 21.00, con la loro “Storia e humor della palla ovale”.

Non è la prima volta che i due brillanti giornalisti vengono dalle nostre parti per raccontare la loro versione dei fatti sullo sport che in questo angolo dello “Stivale” ha messo radici profonde. Correva infatti l’anno 2014 quando, nella sera del 29 gennaio, la New Ascaro Rovigo asd in collaborazione con il Rugby Club Posse Rossoblu, organizzarono in un altra Club Hause, la Casetta Rossoblu, quella del tempio del rugby italiano, l’evento nel quale Daniela Scalia e Luca Tramontin portarono per la prima volta in Polesine la loro originale, quanto interessante “storia del rugby”. Una bella serata alla quale parteciparono anche alcuni personaggi della storia della Rugby Rovigo oltre che ad un folto ed interessato pubblico.

In “Storia e humor della palla ovale” si raccontano storie ed episodi di rugby ma non solo. Questa esperienza infatti va vissuta anche come un viaggio nel tempo dove si analizza come, da quel “brodo primordiale” che era il football d’inizio ‘800, si svilupparono quelli che sono tutti gli sport di squadra che oggi conosciamo. Inevitabilmente si sconfina e ci si spinge anche a esplorare altre discipline sportive, il tutto raccontato spesso anche in chiave ironica ed arricchito da episodi, anche personali, dei due protagonisti che alla fine arrivano a definire quella che è la storia dello sport e soprattutto quella che dovrebbe essere l’anima di qualsiasi disciplina sportiva.

L’inaugurazione del nuovo Centro Sportivo di Stanghella (PD), dove l’intenzione della locale Polisportiva è quella di dare pari spazio e dignità a quante più discipline sportive possibile, non poteva fare da cornice migliore a questo evento che è stato fortemente voluto da Manilo Sarto e Raffaello Franco, presidenti rispettivamente del Rugby Stanghella e della New Ascaro Rovigo, società che da qualche tempo collaborano in simbiosi per la promozione dello sport tra le famiglie, sport che dev’essere sempre più parte attiva ed integrante della vita di tutti i giorni per i bambini, per i giovani ed anche per gli adulti. Tutte cose che si dicono sempre ma che spesso non vengono messe davvero in pratica.

Luca Tramontin e Daniela Scalia non hanno certo bisogno di presentazioni. Giornalisti e cronisti sportivi di lungo corso, in passato hanno condotto alcune trasmissioni su Sport Italia e su altre emittenti televisive anche estere, ma considerarli dei semplici giornalisti vorrebbe dire sminuirne la professionalità. Luca e Daniela infatti, negli ultimi anni, hanno intrapreso anche un’altra interessante esperienza, un’avventura che, quando vennero a Rovigo nel 2014, era solo un’idea allo stato embrionale e che oggi invece è una straordinaria e solida realtà. Stiamo parlando ovviamente di “Sport Crime”, la fiction televisiva a produzione internazionale scritta ed interpretata dai nostri ospiti e della quale Luca Tramontin cura pure la colonna sonora. Ovviamente i due sono anche scrittori e “In onda con tre dita” (Miraggi Edizioni) è solo l’ultima opera letteraria nella quale Luca Tramontin si racconta a 360 gradi e dove Daniela Scalia interviene quasi a regolare la troppa esuberanza del collega perchè, come dice sempre Luca:<<Dani oltre che la parte bella è anche la parte razionale e coordinativa>>. Un libro insomma tutto da leggere e da godere fino all’ultima riga, dove si parla di sport e non solo perché questi due personaggi, dalle tante sfaccettature e dalle mille iniziative, sono anche molto impegnati nel sociale ed inoltre sono anche degli straordinari atleti praticanti con alle spalle carriere ad alto livello agonistico. E poi, se vogliamo dirla proprio tutta, Daniela e Luca amano bazzicare nelle nostre zone, qui dove il rugby è vissuto con passione. Proprio a Rovigo infatti vollero girare il promo del loro “Sport Crime”, li sul prato e sulle gradinate del “Battaglini”, uno stadio che sa regalare grandi emozioni, le stesse emozioni che Scalia e Tramontin sanno trasmettere nelle loro serate mai troppo scontate.

C.S.



Articoli correlati


Vigilia di Pasqua in campo per i Bersaglieri
Nel nome della palla ovale: nasce il binomio Frassinelle-Arquà
I primini del “Celio-Roccati” in campo al “Battaglini”
Sconfitta con bonus per Rugby Villadose
Domenica il Rugby Rovigo in trasferta a Mogliano
Fulvia Tour Rugby Villadose riceve il Rugby Feltre

Scrivi un commento!